Istruzione Formazione e Diritto allo studio

Contatti

PF Istruzione e Diritto allo Studio

Dirigente Dott.ssa Graziella Gattafoni
0718063233
0718063753

Alta Formazione


La Regione Marche, sulla base delle indicazioni del Programma annuale per l’occupazione e la qualità del lavoro, intende sostenere la formazione post-laurea al fine di potenziare le competenze e le abilità dei giovani laureati residenti nel territorio marchigiano e, al fine di agevolarne l’inserimento qualificato nel mondo del lavoro, propone incentivi (dall’80% al 100% di contributo sulle sole spese di iscrizione) al fine di consentire la partecipazione a master universitari organizzati nella regione, nelle altre regioni italiane e all'estero, con l’assegnazione di voucher a studenti e studentesse migliorando anche il divario di genere, affinché la persona sia posta al centro della costruzione del proprio processo formativo professionale.

La P.F. Istruzione e Diritto allo Studio, Controlli di I livello dopo avere avviato un percorso in rete, sviluppando la massima concertazione con le Istituzioni territoriali e le Parti Sociali, ha individuato a seguito di un’attenta analisi dei fabbisogni formativi ed occupazionali, sia sui filoni tipici, quelli che caratterizzano e/o hanno caratterizzato storicamente il territorio e per i quali si immagina la necessità di una trasformazione, sia sui settori emergenti, sia quei nuovi filoni che, alla luce delle tendenze che investono l’economia globale, acquistano rilevanza nell’ottica di una trasformazione dell’assetto produttivo del territorio.

Il soggetto beneficiario, individuato da un’apposita Commissione di Valutazione, dovrà compilare un atto di impegno unilaterale; le attività formative del Master – in Italia - devono concludersi di norma dopo un anno dalla data di iscrizione, salvo proroga concessa dalla P.A. su motivata richiesta dell’interessato. Entro 15 giorni dalla data degli esami finali del corso Master, il beneficiario deve consegnare agli Uffici della Regione Marche, P.F. Istruzione, Formazione Integrata, Diritto allo Studio, Controlli di I livello, via Tiziano 44 Ancona, la documentazione richiesta ai fini dell’erogazione dell’importo del voucher da parte della Regione Marche, effettuata in un’unica soluzione alla conclusione dell’attività del Master. 
In questo caso il beneficiario per l’erogazione dell’acconto è tenuto a presentare il titolo di spesa, ovvero il documento attestate l’iscrizione al corso Master e copia della ricevuta rilasciata dall'Università comprovante il pagamento della prima rata di iscrizione. Il restante 50% dell’importo, dovrà essere richiesto una volta ultimata l’attività formativa prevista.

DGR 893 del 31/07/2017 - Linee guida per l'assegnazione di voucher per l'iscrizione a master universitari e corsi di perfezionamento post-laurea, esclusi quelli un-line

Il sistema economico italiano è impegnato in un grande processo di cambiamento per  riconquistare competitività e rispondere alle sfide dell'economia globale. La crescita della produttività richiede un forte investimento nell'innovazione dei prodotti e dei processi produttivi, negli assetti organizzativi e del capitale umano.

Le imprese mostrano evidenti segnali di reazione alle difficoltà del mercato, ricercando professionalità sempre più qualificate, in grado di fare innovazione vera, di gestire relazioni complesse con altre imprese e con i mercati finali.
In questa direzione va lo sforzo della formazione superiore della Regione Marche, che segnala questi progetti come particolarmente ben rispondenti alle esigenze di policy del territorio, soprattutto in relazione al fenomeno della disoccupazione intellettuale giovanile.

I corsi di specializzazione costituiscono a tal riguardo una buona opportunità per proseguire nella direzione intrapresa dalla Regione e vanno a collocarsi all'interno di modelli di programmazione formativa integrata con il territorio, con il sistema delle imprese e dei mercati territoriali, rispondendo all'esigenza di competitività e di trasformazione del tessuto socio-economico regionale.
Tali corsi, si rivolgono di norma a diplomati e a laureati in possesso di titolo di studio specifico nel settore in cui si innesta la specializzazione. Sono finalizzati all'apprendimento di abilità, di conoscenze e di capacità in settori  avanzati per i quali lo sviluppo organizzativo e dei servizi e le esigenze di programmazione indicano un'evoluzione definita e puntuale; essi possono rappresentare decise opportunità lavorative per occupati anche da riconvertire con un'alta professionalità, per disoccupati e inoccupati.

