Text/HTML

Edilizia e Lavori Pubblici

Edilizia Scolastica

AVVISI:

1_ DDPF  del 20 aprile 2017, n. 25 avente per oggetto: “ D. L. n. 104/2013 - L. n. 107/2015 - DI 23.01.2015 - DDGR n.124/2015 e s.m.i.: Piano del fabbisogno regionale in materia di edilizia scolastica per il triennio 2015-2017, aggiornamento graduatoria per formazione piano annuale 2017" - Allegato-


2_ Si comunica che il termine per l’aggiudicazione provvisoria dei lavori per gli interventi di edilizia scolastica rientranti nel piano 2016 MUTUI BEI è stato spostato al 30 giugno 2017 come da comunicazione del MIUR nota del 19 dicembre 2016, prot. n. 19061.


        Il MIUR precisa che gli atti sono in via di perfezionamento e che l’efficacia dei decreti firmati dal Ministro dell’istruzione,dell’università e della ricerca è comunque subordinata alla registrazione dei competenti organi di controllo.

    

Legge 27/12/2002, n.289, art.80, c.21 - Norma di riferimento per i programmi di messa in sicurezza

Delibera CIPE 102 del 2004 - 1° Programma Stralcio

Stralcio dell'allegato (interventi Marche)

Intesa del 13 ottobre 2005

Delibera CIPE 157 del 02/12/2005 - Modifiche alla Delibera CIPE 102 del 2004

Relazione al 2° Programma Stralcio (luglio 2006)

Delibera CIPE 143 del 17/11/2006 - 2° Programma Stralcio

Allegato 1 - Programma degli interventi

Allegato 2 - Definanziamenti

Allegato 3 - Riprogrammazioni

Modifica del 20 marzo 2008 all'Intesa del 13 ottobre 2005

Decreto Interministeriale 7 aprile 2008 - Autorizzazione utilizzo contributi pluriennali 2° Programma

Delibera CIPE 17 del 21 febbraio 2008 (G.U. 5 del 8gen2009) - Approvazione definanziamenti e riprogrammazioni

Allegato 1 - Definanziamenti

Allegato 3 - Riprogrammazioni


ATTESTATO EROGAZIONE 2° ACCONTO

Schema della richiesta - download schema word

ATTESTATO EROGAZIONE SALDO 

Va presentata copia dei seguenti documenti:

1. determina del RUP di approvazione del certificato DI regolare esecuzione e degli atti finali

2. certificato di regolare esecuzione

3. relazione sul conto finale

4. relazione finale sui rapporti Stato Ente - download schema word

5. schema raffronto quadri economici iniziale/finale  download schema excel

ATTESTATO DI CONFORMITA'

Scheda informativa sintetica 

 

L’Anagrafe dell’Edilizia scolastica è stata istituita dall’art. 7 della Legge 11 gennaio 1996, n. 23:
 
“Art. 7.
Anagrafe dell'edilizia scolastica

 1. Il Ministero della pubblica istruzione realizza e cura l'aggiornamento, nell'ambito del proprio sistema informativo e con la

collaborazione degli enti locali interessati, di un'anagrafe nazionale dell'edilizia scolastica diretta ad accertare la
consistenza, la situazione e la funzionalita' del patrimonio edilizio scolastico. Detta anagrafe e' articolata per regioni e costituisce lo strumento conoscitivo fondamentale ai fini dei diversi livelli di programmazione degli interventi nel settore.

2. La metodologia e le modalita' di rilevazione per la realizzazione dell'anagrafe nazionale di cui al comma 1 sono determinate dal Ministro della pubblica istruzione, con proprio decreto, sentito l'Osservatorio per l'edilizia scolastica.


3. Per la programmazione delle opere di edilizia scolastica, le regioni e gli enti locali interessati possono avvalersi dei dati

dell'anagrafe nazionale di cui al comma 1, dei quali possono chiedere la disponibilita' anche sotto forma di supporti magnetici.”

