Paesaggio, Territorio, Urbanistica, Genio Civile

Contatti

Dirigente Posizione di Funzione Urbanistica, Paesaggio e Informazioni territoriali

Arch. Achille Bucci - tel. 071.8063536

achille.bucci@regione.marche.it

Segreteria 

Isabella Gherlantini - tel. 071.8063536 / fax 071.8063014 

funzione.urbanistica@regione.marche.it

PEC: regione.marche.paesaggioterritorio@emarche.it

Consultazione e distribuzione

Geom. Luca Ambrosini tel. 071-8063538

luca.ambrosini@regione.marche.it

Banche dati cartografiche

Ing. Alessia Lacerra  tel. 071.8063540

alessia.lacerra@regione.marche.it

Cartografia e geodesia

Ing. Massimiliano Gabrielli  tel. 071.8063955

massimiliano.gabrielli@regione.marche.it

Cartografia geologica

Dott.ssa.Claudia Bettucci  tel. 071.8063947 claudia.bettucci@regione.marche.it


WebGIS

 


Il Web Gis CTR Marche rappresenta la Carta Tecnica Regionale (CTR), che è la base cartografica regionale, con la possibilità di sovrapporre alcuni strati di interesse regionale quali la rappresentazione Limiti Amministrativi relativa ai Comuni e alle Province della Regione Marche, i beni paesaggistici (cosiddetti Bellezze Naturali e Galassini) previsti dall’art. 136 del Codice del Paesaggio (D.lg.vo 42/2004) e gli Ambiti Amministrativi. 

La base cartografica vettoriale visualizzata alle differenti scale deriva dalle informazioni contenute nella Carta Tecnica Regionale (CTR scala 1:1000), ad aumentare del livello di ingrandimento si incrementa il grado di dettaglio della rappresentazione, fino a visualizzare la CTR nella sua versione a stampa.

Tutti gli strati informativi, a partire dai livelli dei Beni Paesaggistici, sono interrogabili restituendo le principali informazioni relative all’elemento grafico selezionato. 

Per permettere una migliore fruizione del sistema è prevista una funzione di ricerca per Toponimo.

Il sistema permette inoltre di creare delle stampe delle aree di interesse.

 

 

 

Carta di Localizzazione Probabile delle Valanghe della Regione Marche (CLPV)

 

Il Servizio di Protezione Civile (con la collaborazione del Servizio Tutela Gestione e Assetto del Territorio) ha realizzato il Sistema Informativo della Carta di Localizzazione Probabile delle Valanghe (comunemente indicata con sigla CLPV). Per tutte le informazioni tecniche sulle CLPV è possibile accedere alla pagina della Protezione Civile al seguente link:

http://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Protezione-Civile/Progetti-e-Pubblicazioni/Studi-Meteo-Idro#Carta-Valanghe-(CLPV)

La P.F. Urbanistica, Paesaggio e Informazioni Territoriali ha realizzato Il Web Gis della Carta di Localizzazione Probabile delle Valanghe (CLPV) della Regione Marche che rappresenta, sulla base cartografica regionale, i siti valanghivi e le aree pericolose ricavati dall’attività di Fotointerpretazione e/o di Inchiesta sul terreno.

 

La base cartografica vettoriale visualizzata alle differenti scale deriva dalle informazioni contenute nella Carta Tecnica Regionale (CTR scala 1:1000); all’aumentare del livello di ingrandimento si incrementa il grado di dettaglio della rappresentazione, fino a visualizzare la CTR nella sua versione a stampa. Per migliorare la riconoscibilità dei luoghi e far apprezzare la loro trasformazione nel tempo c’è la possibilità di visualizzare, solo alle scale di dettaglio, una serie di ortofoto che coprono il periodo temporale dal 1997 al 2013.

Tutti gli strati informativi sono interrogabili restituendo le principali informazioni relative all’elemento grafico selezionato.  Per permettere una migliore fruizione del sistema sono previste delle funzioni di ricerca strutturate per Località, Colatoi, Sito Valanghivo.

Il sistema permette inoltre di creare delle stampe delle aree di interesse.

 

 

Il Web Gis dei Beni Paesaggistici della Regione Marche rappresenta, sulla base cartografica regionale, i beni paesaggistici previsti dall’art. 136 del Codice del Paesaggio (D.lg.vo 42/2004); nonché le zone di interesse archeologico vincolate ai sensi dell’articolo 142 lett. m) del Codice del Paesaggio.

La base cartografica vettoriale visualizzata alle differenti scale deriva dalle informazioni contenute nella Carta Tecnica Regionale (CTR scala 1:1000), ad aumentare del livello di ingrandimento si incrementa il grado di dettaglio della rappresentazione, fino a visualizzare la CTR nella sua versione a stampa.

Per migliorare la riconoscibilità dei luoghi e far apprezzare la loro trasformazione nel tempo c’è la possibilità di visualizzare, solo alle scale di dettaglio, una serie di ortofoto che coprono il periodo temporale dal 1977 al 2013.

