Salute

Attività sportiva, prevenzione e salute della persona

La Regione Marche promuove lo sport e le attività motorio-ricreative in genere quale strumento fondamentale per la formazione e la salute della persona, per il miglioramento degli stili di vita individuali e collettivi nonché per lo sviluppo delle relazioni sociali e dell’integrazione interculturale.

Obiettivo centrale della  Regione Marche   è sviluppare quelle condizioni che rendano possibile identificare nell’attività sportiva e motorio ricreativa un diritto inalienabile di ogni cittadino marchigiano, attribuendo a tutti gli attori coinvolti  una responsabilità sociale condivisa volta all’attuazione di tale diritto.

La sedentarietà, che nella popolazione è andata progressivamente aumentando, è riconosciuta come uno dei principali fattori di rischio che determinano malattie molto diffuse come l'obesità, il diabete, le patologie cardiovascolari, i tumori: pertanto, promuovere uno stile di vita attivo nella popolazione rappresenta un importante obiettivo di salute per i cittadini di ogni età.

Uno stile di vita attivo migliora lo stato di salute dell’individuo e la qualità della vita. Noti sono i benefici di adeguati livelli di attività fisica quali, tra gli altri, la capacità di influire sulla riduzione delle fratture negli anziani, nel prevenire l’osteoporosi e su alcune malattie mentali. Altrettanto importante è il fenomeno nei bambini, nei quali, ad esempio, il sovrappeso e l'obesità sono in continuo aumento, in Italia come in tutti i Paesi industrializzati.

L’attività fisica costituisce un veicolo di benessere, integrazione e coesione sociale. Andare in bicicletta, camminare, fare le scale non richiede tempo, né costi particolari. Inoltre non necessitano di strutture ed impianti ad hoc in quanto valorizzano l’utilizzo degli spazi pubblici. Tali attività, quindi, possono coinvolgere un numero elevato di persone in quanto accessibili a tutte le fasce sociali.

E’ dimostrato che queste attività offrono l’opportunità di prevenire le malattie croniche e di mitigarne gli effetti, e possono attenuare le disuguaglianze di salute attivando, al tempo stesso, strumenti di integrazione sociale.

Per le ragioni sopra evidenziate la Regione intende moltiplicare gli sforzi al fine di ridurre sempre di più il numero dei sedentari e rivolge, in tal senso, una attenzione particolare verso i più piccoli, proprio nella consapevolezza che l’attività fisica contribuisce a migliorare la qualità della vita e si associa positivamente sia allo stato di salute sia al grado di soddisfazione degli interessi personali e dello sviluppo dei rapporti sociali.

Tali finalità vengono perseguite attraverso la legge regionale 2 aprile 2012 n.5, recante “Disposizioni regionali in materia di sport e tempo libero”. Una legge che ha introdotto molteplici e importanti innovazioni, ampliando anche la partecipazione e il coinvolgimento degli operatori del territorio.

Per ulteriori informazioni accedi alla sezione SPORT del sito.

 

RIAPERTI I TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE PER L’ACQUISTO DEI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI (DAE), DEL BANDO DI CUI ALLA MISURA 3 DELLA DGR 598 DEL 27/07/2015

 

-           a partire dalle ore 10.00 del giorno 7 luglio 2016;

-           entro e non oltre le ore 13,00 di lunedì 31 ottobre  2016.

 

 

La Giunta Regionale con DGR n. 704 del 4 luglio 2016 ha disposto la riapertura dei termini per la presentazione delle domande di contributo per l’acquisto dei defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) di cui alla Misura 3 della DGR 598 del 27/07/2015.

 

 

ACCOLTE TUTTE LE ISTANZE PER L’ACQUISTO DEI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI (DAE) CHE NEL 2015 ERANO RISULTATE AMMISSIBILI MA NON FINANZIABILI PER MANCANZA DI RISORSE.

 

 La Giunta Regionale con DGR n. 704 del 4 luglio 2016 ha disposto di accogliere anche tutte le istanze per l’acquisto dei defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) che nel precedente bando, di cui alla D.G.R. n. 598 del 27/07/2015 - Misura 3-  erano risultate ammissibili ma non finanziabili per mancanza di risorse.

Per poter trasmettere la documentazione consuntiva come sopra indicato, è necessario accedere alla procedura telematica attraverso il link http://dae.regione.marche.it/DAE