Cultura

Catalogo beni culturali

Grazie ad un intenso e qualificato lavoro di molti anni effettuato da studiosi e ricercatori, in prevalenza giovani, su iniziativa dell’allora Centro Beni Culturali della Regione Marche, sono state realizzate campagne di catalogazione del patrimonio culturale delle Marche, ricco e presente in modo diffuso in tutto il territorio.

Il Servizio Cultura della Regione Marche è ora in grado di presentare la banca dati contenente l’imponente lavoro realizzato, grazie anche all’apporto delle Soprintendenze e delle Diocesi marchigiane che hanno attivamente collaborato con la struttura regionale. In essa sono contenute oltre 200.000 schede catalografiche, tutte validate scientificamente e corredate da immagini, che costituiscono uno spaccato rilevante dell’arte e della cultura di questa straordinaria regione.

La banca dati è ora fruibile al vasto pubblico e consente di conoscere, più da vicino, i capolavori d’arte custoditi negli oltre 450 musei locali, i magnifici reperti presenti nei parchi e nelle aree archeologiche,  le interessanti costruzioni architettoniche che abbelliscono le nostre città ed i nostri borghi e tutto ciò che forma la storia dello straordinario tessuto culturale della nostra comunità.

La banca dati è anche uno strumento utile per tutti gli operatori del settore che, dall’agosto scorso e per molti anni a venire, saranno chiamati a misurarsi con la grave emergenza e con le ferite inferte al territorio ed al patrimonio culturale dal gravissimo sisma che ha colpito persone e beni materiali.

Preparatevi quindi ad un avvincente viaggio che vi porterà alla sorprendente scoperta di tante novità e di molti luoghi ai più sconosciuti, dove è facile incontrare capolavori d’arte che hanno fatto grande la tradizione e la storia artistica del nostro Paese.


Moreno Pieroni – Assessore alla Cultura e Turismo della Regione Marche
Luca Ceriscioli – Presidente della Regione Marche

Ricerca nel catalogo... 

Veduta di Caldarola con il Castello Pallotta
Veduta di Caldarola con il Castello Pallotta
'Produzione delle 'paiarole', Acquaviva Picena
Produzione delle 'paiarole', Acquaviva Picena
Progetto di spettacolarizzazione di Palazzo Ducale di Urbino
Progetto di spettacolarizzazione di Palazzo Ducale di Urbino
Andrea Lilli, Angeli musicanti (part.), Ancona, Pinacoteca Civica 'F. Podesti'
Andrea Lilli, Angeli musicanti (part.), Ancona, Pinacoteca Civica 'F. Podesti'

 

Il Sistema Informativo Regionale del Patrimonio Culturale (SIRPaC) integra al suo interno le risorse digitali raccolte dalla Regione Marche nell'ambito delle sue pluriennali attività di catalogazione del Patrimonio Culturale secondo gli standard ICCD. La consultazione del Catalogo offre una visione d'insieme del patrimonio regionale. Numerose sono le interrelazioni che legano le diverse espressioni dell'identità culturale. Opere d'arte e oggetti della memoria, documenti e tradizione orale, monumenti architettonici e ambiente: prodotti dall'azione dell'uomo nel tempo, azione che produce sempre nuovi beni e nuovi paesaggi. Musei, siti e luoghi della cultura in genere possono essere esplorati insieme alle opere d'arte, ai reperti archeologici, ai beni demoetnoantropologici, al patrimonio storico-scientifico, alle testimonianze materiali e immateriali in essi contenuti o rappresentati.  I dati messi qui a disposizione sono quelli visibili senza alcuna registrazione e permettono una consultazione di base delle informazioni, comunque sufficiente alla corretta identificazione dei beni. Coloro che sono interessati ad avere un maggior dettaglio di informazioni sul patrimonio culturale della Regione Marche possono visitare la pagina Vademecum. Nel 2010 l'Amministrazione regionale ha avviato un progetto che ha previsto la reingegnerizzazione del database che sta alla base del sistema informativo, secondo un'architettura relazionale flessibile, consentendo l'integrazione con altre banche dati e, nel contempo, semplificando le operazioni di inserimento, pubblicazione e consultazione.  Il nuovo sistema, realizzato nel rispetto di standard nazionali ed internazionali e degli strumenti interni di gestione e pubblicazione delle informazioni catalografiche, ha consentito alla Regione Marche di conseguire ottimi risultati nell'ambito di progetti legati alla interoperabilità dei sistemi informativi della cultura, quali quelli nazionali CulturaItalia  e  MuseiD-italia e quello europeo Europeana.



Ricerca nel catalogo... 