 

 

Gestione edifici scolastici e Anagrafe dell'edilizia scolastica

Manuale d'uso

Manuale del rilevatore

 

Intesa 01 agosto 2013

Intesa 06 febbraio 2014 Anagrafe

Intesa 06 febbraio 2014 Osservatorio

Intesa 27 novembre 2014 Anagrafe: Tracciato dati per la trasmissione al MIUR 

 

La legge del 14 novembre 2000 n. 338 (disposizioni in materia di alloggi e residenze per studenti universitari)prevede il cofinanziamento da parte dello Stato di interventi per la realizzazione o il recupero di residenze per studenti universitari nonché gli stanziamenti relativi (circa 442 milioni di euro).

Il Ministro dell’ Istruzione, Università e Ricerca, con tre decreti ministeriali attuativi della legge ( D.M. del 9 maggio 2001 nn. 116 e 118, D.M. del 22 aprile 2002 n. 65) ha fissato le norme per la predisposizione dei progetti, disciplinato le procedure per la selezione delle richieste di cofinanziamento e per la concessione dei finanziamenti stessi.

La Commissione paritetica Stato-Regioni, a cui la legge 338/2000 ha affidato il compito di selezionare i progetti da ammettere a cofinanziamento ha compilato la proposta di piano triennale degli interventi cofinanziabili : sono stati selezionati 138 dei 169 progetti presentati.

Il Ministro, con decreto ministeriale pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 4 Aprile 2005, n. 57, ha approvato tale proposta di piano.

I cofinanziamenti che verranno destinati alla realizzazione di alloggi e servizi per gli studenti degli atenei marchigiani ammontano complessivamente ad oltre 32 milioni di euro ed attiveranno investimenti per altri 35 milioni di euro, saranno quindi disponibili risorse per un totale di 67 milioni di euro che consentiranno di realizzare 891 nuovi posti-alloggio così distribuiti:

- Urbino : 200 posti;

- Ancona : 144 posti;

- Macerata : 437 posti ripartiti in tre interventi;

- Camerino : 110 posti.

Riportiamo di seguito gli estremi dei progetti presentati dagli EE.RR.SS.UU. e dalle Università marchigiane che sono risultati vincitori:

 

ENTE AMMESSO A BENEFICIARE DEL COFINANZIAMENTO

OGGETTO DELL’INTERVENTO

IMPORTO

COFINANZIAMENTO A CARICO M.I.U.R. (€)

Ente Regionale per il diritto allo Studio Universitario (ERSU) di Ancona

Risanamento conservativo dei locali del "Buon Pastore" da adibire a residenza universitaria e servizi

6.118.328

Ente Regionale per il diritto allo Studio Universitario (ERSU) di Urbino

Nuova costruzione di alloggi per studenti universitari, inclusa l’acquisizione delle aree necessarie

5.447.737

Università degli Studi di Macerata

Recupero complesso Istituto Maria Consolatrice da destinare ad alloggi per studenti universitari

5.283.885

Universita' degli Studi di Macerata

Ristrutturazione edilizia "Villa Lauri" e recupero di alcuni annessi da destinare a residenze universitarie

3.232.378

Universita' degli Studi di Macerata

Recupero padiglioni Ex C.R.A.S. per centro residenziale universitario di eccellenza

4.873.033

Università di Camerino – UNICAM

Completamento realizzazione Campus residenziale universitario

6.625.297

Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario (ERSU) Macerata

Adeguamento alle vigenti disposizioni in materia di igiene e sicurezza

78.794

Università degli Studi di Urbino

Manutenzione straordinaria degli impianti

564.617

 

Per informazioni contattare:

Arch. Massimiliano Marchesini - tel. 071 50117414 / fax 071 50117440 - e-mail m.marchesini@regione.marche.it

 

Normativa di settore

 

L. 14 novembre 2000, n. 338 "Disposizioni in materia di alloggi e residenze per studenti universitari"

D.M. 9 maggio 2001, n. 116 "Procedure e modalità per la presentazione dei progetti e per l'erogazione dei finanziamenti relativi agli interventi per alloggi e residenze per studenti universitari di cui alla L. 14 novembre 2000, n. 338 e L. 23 dicembre 2000, n. 388"

