Cultura

Museo accessibileCasa Rossini


  • Indirizzo :casa di Rossini - Via Rossini,34 (PU) PESARO
  • Tel. : 0721 387357
    Fax : 0721 638271
  • Email : pesaro@sistemamuseo.it   
  • Sito web : http://www.pesaromusei.it/
  • Accessibilità:
    motoria: SUFFICIENTE
    visiva: DISCRETO
    uditiva: SUFFICIENTE
    Scheda accessibilità   
  • Orario : INV (ottobre-maggio) mar-giov 10-13;ven-dom10-13;15.30-18.30/EST (giugno-settembre) mar-dom 10-13;16,30-19,30. Luglio e agosto giovedì anche 21-23. Periodo ROF tutti i giorni 10-13,16.30-23.
    Note : Periodo ROF dal 10/08 al 23/08.
  • Ingresso : prezzo intero: 10 €; prezzo ridotto: 8 €; gratuito under 19. Possessori card Pesaro Cult € 5 Museo associato a Carta Musei Marche
  • Tipologia : Specializzato - Casa Museo
  • Servizi : Biglietteria, Book-shop, Merchandising, Sala o laboratorio per attività didattiche, Sala proiezione audio/video, Percorsi tattili, Strumenti multimediali e digitali, Audioguide anche in LIS, Animazioni virtuali e video

  • La sede e le collezioni
  • Il Museo rossiniano, ospitato nella palazzina in cui Gioachino Rossini nacque il 29 febbraio 1792, nasce da diverse donazioni. Pur non potendo competere con le più scenografiche residenze patrizie della città, l'edificio possiede una sua qualità formale che lo distingue e lo fa apprezzare nel tessuto architettonico cittadino. Composta da quattro piani e da un sotterraneo, la casa rossiniana è realizzata per fasi successive tra il XIV e il XVIII secolo. Il materiale documentario, costituito da un ricco patrimonio di stampe e da alcuni cimeli legati alla vita e all'opera di Rossini, è articolato secondo un itinerario biografico-creativo. Il nucleo centrale della raccolta è costituito dal lascito del grande collezionista parigino Alphonse Hubert Martel. La donazione avvenne intorno alla fine dell'800, mentre il museo fu organizzato e aperto al pubblico il 29 febbraio del 1904; nella stessa data l'edificio fu dichiarato monumento nazionale. Il Museo è diviso in due sezioni principali: il piano terra che è interamente dedicato agli interpreti rossiniani (le stampe, raccolte a partire dal 1825-30, illustrano gli interpreti protagonisti dell'ultima fase creativa del musicista) ed il piano superiore che ospita le stampe che ritraggono l'artista, tra cui un disegno di Gustave Doré del 1869 e due acqueforti di Rossini sul letto di morte. Tra le opere di maggior pregio, oltre al disegno di Doré, un dipinto a olio su tela che ritrae Rossini, realizzato da Marie Françoise Constance La Martiniére (1775-1821) e la spinetta appartenuta al compositore pesarese. In una terza sezione si possono visionare filmati di opere rappresentate nelle stagioni del Rossini Opera Festival.

    Recentemente (estate 2015) la casa Natale di Gioachino Rossini è stata completamente rinnovata nel suo allestimento e nel percorso espositivo, rafforzando l'identità di Pesaro come città della musica. Il museo si è ampliato aggiungendo alla superficie espositiva il secondo piano, che ospita documenti di interpreti di opere rossiniane e dove si potranno allestire mostre tematiche temporanee. Il piano terra, completamente modificato, è uno spazio a ingresso libero dove il visiatore, oltre all'accoglienza e alla biglietteria, può trovare uno store dedicato al grande compositore contenente CD, DVD, pubblicazioni antiche, testi specialistici, artigianato artistico d'eccellenza. Tecnologie di ultima generazione permettono di consultare un importante e vasto patrimonio scientifico in modo agile e accattivante. Gli strumenti di fruizione multimediali comprendono una Sala audio e video, nuovi contenuti e materiale grafico digitalizzato (spartiti autografi di opere e lettere) consultabili su touch screen lungo il percorso e apposite postazioni che consentono l’ascolto di registrazioni sonore dei documenti/lettere, così da comprendere al meglio le vicende biografiche e artistiche di Gioachino Rossini.

    Inoltre è possibile far vivere ai visitatori, tramite occhiali speciali, un’esperienza emotiva senza precedenti, che comprende animazioni virtuali e video. Indossando gli occhiali multimediali, il maestro si materializza al fianco dei visitatori e li accompagna per tutto il percorso lungo le stanze dove trascorse una parte importante della propria vita. Gioachino racconta la sua vita ricca di aneddoti privati, presenta alcune opere documentate con spartiti e stampe e legge alcune sue lettere.

    Grazie al progetto "Il museo di tutti e per tutti", a tutti è offerta la possibilità di fruire sia percettivamente che intellettualmente il patrimonio esposto, migliorando gli apparati didascalici e sfruttando i nuovi strumenti digitali. Una brochure di presentazione della casa e didascalie delle opere principali sono disponibili con testo in braille, così come tavole a rilievo permettono ai non vedenti di consultare spartiti e lettere autografe di Rossini. Al piano terra (con accesso libero) nella Sala audio e video, è possibile ascoltare opere rossiniane e guardare un video che presenta luoghi e istituzioni legate al compositore presenti nella città di Pesaro. I non vedenti inoltre possono usufruire di audioguide e per i non udenti sono a disposizione video guide in LIS (fruibili anche tramite smartphone). Ad arricchimento del percorso di visita si prevede altresì la possibilità di esplorazione tattile di alcune opere esposte, come ad esempio i busti di Rossini o il bassorilievo in legno del Teatro Rossini.

     

       logo twitter



  • Stampa