Benvenuti nel nuovo sito 

dell'Osservatorio Diseguaglianze nella Salute

Osservatorio Diseguaglianze Salute

L'Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute (ODS) è inserito nelle attività dell'Agenzia Regionale Sanitaria (ARS) della Regione Marche e dal 2000 si occupa di:

-Condizioni di salute degli immigrati;

-Assistenza sanitaria, organizzazione dei servizi;

-Diritto alla salute e accesso alle cure necessarie per i gruppi più svantaggiati (particolarmente  popolazione immigrata e femminile);

-Aspetti culturali: formazione interculturale partecipata degli operatori del SSR (sanitari e amministrativi);

-Mediazione interculturale.

Eventi più recenti

FAMI 2219 - WEBINAR

LA SALUTE MENTALE DEI MIGRANTI FORZATI: COSTRUZIONE DI UN PERCORSO DI “CURA” TERRITORIALE NELLA REGIONE MARCHE

Giornate di formazione /azione destinate agli Operatori dei Dipartimenti di Salute Mentale – ASUR Marche

Dal 14 ottobre al 21 dicembre 2020 - ore 14.00 - 17.15

>scarica la locandina

Il riconoscimento precoce e la “cura” delle problematiche psicopatologiche dei profughi accolti nei centri di accoglienza e di quelli in condizione di vagabondaggio e di esclusione sociale necessita di azioni per migliorare la collaborazione tra il Servizio Sanitario, in particolare i Dipartimenti della Salute Mentale, e i soggetti privati del territorio che gestiscono l’accoglienza, perché il processo di “deistituzionalizzazione” può avvenire solo con e nella comunità.

Per saper rispondere ai bisogni di cura di tali soggetti è necessario riconsiderare la complessità e costruire un’alleanza terapeutica tra i professionisti della salute mentale e gli operatori dei centri di accoglienza che rappresentano il primo e principale luogo di interazione fra i migranti in arrivo e i territori.

L’obiettivo del corso di formazione / azione è quello di realizzare nel territorio regionale un modello organizzativo di psichiatria territoriale integrata e di adottare un approccio culturale appropriato comune che rispetti i sistemi di appartenenza del soggetto.

Il Corso intende dunque:

- sviluppare competenze etnopsi, indispensabili per la comprensione dei diversi orizzonti culturali, la decodifica dei segnali della sofferenza, “presa in carico” della persona, dalla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione;

- individuare e realizzare azioni per facilitare e stabilizzare la relazione tra il servizio sanitario pubblico e i soggetti privati.

 

PROGRAMMA

14 ottobre 2020

Il sistema di accoglienza dei migranti forzati e rifugiati: criticità e opportunità

Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche – Responsabile scientifico FAMI 2219; Alessandro Fulimeni, Nuova Ricerca Agenzia Res; Giuseppe Longobardi, Coop. Soc. Labirinto. Coordina la sessione: Paolo Pedrolli, Direttore U.O.C. Salute Mentale DSM AV2

 

21 ottobre

I bisogni della “strada” e le risposte possibili al disagio psichico dei migranti in strada

Vincenzo Castelli, Presidente Coop. Soc. On The Road; Samuela Bruni Coop. Soc. On The Road, Simona Annunzi, Coop. Soc. On The Road. Coordina la sessione: Paolo Pedrolli, Direttore U.O.C. Salute Mentale DSM AV2

 

28 ottobre

Introduzione al modello teorico etno sistemico narrativo

Natale Losi e Noemi Galleani, Scuola ETNOPSI, Roma

 

3 novembre

Ipotesi di modello per la realizzazione di interconnessioni stabili tra i Dipartimenti di Salute e i soggetti gestori dell’accoglienza operanti nel territorio regionale

Coordina la sessione: Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche – Responsabile scientifica FAMI 2219

 

11 novembre

Dall’etnopsichiatria all’approccio etno sistemico narrativo

Natale Losi e Viviana Fusco, Scuola ETNOPSI, Roma

 

18 novembre

I “fantasmi” degli operatori e il triangolo della violenza

Natale Losi e Noemi Galleani, Scuola ETNOPSI, Roma

 

25 novembre

Dalla diagnosi classica alla diagnosi etno sistemico narrativa

Noemi Galleani e Viviana Fusco, Scuola ETNOPSI, Roma

 

2 dicembre

I dispositivi di cura: dal setting duale al dispositivo etno sistemico narrativo

Noemi Galleani e Daniela Vercillo, Scuola ETNOPSI, Roma

 

9 dicembre

Il trattamento del trauma in una prospettiva etno sistemico narrativa

Natale Losi e Daniela Vercillo, Scuola ETNOPSI, Roma

 

15 dicembre

Quali connessioni tra i Dipartimenti di Salute Mentale Marche e i soggetti gestori

dell’accoglienza del territorio regionale? (non prevede crediti ECM)

 

21 dicembre

Etno-visioni. Spunti per alcune riflessioni a partire da materiale filmico. (non prevede crediti ECM)

 

I seminari: “Comunicazione e relazione interculturale” e “Il dispositivo della Mediazione interculturale:

teoria e prassi” sono rinviati a gennaio 2021.

TRA ACCOGLIENZA ED ESCLUSIONE: PER UN INTERVENTO COMPETENTE SULLE VULNERABILITÀ DEI MIGRANTI

PIATTAFORMA GOTOMEETING

 

SCARICA QUI IL PROGRAMMA DETTAGLIATO

SCARICA I MATERIALI DIDATTICI

ESITI DEL WORKSHOP

La dimensione della vulnerabilità e del disagio mentale dei migranti forzati e dei minori stranieri non accompagnati, non solo di coloro ospitati nei centri di prima e seconda accoglienza, ma anche e soprattutto dei cosiddetti “irregolari” e dei “transitanti”, non gode da sempre di una politica di cura e riabilitazione adeguata e competente. 

Le modifiche normative introdotte dai “decreti sicurezza” dell’ottobre 2018 hanno pesantemente aggravato un sistema dell’accoglienza già deficitario e perennemente “emergenziale”, determinando un aumento di “irregolari presenti” sul territorio italiano e marchigiano, con pesanti conseguenze “umane” e gravi ricadute sociali e sanitarie.

Il workshop si propone di affrontare una disamina dei problemi di salute e specificamente di quella mentale e di avviare una riflessione ed un confronto con altre realtà, per realizzare una strategia complessiva di intervento sul territorio, individuando, attraverso uno sguardo ed un approccio metodologico di tipo etnopsi e transculturale, possibili percorsi per la dotazione di un modello operativo di psichiatria territoriale che possa rispondere in maniera adeguata ai bisogni esistenti.