D.M. 9 maggio 2001, n. 118 "Standard minimi dimensionali e qualitativi e linee guida relative ai parametri tecnici ed economici concernenti la realizzazione di alloggi e residenze per studenti universitari di cui alla L. 14 novembre 2000, n. 338 e L. 23 dicembre 2000, n. 388"

D.M. 22 aprile 2002, n. 65 "Adozione di un modello informatizzato e indicazioni operative per la formulazione delle richieste di cofinanziamento relative agli interventi per alloggi e residenze per studenti universitari di cui alle L. 14 novembre 2000, n. 338 e L. 23 dicembre 2000, n. 388"

Art. 10 D.L. 104/2013 convertito con modificazioni dalla L. n. 128/2013 – Mutui “BEI”

Programmazione triennale 2015-2017 di Edilizia scolastica


Con D.MIUR del 14 ottobre 2016, n. 790 , il Ministero ha provveduto all'approvazione dell'aggiornamento della programmazione nazionale in materia di Edilizia scolastica per l'annualità 2016.

Con l’art. 10, comma 1 del Decreto-legge 12 settembre 2013, 104 (G.U. 12 settembre 2013, n. 214) convertito con modificazioni dalla Legge 8 novembre 2013, 128 (G.U. 11 novembre 2013, n. 264) lo Stato ha stanziato 40 milioni di euro a decorrere dall’anno 2015 per la copertura di mutui per l’edilizia scolastica.

Con decreto del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze e con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 1 settembre 2015 numero 640, è stata autorizzato l’utilizzo dei contributi pluriennali di 40 milioni decorrenti dal 2015 e fino al 2044, da parte delle regioni, per il finanziamento degli interventi inclusi nei piani regionali di edilizia scolastica.

Alla Regione Marche è stata assegnata la somma di € 29.282.288,00 (netto ricavo stimato) per la realizzazione dei citati piani.

 

L’art. 1 comma 176 della Legge 13 luglio 2015, n. 107 prevede che lo Stato integri il fondo per la copertura dei mutui con ulteriori 10 milioni annui a decorrere dal 2016 fino al 2044.

Alla Regione Marche con DM 5 agosto 2016, n. 620 (GU 07 ottobre 2016, n. 235) è stata assegnata la somma di € 6.921.345,65 (netto ricavo stimato) per la realizzazione dei citati piani.

 

Normativa/Atti Amministrativi Statali

Atti Amministrativi Regionali

Gestione procedurale e finanziaria - Modulistica

Circolari/Modulistica Regional


Referente:

Carmen Sbrollini

071.806.7353

 

Normativa/Atti Amministrativi Statali


Atti Amministrativi Regionali

  • DGR 2 marzo 2015 n. 124D.L. n. 104/2013, convertito dalla L. n. 128/2013, DM 23.01.2015: recanti misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca _ Criteri per la formazione del piano regionale triennale 2015-2017 e del piano annuale 2015 di edilizia scolastica”,
  • DGR 22 dicembre 2015 n. 1184: "D.L. n. 104/2013 convertito dalla L. n. 128/2013, art. 10 : autorizzazione alla contrazione di un mutuo con provvista BEI ed oneri a carico dello Stato per la realizzazione di interventi di edilizia scolastica - Approvazione schema di contratto ed indirizzi applicativi",

      Contratto stipulato tra Regione Marche e Cassa DDPP S.p.A. 29 dicembre 2015

      Contratto di Progetto tra presidenza del Consiglio dei Ministri-Struttura di missione, MIUR e Banca Europea degli Investimenti 

