Enti Locali e Pubblica Amministrazione

Comunicati Stampa

07/12/2016

La giunta regionale ha approvata la riorganizzazione della macchina amministrativa dell’ente regionale

Oggi si avvia l’iter per il conferimento degli incarichi, un cronoprogramma preciso che terminerà il prossimo 30 gennaio. Una novità riguarda la Suam, che torna a essere autonoma. I servizi, dunque, sono 12 e diminuiscono le posizioni dirigenziali complessive che passano da 96 a 70, con conseguente diminuzione dei relativi costi. La durata degli incarichi è fissata in quattro anni. “Con la riorganizzazione – aggiunge l’assessore Fabrizio Cesetti – calibrata sulle missioni e i programmi del decreto legislativo 118/2011, la regione restituirà maggiore incisività all’azione amministrativa e permetterà il raggiungimento degli obiettivi di governo che la giunta si è fissati. Importante l’autonomia della Suam che gestirà tutti gli appalti sia per la sanità che per i lavori pubblici per garantire oltre alla massima trasparenza anche l’efficientamento di costi e servizi”. Gli altri servizi sono la segreteria generale, l’Avvocatura regionale e attività normativa e Protezione civile. Gli altri servizi che andranno a strutturare la macchina amministrativa sono: Risorse umane, organizzative e strumentali, Affari istituzionali e integrità, Risorse finanziarie e bilancio, Attività produttive, lavoro e istruzione, Sviluppo e valorizzazione delle marche, Politiche agroalimentari, tutela, gestione e assetto del territorio, Sanità, Politiche sociali e sport. Tiene conto dei vincoli di rotazione dei dirigenti apicali prevista dalla legge anticorruzione. Tra le novità la stazione Unica Appaltante torna ad essere autonoma. I servizi sono 12. Al segretario generale è affidata anche la funzione di controllo delle partecipate. Inoltre in relazione agli eventi sismici del 24 agosto, del 26 e del 30 ottobre 2016 e all’importanza di adempiere in maniera efficace e tempestiva a tutti gli adempimenti della ricostruzione in capo alla Regione va individuato, quale obiettivo strategico e prioritario per tutte le strutture della Giunta regionale, in relazione alle competenze attribuite, lo svolgimento delle attività e degli adempimenti correlati alla ricostruzione, nonché lo svolgimento di attività a supporto dell’Ufficio speciale per la ricostruzione.