Cultura

Ricerca museo > i musei di ASCOLI PICENO > Musei della Cartiera Papale - ll processo produttivo della carta – Museo naturalistico “A. Orsini” – Raccolta delle incisioni “N. Gulino”
Musei della Cartiera Papale - ll processo produttivo della carta – Museo naturalistico “A. Orsini” – Raccolta delle incisioni “N. Gulino”
  • Indirizzo :Cartiera Papale - Via della Cartiera,1 (AP) ASCOLI PICENO
  • Tel. : 0736 277548
    Fax : 0736 277547
  • Email : museidellacartiera@provincia.ap.it   
  • Sito web : http://www.provincia.ap.it
  • Orario : Sab/dom/festivi dalle 10.30 alle 12.30 dalle 16.00 alle 18.00. Tutti i giorni per gruppi su prenot.
    Note : L'estensione dei giorni e degli orari di apertura varia in base alle disponibilità finanziarie.
  • Ingresso : prezzo intero: 4 €; prezzo ridotto: 2 €
  • Tipologia : Scienza e tecnica Specializzato - Rete Cea del Piceno Eco Museo dell'acqua
  • Servizi : Archivio, Area per accoglienza, Biglietteria, Book-shop, Guardaroba, Sala conferenze, Sala o laboratorio per attività didattiche, Sala proiezione audio/video, Sala/e studio e ricerca

  • La sede e le collezioni
  • La prestigiosa struttura della Cartiera Papale di Ascoli Piceno è diventata una vera e propria “cittadella della scienza” al servizio della cultura, dell’innovazione e della diffusione della cultura scientifica e manifatturiera del territorio. All’interno dell’antico opificio è stata allestita un’esposizione che documenta, anche con macchine d’epoca recuperate o ricostruite, il processo produttivo della carta. Al terzo piano dell’edificio è stata invece trasferita l’importante raccolta naturalistica collezionata dallo scienziato ascolano Antonio Orsini.

    Le raccolte ospitate comprendono collezioni di orittognostica, geognostica, paleontologia, conchiglie marine, terrestri e d'acqua dolce, erbarie.
    I reperti sono ordinati in vetrine fatte costruire appositamente dal nipote dell'Orsini. Si possono ammirare, tra l'altro, specie della flora regionale da lui scoperte ed a lui dedicate, di cui alcune rare o non più ritrovate, poiché gli ambienti in cui vivevano sono scomparsi.

    Nella Sala Macine è invece ospitata la mostra permanente dedicata all’opera dell’illustre incisore Nunzio Gulino.

     

      



  • Stampa