      Contratto di prestito BEI-Cassa DDPP S.p.A. 23/07/2015

      Contratto di prestito BEI-Cassa DDPP S.p.A. 24/11/2015 ,

  • DGR 18 gennaio 2016, n. 11"D.L. n. 104/2013, convertito, dalla L. n. 128/2013, DM 23.01.2015 - Edilizia scolastica : approvazione schema di convenzione tipo tra Regione e Comuni/Province per attuazione piano regionale triennale 2015-2017 predisposto ai sensi della DGR n. 124/2015 . Modifica della DGR n. 124/2015 medesima",
  • DGR 01/02/2016, n. 50 con oggetto: D.L. n. 104/2013, convertito, dalla L. n. 128/2013, D.I. 23.01.2015: recanti misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca _ Disposizioni attuative per la formazione del piano annuale 2016 nell’ambito del piano regionale triennale 2015-2017 di edilizia scolastica.Il termine per la presentazione degli aggiornamenti annualità 2016 è fissato al 29 febbraio 2016,
  • DGR 20 febbraio 2017, n. 136 avente per oggetto: D.L. n. 104/2013, convertito dalla L. n. 128/2013, DM 23.01.2015: recanti misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca - Disposizioni attuative per la formazione del piano annuale 2017 nell'ambito del piano regionale triennale 2015-2017 di edilizia scolastica” 

    Il termine per la presentazione degli adeguamenti progettuali è fissato al 31 marzo 2017


  • DDPF 9 marzo 2015 n. 9“L. n. 128/2013,Art.10, DM 23.01.2015, DGR 124 del 02.03.2015 Criteri per la formazione del piano regionale triennale 2015-2017 e del piano annuale 2015 di edilizia scolastica. Emanazione bando, approvazione modulistica”,

  • DDPF  30 aprile 2015 n. 17: “DGR 124 del 02.03.2015 - DD n.9/EDI 2015: Bando per la formazione del piano regionale triennale 2015-2017 e del piano annuale 2015 di edilizia scolastica. Approvazione graduatoria unica fabbisogno 2015-2017 e piano annuale 2015”,

     Programmazione triennale 2015-2017

     Piano annuale 2015

  • DDPF 14 aprile 2016 n. 09 con oggetto: “L.n.107/2015 - DI 23.01.2015 - DDGR n.124/2015 e n.50/2016: aggiornamento piano del fabbisogno regionale in materia di edilizia scolastica per il triennio 2015-2017, formazione ed approvazione proposta di piano annuale 2016.”.

     Piano annuale 2016

  • DDPF  30 settembre 2016, n. 49/EDI con oggetto: "L. n. 107/2015 - DI 23.01.2015 - DDGR n.124/2015 e n.50/2016. Integrazione al piano annuale con DDPF n.9/EDI del 14 aprile 2016".

      Aggiornamento Piano annuale 2016 


 

Gestione procedurale e finanziaria - Modulistica

Il MIUR ha emanato le Linee guida MUTUI BEI con le indicazioni operative per la gestione delle procedure di finanziamento.

Il MIUR ha messo a disposizione il Sistema informativo per la “Gestione procedurale e finanziaria” denominato GIES  (manuale d'uso RUP

Concessione del finanziamento

La concessione del finanziamento è subordinata a:

1.     espletamento delle procedure di gara con almeno aggiudicazione in via provvisoria entro il termini stabilito dal Decreto ministeriale di riferimento;

2.     sottoscrizione digitale della convenzione di cui allo Schema di convenzione con gli enti beneficiari.La sottoscrizione della convenzione deve avvenire per via telematica, pena la sua nullità, pertanto l’Ente beneficiario deve tempestivamente comunicare alla Regione il nominativo della persona autorizzata alla firma, luogo e data di nascita, Codice fiscale, qualifica ed atto autorizzativo alla firma.

3.     presentazione di formale richiesta di concessione, completa degli allegati, secondo lo Schema per la richiesta di concessione.

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 2 comma 5 del DI 23 gennaio 2015, le economie di gara (pro quota in caso di cofinanziamento) non possono restare nella disponibilità della stazione appaltante e devono essere detratte dall’importo del finanziamento previsto sul Piano annuale.