Pertanto, le attività formative di specializzazione devono costituire un'area di eccellenza del sistema regionale della formazione professionale e porsi all'interno dei modelli di programmazione integrata con i mercati territoriali ed il sistema delle imprese, rispondendo alle esigenze di trasformazione e mutamento del tessuto socio- economico regionale. I progetti formativi dovranno facilitare un coerente inserimento lavorativo e rispondere quindi alle esigenze di formazione delle imprese locali, oltre che caratterizzarsi per l'alto contenuto professionale e l'innovazione: degli obiettivi, della metodologia, dello stage formativo, della didattica.

OBIETTIVO: Raccordare la ricerca accademica con il mondo imprenditoriale.

Promuovere e supportare borse di dottorato di ricerca applicata nei settori scientifico-disciplinari e tecnologici individuati come prioritari dalla Regione, in collaborazione e cofinanziamento con le Università e con le imprese.

 

CONTENUTO TECNICO: La Regione Marche ha promosso questo intervento basato su un forte raccordo tra sistema dell’istruzione da un lato e mondo dell’impresa dall’altro. L’iniziativa è stata annoverata come pratica esemplare dal rapporto Horizon 2020 del MIUR nell’ambito dei dottorati industriali in Italia (come definito dallo stesso MIUR).

Nel 2015 l’intervento formativo “Eureka” è stato inserito come “Best practice regionale a sostegno della competitività delle PMI locali” nel Business Small Act 2015 del Ministero dello Sviluppo Economico: Rapporto 2015, in cui tale intervento viene annoverato tra “Le iniziative a sostegno delle micro, piccole e medie imprese adottate in Italia nel 2014 e nel primo semestre 2015”.

 

L’intervento formativo si basa su un protocollo d’intesa sottoscritto tra la Regione Marche e le università marchigiane. Dal 2016 l’intervento è rivolto a tutte le Università del territorio nazionale.

 

La ricerca è prioritariamente rivolta a favore dell’innovazione di prodotto e di processo e dell'internazionalizzazione delle imprese, della green economy, delle biotecnologie, della domotica e dell’ambient assisted living, del sistema moda, del distretto del mare, del turismo e dei beni culturali. Dal 2016 si estende anche al settore del legno in tutte le sue articolazioni, agroalimentare, meccanica, internazionalizzazione, salvaguardia e valorizzazione del paesaggio e del territorio.

 

Elemento di assoluta novità di questo strumento che lo rende unico nel panorama nazionale è lo svolgimento della ricerca del dottorando, articolata su un triennio, non solo presso le strutture dell’Ateneo, bensì anche all’interno dell’impresa.

L’impresa, che deve avere almeno una sede operativa nel territorio regionale, acquisisce un ruolo indispensabile ed insostituibile nella realizzazione del piano di ricerca. L’impresa partecipa attivamente alla realizzazione della ricerca e si impegna alla sua realizzazione cofinanziando l’importo della borsa per 1/3 del suo valore, al pari dell’Università e della Regione che intervengono per una somma pari ad 1/3 per ciascun soggetto (dal 2016 la ripartizione si modifica in 2/5 impresa, 2/5 Regione e 1/5 Università).

 

BENEFICIARI: Laureati, residenti o domiciliati nella Regione, da almeno 6 mesi,  in stato di disoccupazione o inoccupazione  

 

DURATA: Il percorso di dottorato è triennale.

 

RISULTATI ATTESI: Aumentare la condivisione tra mondo scientifico e imprenditoriale, generando nuove collaborazioni finalizzate a nuovi progetti di ricerca a favore di imprese o a progetti di auto imprenditorialità.

 

Elenco Università che hanno manifestato interesse a.a. 2016/2017

Decreto Avviso Pubblico per manifestazione interesse da parte delle Imprese

Avviso Pubblico rivolto alle Imprese scadenza presentazione, presso Università, 14 settembre 2016

Avviso Pubblico per l'individuazione di progetti di ricerca ai fini dell'assegnazione di n. 60 borse di dottorato di ricerca. Anno accademico 2016/2017. DDPF n. 147/IFD del 8 settembre 2016

Approvazione progetti di ricerca - borse di dottorato "Eureka"

Graduatoria suddivisa per Università