Cultura

ConsultazioneBeniCulturali

Ricerca nel catalogo > CHIESA DELLA MADONNA DEGLI ANGELI
CHIESA DELLA MADONNA DEGLI ANGELI




Tipo
francescana(Macrotipo: architettura religiosa)
Descrizione
intera struttura - passaggio custodia - secolo XVIII - Passati gli Eremiti, nel 1792 il Municipio nominò custode del Santuario il Prebendo D. Francesco Scoppa, fino alla morte di questi, avvenuta nel 1825.intero complesso - dipendenza - secolo XVII - Il convento e la chiesa passarono, dopo gli Apostolini, alle dipendenze dell'Arciconfraternita della Misericordia, come disposto con Bolla di Gregorio XV (1621-1623).intero bene - erezione - secolo XVIII - Con breve di PIO VI (1775-1799) fu eretta la Pia Unione dei Fedeli della Madonna degli Angeli ed anche la Via Crucis.intero complesso - possesso - secolo XVI - Il convento e la chiesa passarono, dopo gli Apostolini, in proprietà al Comune, in data 1618.struttura originaria - costruzione - secolo XIII - Si ritiene che il santuario ed il convento attiguo siano stati costruiti all'inizio del secolo XIII quando, il culto di S. Maria degli Angeli fu iniziato da San Francesco. I religiosi francescani furono presenti a Sant'Elpidio fin dal 1242.intero bene - ampliamento - secolo XVI - Fu certamente intenzionale riprodurre la Porziuncola di S. Maria degli Angeli in Assisi. La piccola edicola fu poi circondata, nella seconda metà del XVI secolo (1584), da una modesta costruzione.intero complesso - passaggio officiatura - secolo XVII - Il convento e la chiesa passarono alla metà del XVII secolo, probabilmente tra il 1648 ed il 1652, ai Padri del Terzo Ordine di S. Francesco fino al 12 agosto 1767.intero complesso - passaggio officiatura - secolo XVIII - I francescani cedettero per indigenza la custodia del convento e la chiesa agli Eremiti, che vi rimasero fino al 1792.intero complesso - officiatura - secolo XVI - Il santuario era officiato dai religiosi Apostolini già dal 1584, e fu tale fino al 1618.intera struttura - restauro - secolo XIX - Dopo il 1947, probabilmete nel periodo della Ricostruzione postbellica, D. Benedetto Berdini fece restaurare il santuario ed ampliare la facciata, sistemare il pavimento con marmi preziosi e l'altare principale.
Localizzazione
(FM) Sant'Elpidio a Mare
Identificatore
1100119349

Condividi