Varianti

Si evidenzia che :

-       ogni eventuale ed indispensabile modifica al progetto iniziale (nel rispetto della normativa vigente in materia di appalti pubblici e del piano triennale regionale autorizzativo dell’intervento) deve essere comunicata alla Regione, al MIUR, alla Struttura di Missione del Governo ed alla Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. come previsto al punto 6.01 lett. n) del  Contratto di Mutuo ed all’art. 2, comma 2 lett. n) della Convenzione;

-       ogni eventuale ed indispensabile modifica con carattere sostanziale deve esser sottoposta prontamente e preventivamente alla Regione ed al MIUR per approvazione come previsto al punto 7.01 lett. b) del Contratto di mutuo ed all’art. 3, comma 1 lett. c) della Convenzione. In questo caso devono essere trasmessi tutti gli elaborati tecnici ed economici necessari per la valutazione.

Erogazione del finanziamento

Propedeutico alle richiesta di finanziamento è la compilazione, con validazione da parte della Regione Marche, dei contenuti afferenti alla  “fase procedurale” all'interno del Sistema informatico di monitoraggio GIES.

Ogni erogazione sarà effettuata successivamente all’adempimento degli obblighi di alimentazione del Sistema informatico di monitoraggio GIES di cui all’art. 4 comma 2 del DI 23 gennaio 2015 ed è subordinata alla validazione/autorizzazione da parte della Regione.

Le erogazioni sono effettuate da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. direttamente in favore dell’Ente beneficiario, tramite giro fondi, mediante versamento, sul conto infruttifero, intestato al medesimo Ente beneficiario, in tre tranche annuali a seguito di formale richiesta presentata dalla Regione Marche secondo la seguente tempistica:

-      entro il 1° marzo di ciascun anno, con valuta di erogazione il 25 marzo successivo;

-      entro il 1° luglio di ciascun anno, con valuta di erogazione il 25 luglio successivo;

-      entro il 1° ottobre di ciascun anno, con valuta di erogazione il 25 ottobre successivo.

A tal fine gli Enti beneficiari dovranno far pervenire le proprie richieste di erogazione alla Regione Marche entro il:

-      15 febbraio,

-      15 giugno,

-      15 settembre

di ogni anno.

 

Indirizzi utili

MIUR - Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali - Direzione generale per interventi in materia di Edilizia scolastica - (PEC: dgefid@postacert.istruzione.it)

Presidenza del Consiglio dei Ministri - Struttura di Missione per il coordinamento e impulso nell'attuazione- Interventi di riqualificazione dell'edilizia scolastica - (PEC: ediliziascolastica@pec.governo.it)

CassaDDPP - (PEC:cdpspa@pec.cdp.it) 

Legge Regionale n.31/2009, art. 40Programma straordinario per la messa in sicurezza degli edifici scolastici - Importo € 3.300.000,00.

 

D.G.R. n. 1273 del 02/09/2010 : L.R. n. 31/2009 art. 40: Predisposizione programma straordinario per la messa in sicurezza degli edifici scolastici – Importo € 3.300.000,00 – Ripartizione risorse fra i territori provinciali – Indirizzi e criteri per la formazione del programma” .


MODULISTICA

 

Risorse regionali 2013-2014 destinate all'edilizia scolastica

 

1. DGR del 9 luglio 2013 n. 991"Criteri e modalità per utilizzo risorse destinate all'edilizia scolastica - Bilancio di previsione 2013, Programma operativo annuale approvato con D.G.R. 28/12/2012 n. 1787 - Importo euro 4.420.700,00"

 

2. DGR del 17 febbraio 2014 n. 156"Edilizia scolastica - modifica DGR 09/07/2013 n. 991: "Criteri e modalità per utilizzo risorse destinate all'edilizia scolastica"

 

3. DDPF del 28 febbraio 2014 n. 9: “D.G.R. N. 156/2014: Edilizia scolastica - Risorse di bilancio 2014 - Importo € 4.570.429,68 - Ripartizione tra i territori provinciali. Modalità aggiornamento programmi provinciali”

 

4. Indicazioni per gli adempimenti

 

5. Circolare del 31 luglio 2014 prot. 558773 

 

6. Schema di "Atto unilaterale d'obbligo" da utilizzare in caso di richiesta di accesso agli incentivi GSE-CET di cui al DM del 28 dicembre 2012

