Marche Turismo

Regione Marche -Best in travel 2020
CLUSTER CULTURA-Famiglie al museo

CLUSTER CULTURA-Famiglie al museo

RUSSIA Mosca - Fiera Mitt 2019

RUSSIA, Mosca- Fiera Mitt 2019

Press tour nelle Marche di giornalisti cinesi

Press tour nelle Marche di giornalisti cinesi


News

giovedì 19 maggio 2022

Destagionalizzazione, filiera istituzionale, omogeneità territoriale, identità regionale. Sono concetti sui quali ha insistito il presidente della Regione Marche, con delega al Turismo, Francesco Acquaroli, questa mattina intervenendo agli Stati generali del Turismo 2022, ospitati alla Mole Vanvitelliana di Ancona e organizzati dalla Confcommercio. Un appuntamento importante, che serve a fare il punto sullo stato del settore turistico marchigiano, anche alla luce di analisi socioeconomiche e di mercato. 
Quest’anno la stagione parte in anticipo, grazie alle benevole condizioni climatiche e per il presidente Acquaroli sarà “una buona stagione seppur di transizione, in relazione alle dinamiche politiche progettuali regionali”. Responsabile la pandemia, che ha condizionato la programmazione anche nei primi mesi di quest’anno. “Le incertezze legate ai provvedimenti presi per il contenimento del Covid – ha spiegato Acquaroli - non hanno permesso una pianificazione come ci saremmo aspettati ma adesso ripartiamo, uniti e con una visione comune”. Questo è l’auspicio e la filiera istituzionale a cui accenna il presidente della Regione si riferisce a una sfida comune che interessa i vari soggetti coinvolti e i settori a loro connessi, che riguardano i servizi, l’offerta, le infrastrutture. 
“C’è tanto da fare – rimarca Acquaroli – per essere competitivi sul mercato ed acquisire centralità. Abbiamo già cominciato a ragionare in termini nuovi”.
A supporto dell’analisi sul sistema turistico marchigiano viene una ricerca realizzata dalla società SWG per l’Osservatorio turistico regionale, dal titolo “Il nuovo sentiment del mercato italiano e le opportunità per le Marche”, da cui emergono questi trend di richiesta: relax e tranquillità, natura, arte e cultura. “Stando a questo – ha evidenziato Acquaroli – allora la nostra regione, nel panorama turistico futuro, troverà il suo palcoscenico ideale. Queste nuove opportunità richiedono però organizzazione. Dobbiamo operare in sinergia tra territori. La visione deve essere quella di una regione omogenea, dove le diversità territoriali diventano opportunità da gestire insieme”.
“Il turismo è cambiato – insiste ancora il presidente Acquaroli – non è più quello degli anni ’70, focalizzato su quello balneare e familiare. L’eccellenza balneare la abbiamo ed è riconosciuta a più livelli, basti pensare alle Bandiere blu che quest’anno sono 17, avendone guadagnata una in più. Assieme al balneare, dobbiamo promuovere una proposta turistica che si integra con l’entroterra per un’offerta non di massa di qualità”.
“Solo così – afferma Acquaroli - riusciamo a dare il dovuto risalto a tutte le nostre peculiarità. Dobbiamo riscoprire e puntare sulle nostre specificità che, proprio in una regione declinata al plurale, sono varie e numerose, dando lustro alla nostra identità, a cui spesso ed erroneamente abdichiamo”.
Di qui, dunque, un’offerta che non guarda solo ai mesi estivi ma punta sulla destagionalizzazione. “Vorremmo una stagione sempre più lunga – dice il presidente della Regione – ma dobbiamo lavorare di più, specialmente sul versante infrastrutture che ancora penalizza le Marche”.
Infine, una particolare attenzione ai territori del cratere sismico, dove si registrano ritardi nella ricostruzione. “Questi territori caratterizzano profondamente le Marche – dice Acquaroli – sono uno scrigno di bellezze paesaggistiche, culturali ed enogastronomiche, capaci di veicolare un’offerta ricchissima. Purtroppo molti centri cittadini attendono ancora il rientro degli abitanti nelle proprie case e senza la gente non si riesce ad offrire servizi. Bisogna dunque accelerare sulla ricostruzione, con il massimo coinvolgimento di tutti i livelli istituzionali, ed allo stesso tempo creare azioni di rilancio turistico. Il turismo può rappresentare l’elemento di attrazione non solo per i residenti ma anche per i visitatori; il vero valore aggiunto per ridare vita a questi territori”. 

Il settore turismo della Regione Marche ha i seguenti compiti:

Sistema dell'informazione e dell'accoglienza turistica e indirizzo e coordinamento centri IAT finalizzati a svolgere le funzioni amministrative della legge regionale 9/2006;

Classificazione, monitoraggio qualità e gestione delle strutture ricettive;

Gestione elenchi regionali per professioni turistiche, agenzie Viaggio, Operatori turistici e relativa formazione professionale;

Demanio marittimo per finalità turistiche;

Bandi per gli operatori finalizzati alla valorizzazione e alla riqualificazione dell'offerta turistica marchigiana;

Osservatorio del Turismo Regionale;

Rapporti con la commissione Turismo nell'ambito della Conferenza delle regioni italiane.

 

Dal 2016 si occupa anche delle seguenti attività:

Sistema integrato dell'accoglienza alle popolazioni colpite dal sisma;

interventi a sostegno al reddito delle imprese danneggiate dal sisma;

Interventi di ripristino strutturale per la riqualificazione sismica del patrimonio immobiliare turistico.

 

Facebook icon