Tutti gli strati informativi, a partire dai livelli dei Beni Paesaggistici, sono interrogabili restituendo le principali informazioni relative all’elemento grafico selezionato.

Per i livelli relativi ai Beni Paesaggistici è possibile visualizzare, tramite collegamento ipertestuale, una scheda identificativa dove sono schematizzate le informazioni relative alle aree tutelate. Da detta scheda si visualizzano le specifiche cartografie di dettaglio dove vengono individuati, anche su base catastale, i perimetri tutelati. Per i beni paesaggistici previsti dall’art. 136 del Codice del Paesaggio è possibile visualizzare anche copia dei provvedimenti di tutela.

Avvertenza : Le perimetrazioni delle aree tutelate derivano da un lavoro di trasposizione sulla base cartografica ufficiale della Regione Marche (CTR), e su base catastale, delle informazioni contenute nei decreti di vincolo vigenti. Dette operazioni sono state svolte in condivisione da tecnici della Regione Marche e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Le schede monografiche identificative relative alle aree perimetrate costituiranno un elaborato dell’aggiornamento del Piano Paesistico Regionale in corso di revisione. Sino all’approvazione del Piano i perimetri individuati costituiscono un’utile indicazione per la localizzazione delle aree vincolate che dovrà comunque fare sempre riferimento agli atti istitutivi. In considerazione della potenziale non esaustività della banca dati del Web Gis rispetto alla situazione vincolistica effettiva, della variabilità del grado di accuratezza posizionale delle delimitazioni di vincolo rappresentate nel sistema rispetto a quanto determinato da norme e provvedimenti ufficiali, nonché delle particolari problematiche relative alla corretta perimetrazione delle aree tutelate, il Web Gis dei Beni Paesaggistici della Regione Marche  è attualmente da considerarsi un sistema di archiviazione e rappresentazione a carattere meramente informativo e di supporto ricognitivo, attraverso il quale è possibile effettuare riscontri sullo stato della situazione vincolistica relativa ai beni paesaggistici previsti dall’art. 136 del Codice del Paesaggio in via di prima approssimazione, ma a cui non può essere attribuita valenza di tipo certificativo.”


Per permettere una migliore fruizione del sistema sono previste delle funzioni di ricerca strutturate per Comune, per Toponimo, per Foglio catastale e per dati relativi ai Beni Paesaggistici.

Il sistema permette inoltre di creare delle stampe delle aree di interesse.

 

 

MANUALE D'USO del Sistema Informativo Beni Paesaggistici della Regione Marche

 

 

 

 

 

 

Il Web Gis degli Ambiti Amministrativi della Regione Marche rappresenta i contenuti del piano dei Servizi Sociali della Regione Marche di cui alla DGR n. 592  del 19/03/2002 "Modifica alla DGR n. 337 del 13.02.2001 - Istituzione degli Ambiti Territoriali", come aggiornata dalla D.G.R. n. 1649 del 26/11/2012.

La base cartografica vettoriale visualizzata alle differenti scale consiste nella rappresentazione dei Limiti Amministrativi relativa ai Comuni e alle Province della Regione Marche, ricavati mediante verifica degli elementi fisici presenti nella Carta Tecnica Regionale (scala 1:10.000) con le informazioni sui confini derivanti dalla cartografia catastale. Aggiornamento al 2013

Gli strati informativi, Limiti Amministrativi e Ambiti amministrativi – Piano dei Servizi Sociali, sono interrogabili restituendo le principali informazioni relative all’elemento grafico selezionato. 

Il sistema permette inoltre di creare delle stampe delle aree di interesse.

 

 

 

 

 

Il Web Gis dell’ Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia (IFFI) rappresenta, sulla base cartografica regionale, un quadro dettagliato sulla distribuzione dei fenomeni franosi sul territorio della Regione Marche.

Il Progetto IFFI costituisce il primo inventario omogeneo dei fenomeni franosi sull'intero territorio nazionale, è stato realizzato dalle Regioni e Province Autonome d'Italia, in collaborazione con il Dipartimento Difesa del Suolo - Servizio Geologico d'Italia dell'APAT (ora in ISPRA).

Per la Regione Marche i dati risalgono dalla seconda metà degli anni 90 fino ai primi anni 2000.

La base cartografica vettoriale visualizzata alle differenti scale deriva dalle informazioni contenute nella Carta Tecnica Regionale (CTR scala 1:1000), ad aumentare del livello di ingrandimento si incrementa il grado di dettaglio della rappresentazione, fino a visualizzare la CTR nella sua versione a stampa.

Tutti gli strati informativi, a partire dai livelli del Progetto IFFI, sono interrogabili restituendo le principali informazioni relative all’elemento grafico selezionato. 

Il sistema permette di creare delle stampe delle aree di interesse.