Cultura

News ed eventi

lunedì 5 dicembre 2016  11:42 

Il 7 dicembre, a Jesi nella prestigiosa sede di Palazzo Bisaccioni, partirà  la mostra "Futurismi - percorsi futuristi nell'arte del primo Novecento", promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e curata dal Prof. Stefano Papetti, Direttore Musei Civici e Galleria d'arte contemoporanea "Osvaldo Licini" di Ascoli Piceno.

L'intento dell'evento è quello di riportare l'attenzione sugli sviluppi che il Futurismo ha avuto nelle Marche a partire dal 1922, quando a Macerata, presso il Convitto Nazionale, il giovane pittore Ivo Pannaggi organizzò una mostra di opere di Balla, Boccioni, Carrà e Depero, e sui riflessi di tale stagione dell'arte italiana su quella marchigiana, che non furono di poco conto. 


Saranno esposte alcune opere di principali esponenti del movimento come Balla, Depero, Sironi e degli artisti marchigiani che hanno fatto parte del gruppo futurista o gruppo maceratese quali: Rolando Bravi, Cleto Capponi, Sante Monachesi, Ivo Pannaggi, Umberto Peschi, Bruno Tano e Wladimiro Tulli. 


La mostra, patrocinata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dalla Regione Marche, verrà inaugurata  il 7 dicembre 2016 alle ore 18.00 e le opere saranno esposte fino al 26 febbraio 2017 con i seguenti orari: tutti i giorni ore 9.30/13.00 e 15.30/19.30 Chiuso il 25 dicembre 2016 ed il 1° gennaio 2017. Ingresso libero


Comunicato stampa Fondazione

Invito
Redazione redazione@regione.marche.it host