Suggerimenti per la ricerca

Questo strumento di ricerca permette di selezionare gli oggetti presenti nel catalogo utilizzando fino a sei differenti criteri di filtro: Quale tipologia di bene si vuole cercare, l'Argomento specifico, Dove sono ubicati i beni di interesse, Chi ne è l'autore, Chi è il soggetto rappresentato e Quando è stato realizzato il bene.
Può essere specificato un singolo criterio o una qualsiasi loro combinazione. Il motore di ricerca utilizzato si comporta come Google, nel senso che restituisce in ordine decrescente tutti i beni che hanno attinenza con i criteri impostati entro una tolleranza stabilita.
Alcuni suggerimenti utili:

  • In ogni criterio di ricerca si possono inserire contemporanemante più termini. Il sistema restituisce in questo caso tutti i beni che hanno attinenza con uno qualsiasi dei termini indicati. Se però si desidera ricercare SOLAMENTE gli oggetti che hanno attienza con TUTTI i termini inseiriti, è sufficiente anteporre un + a ciascun termine. Ad esempio, se si ricerca nel criterio COSA Nicola Tolentino vengono restituiti circa 730 beni (tutti quelli che hanno a che fare con Nicola OPPURE con Tolentino); impostando invece Nicola + Tolentino vengono restituiti solamente 160 beni (tutto quelli che hanno attinenza sia con Nicola che con Tolentino).
  • Se si ricercano beni (con uno qualsiasi dei sei criteri) preceduti da un apostrofo, è necessario far precedere al termine l'apostrofo stesso. Così, ad esempio, se si è interessati ai beni di Sant'Ippolito, va scritto per esteso nel criterio Dove Sant'Ippolito e non solamente Ippolito.
  • Sono disponibili (cliccando sulle parole COSA, DOVE, CHI, QUANDO della maschera di ricerca) help on line per ogni specifico criterio: è consigliabile una loro consultazione per sfruttare al meglio le potenzialità del sistema.

Il risultato delle ricerche viene visualizzato con un'anteprima delle immagini con i dati identificativi del bene. In alto viene indicato il totale degli oggetti trovati con relativa paginazione.
Sulla sinistra dello schermo i risultati della ricerca sono visualizzati raggruppati per provincia e per tipologia del bene.
I raggruppamenti sono cliccabili, come strumento di navigazione all'interno della ricerca effettuata.
In fondo alla pagina, infine, è presente il bottone per tornare a questa pagina di ricerca.

ATTENZIONE: Nel caso in cui la ricerca sia troppo estesa vengono visualizzati i primi 1.000 oggetti: un messaggio consiglia di rifare la ricerca raffinandone i criteri.

Rocca D'Ajello, Camerino
Rocca D'Ajello, Camerino
Grotte di Frasassi'
Grotte di Frasassi
Il lago di Cingoli con la vetta innevata del Monte San Vicino sullo sfondo
Il lago di Cingoli con la vetta innevata del Monte San Vicino sullo sfondo
La Quintana di Ascoli Piceno
La Quintana di Ascoli Piceno

Il patrimonio culturale marchigiano si contraddistingue per il suo carattere diffuso e stratificato, costituito dalla compresenza nel territorio di tipologie diverse di beni collocati in realtà eterogenee e a volte scarsamente conosciute a causa, per lo più, della loro localizzazione. In tale contesto sono stati creati ad hoc dei Percorsi Tematici al fine di rendere la navigazione ancor più accattivante per l’utente, attingendo alla banca dati del Sistema Informativo Regionale del Patrimonio Culturale (SIRPaC).

Marche, penisola nella penisola, regione adriatica nel Mediterraneo, approdo sicuro per chi cerca dimensioni d’altri tempi ma nel tempo. Cinque province, uniche e singolari...
Un progetto di ricerca, una ricognizione di opere d’arte che a vario titolo hanno lasciato le loro originarie sedi marchigiane e oggi si trovano gelosamente custodite in tutto il mondo...
Scenari paesaggistici e centri abitati conservano segni più o meno evidenti del mutato rapporto uomo ambiente. Dal paesaggio montano, costellato di borghi d’altura, rocche, fortezze d’epoca medioevale...
La Regione vanta santuari di fama internazionale e numerosissime abbazie, chiese romaniche e chiese barocche immerse in un paesaggio di grande bellezza e ricche di opere d'arte, luoghi di culto che costituiscono un richiamo per credenti e non...
Il patrimonio archeologico marchigiano è la testimonianza materiale della partecipazione ininterrotta di un territorio, solo apparentemente periferico, alla macrostoria. Le Marche, infatti, sono una regione...
E' un viaggio affascinante quello che si affronta alla scoperta della cultura pittorica marchigiana. Dipinti ed affreschi si offrono all'attenzione del pubblico e degli studiosi, muti testimoni di un intenso intreccio...