venerdì 7 febbraio 2020  09:33 

“Da oggi in poi con un semplice click ogni cittadino potrà monitorare in modo del tutto trasparente tutti i posti disponibili alle ore 8 del mattino per prestazioni sanitarie, classi di priorità (breve, differita, programmata) e area vasta di interesse, struttura per struttura”. Lo ha annunciato questa mattina il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, nel corso di una conferenza stampa insieme al presidente della Commissione Sanità, Fabrizio Volpini, per illustrare l’ultima novità, in ordine di tempo, dell’operazione di azzeramento delle liste di attesa messa in campo dalla Regione Marche.

Per accedere alle informazioni basta collegarsi al sito www.regione.marche.it/tempidiattesa e cliccare alla voce “disponibilità Cup”, quindi inserire i dati relativi alla prestazione richiesta e alla priorità.

“Attivato – ha continuato Ceriscioli - il sistema bonus/malus e delle liste di garanzia che ha permesso di soddisfare, negli ultimi 4 mesi, tra il 97 e il 99% di richieste, garantite le visite e gli esami entro i tempi decisi dal medico grazie all’aumento di circa 60mila posti disponibili tra strutture pubbliche e convenzionate. Abbiamo puntato a rendere il servizio sempre più accessibile e trasparente per i cittadini. I risultati ci dicono che stiamo ottenendo quei valori straordinari già confermati alla fine dell’anno, ma la cosa più interessante è che facciamo un ulteriore salto di qualità sulla trasparenza delle disponibilità permettendo a tutti di poter accedere al quadro di quanto verrà offerto nella giornata in termini di attività specialistica sull’intero territorio regionale.

Ora, quasi azzerate le liste di attesa, lavoriamo per rendere più celeri possibile i tempi della prenotazione eliminando anche le code agli sportelli e al telefono. Fondamentale la collaborazione delle farmacie e dei medici di medicina generale. Più sportelli di prenotazione avremo a disposizione, più saranno limitate le chiamate”.

“Da medico, prima ancora che come amministratore – ha commentato Volpini -, devo dire che la situazione è nettamente migliorata da quando è stata messa in campo quella che ritengo una vera e propria rivoluzione sulle liste di attesa. I codici di priorità sono finalmente rispettati. Questo di oggi è un ulteriore passo avanti così come procede bene la dematerializzazione della ricetta arrivata a punte che sfiorano il 90% in alcune aree”.

Si continua quindi a lavorare sui nuovi obiettivi che prevedono: un’accessibilità più semplice utilizzando la carta di identità elettronica come codice autenticazione; la visita disponibile nel proprio distretto o in quello confinante; l’estensione del BONUS per le prestazioni a impatto sociale più rilevante: visita nefrologica, ematologica, reumatologica, neurochirurgica, allergologica (queste si aggiungono alle 69 già monitorate in base al Piano Nazionale delle Lista di Attesa).Da ricordare inoltre l’introduzione della Lista di Garanzia: se al momento della prenotazione non ci dovesse essere posto, accettando l'inserimento l’utente sarà richiamato direttamente dal CUP, che troverà un appuntamento nel tempo previsto dalla ricetta.