 

7.Modulistica

 

Risorse statali da art.18 D.L. 21 giugno 2013, n. 69 cd. "Decreto del fare"

 

1. Legge del 9 agosto 2013 n. 98"Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia" (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 20 agosto 2013 n. 194 - Serie generale - Supplemento ordinario n. 63/L)

 

2Scheda per la richiesta di finanziamento

 

3. DGR del 23 settembre 2013 n. 1312"Legge 9 agosto 2013 n. 98 recante "Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia", art. 18, commi 8-ter e 8-quater, misure urgenti in materia di riqualificazione e di messa in sicurezza delle istituzioni scolastiche statali -Criteri per l'istruttoria dei progetti e la definizione della graduatoria regionale da presentare al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 

4. DDPF del 14 ottobre 2013 n. 68"L. 9.8.2013 n.98, art.18, c.8-ter e 8-quater: “misure urgenti in materia di riqualificazione e messa in sicurezza delle istituzioni scolastiche statali” – DGR n. 1312/2013: Graduatoria regionale progetti esecutivi da presentare al MIUR" 

Legge Regionale n.20/2010, art. 3 e  6 : Programma regionale integrato per adeguamento, messa in sicurezza ed incremento efficienza energetica del patrimonio pubblico di edilizia scolastica - Importo € 7.700.000,00.

 

D.G.R. n. 1021 del 18/07/2011(BURM n. 69/2011): "L.R. n. 20/2010 artt. 3 e 6 Programma regionale integrato per adeguamento, messa in sicurezza ed incremento efficienza energetica del patrimonio pubblico di edilizia scolastica - Importo complessivo € 7.700.000,00 - Indirizzi e linee guidaTESTO INTEGRATO DELL' "ALLEGATO A"con modifiche apportate con D.G.R. n. 1624 del 07/12/2011 (BURM n. 110/2011)

Interventi integrati sicurezza sismica ed efficienza energetica(Linea guida"A")

Impianti fotovoltaici(Linea guida"B")

 

CIRCOLARE ATTUATIVA 

La Legge del 11 gennaio 1996, n. 23 concernente "Norme per l’edilizia scolastica" ha come obiettivo quello di assicurare alle strutture edilizie scolastiche uno sviluppo qualitativo ed una collocazione sul territorio adeguati alla costante evoluzione delle dinamiche formative, culturali, economiche e sociali. Essa prevede il finanziamento degli interventi inclusi in piani pluriennali, attuati per singole annualità, finalizzati alla messa in sicurezza delle scuole in senso generale, dalle strutture edilizie agli impianti fino alla eliminazione delle barriere architettoniche.

 
 Legge 11/01/1996 n. 23, articolo 4


 Schema delle scadenze stabilite dalla norma


 Delibera Giunta RM 979 del 05/09/2007- Proposta di Piano triennale inviata al Consiglio regionale


 Deliberazione Amministrativa Consiglio Regionale n. 65 del 02/10/2007-Criteri e modalità per la formazione del piano
 triennale 2007/2009 e del piano annuale 2007 di edilizia scolastica legge 11 gennaio 1996, n. 23 (BUR 91 del 18/10/2007)

 Decreto RM 5 del 24/10/2007 Testo-Elenco interventi- Approvazione dei piani predisposti dalle province


 Decreto RM 5 del 28/03/2008- Rimodulazione interventi in provincia di Ancona


 Atto amministrativo 122 del 19/05/2009del Consiglio regionale: Annualità 2009, conferma della misura della quota di cofinanziamento di competenza regionale, riconferma di criteri e parametri di riparto dei fondi già stabiliti con l'Atto 65/2007.

 

MODULISTICA:

  •   Modello per richiesta di erogazione del 2° acconto sugli interventi di competenza delle Province 
  •   Circolare n. 86835 del 11/02/2010 su conclusione dei procedimenti, erogazione quota contributo a saldo ed accertamento eventuali economie"

     - Testo della Circolare (PDF)  

           - Scheda da inviare alla Regione (word