Cultura

Ricerca museo > i musei di CORINALDO > Civica Raccolta d’Arte “C. Ridolfi"
Civica Raccolta d’Arte “C. Ridolfi"


  • Indirizzo :Ex Convento degli Agostiniani - Largo XVII Settembre 1860,1/2 (AN) CORINALDO
  • Tel. : 071 7978636
    Fax : 071 7978043
  • Email : iat1@corinaldo.it   
  • Sito web : http://www.corinaldoturismo.it/scopri/la-citta-e-le-sue-mura/pinacoteca-comunale/
    http://
  • Accessibilità:
    motoria: DISCRETO
    Scheda accessibilità   
  • Orario : Dall’1 aprile al 31 ottobre aperto tutti i giorni con orario: • LUN-VEN: 10:00 – 12:30 e 15:30 – 19:00 • SAB-DOM: 10:00 – 13:00 e 15:00 – 19:30 Dall’1 novembre al 31 marzo aperto: • GIO-VEN: 15:00 – 18:00 • SAB-DOM: 10:00 – 12:30 e 15:30 – 18:00
  • Tipologia : Arte
  • Servizi : Area per accoglienza, Biglietteria, Book-shop

  • La sede e le collezioni
  • La raccolta, a partire dal 2012, è ospitata in alcuni spazi dell'ex convento dei Padri eremitani dell'ordine di Sant'Agostino e comprende soprattutto dipinti che provengono da chiese distrutte o dalla confisca dei beni di proprietà degli ordini religiosi soppressi nel 1860. Tra le opere di maggior interesse sono le tele di Ercole Ramazzani (1530 c.-1598), di Claudio Ridolfi (1570 ? - 1644), di Giuseppe Marchesi (1699-1771) e di altri autori anonimi del XVII secolo che operarono in ambito ridolfiano. Completano la raccolta alcuni ostensori in argento sbalzato e cesellato del XVIII secolo, una croce astile del 1615, una serie di diciotto reliquiari siciliani in legno policromo (ante 1612) portati a Corinaldo da Fra' Bartolomeo Orlandi di ritorno dalla Sicilia dove era stato Padre Provinciale dell'ordine degli Agostiniani, assieme all'atto di autentica delle reliquie: una pergamena miniata del 1612. 

    Alle opere di soggetto religioso si aggiunge poi un gruppo di opere contemporanee dell'artista marchigiana Nori de' Nobili.

    Il centro storico di Corinaldo è racchiuso in una cinta di mura fortificate con porte bastionate, baluardi poligonali, torrioni circolari, pentagonali e torri di guardia, costruite in parte nel 1366 ed in parte nel 1484 - 1490, tra le più imponenti della regione.



  • Stampa