Fondi Europei

Fondi Europei

News ed Eventi

martedì 5 giugno 2018  10:29 

Sono variate le modalità di erogazione della 2° tranche di contributo  del Bando Aree di crisi di cui al DDPF n. 59/ACF del 31/05/2016 e ss.mm.ii.

Il contributo concesso potrà essere liquidato in una, due o tre tranche, come già previsto.  Per la 2° tranche è stato stabilito che l’agevolazione consiste in un acconto del contributo concesso a fronte della presentazione di uno stato avanzamento lavori che generi un contributo di almeno il 40%, fermo restando che:

nel caso in cui l’impresa abbia già ottenuto l’anticipazione del 40%, essa potrà ottenere fino ad un massimo del 40% del contributo concesso; la parte in eccedenza verrà imputata all'erogazione dell’anticipazione. 
nel caso in cui l’impresa non abbia ottenuto l’anticipazione, potrà ottenere fino ad un massimo del 60% del contributo concesso.

Resta inteso che la quota da liquidare a saldo non potrà essere inferiore al 20% del contributo concesso.
Per i progetti che prevedono incremento occupazionale derivante da mobilità, sarà necessario che l’impresa documenti l’effettiva ricerca di tale personale dalle liste di mobilità o tra coloro che hanno maturato il diritto alla Naspi, nonché l’esito positivo della medesima ricerca.

Inoltre per il 2018 verrà data priorità all'istruttoria, liquidazione e certificazione degli stati di avanzamento lavori che perverranno entro il 15/07/2018, per far sì che le relative spese contribuiscano al rispetto degli obiettivi comunitari dell’n+3 e della performance.