Cultura

News ed eventi

mercoledì 11 gennaio 2017  10:17 
MarcheConcerti nasce dall'accordo raggiunto tra le  tre più importanti associazioni concertistiche regionali: 

Ente Concerti Pesaro, Società Amici della Musica “Guido Michelli” di Ancona,  Associazione Musicale Appassionata Macerata

Una rete culturale nell'ambito della musica classica e contemporanea, una forma di cooperazione che porta a condividere le proprie risorse per determinati progetti comuni, a coordinare e ampliare le proposte musicali, e offrire una più varia e alta qualità artistica sul territorio regionale in grado di competere anche con quella nazionale. Queste tre realtà, anche se intervengono ciascuna su di un territorio preciso, sono da moltissimo tempo il punto di riferimento della musica colta dell'intera regione e non solo. Tutte quante hanno attività che sconfinano oltre l'ambito cittadino, e convenzioni con scuole e università, altre istituzioni culturali e club di servizio.   
Gli Amici della Musica “Guido Michelli” sono attivi ad Ancona, pressoché ininterrottamente, dal 1914, e sono tra le associazioni concertistiche più antiche della nostra nazione. L'attività dell'Ente Concerti di Pesaro inizia nel 1961, e insieme ai concertisti di fama internazionale, coinvolge, tra gli altri, i migliori diplomati del Conservatorio di Musica della città.  La più giovane ma estremamente attiva Appassionata – non solo nel nome, quindi -  nasce nel dicembre 2007 per l'iniziativa di otto musicofili e musicisti con lo scopo di organizzare concerti ed eventi nella città e nella provincia di Macerata.

Tutte e tre le società di concerti hanno fisionomie simili - l'impegno alla diffusione della musica colta ad un alto livello artistico, un elevato numero di spettatori paganti, il riconoscimento ministeriale -, e condividono obiettivi simili il miglioramento delle condizioni degli artisti, la crescita culturale del pubblico, l'attenzione ai giovani, sia con forti riduzioni per gli ingressi ai concerti, sia come avvicinamento alla musica colta con progetti mirati, in collaborazione con le scuole, sia come promozione dei giovani musicisti; e poi, valorizzazione dei compositori marchigiani viventi e non, dei teatri più piccoli del territorio - come degli splendidi organi storici – molti, poco o per nulla utilizzati. Si è perciò convinti che la collaborazione e il coordinamento tra i soggetti della nuova rete e le istituzioni, politiche - prima fra tutte la Regione Marche -, ma anche educative, possano determinare un'effettiva crescita e una razionale intensificazione della vita musicale e culturale dell'intera regione.
Comunicato stampa
Eventi in programma 
Trio Parma 
Le imperdonabili 

lorella.taus lorella.taus@regione.marche.it lorella.taus