Text/HTML

Edilizia e Lavori Pubblici

Edilizia Sanitaria e Ospedaliera

L'organizzazione della Giunta regionale si articola in una segreteria generale, in Dipartimenti, Direzioni e Settori, che operano in modo coordinato con il metodo della programmazione e sono soggetti all'indirizzo politico-amministrativo del Presidente della Giunta regionale (ai sensi della l.r. 18/2021 ."Disposizioni di organizzazione e di ordinamento del personale della Giunta regionale").
Il Settore Edilizia Sanitaria, Ospedaliera e Scolastica, già P.F. Edilizia Sanitaria ed Ospedaliera della Regione Marche, è istituito presso il Dipartimento Infrastrutture, Territorio e Protezione Civile.
Il Settore ha tra i propri compiti gli investimenti relativi all'edilizia sanitaria ed ospedaliera e i progetti di riqualificazione relativi all’edilizia pubblico/privata ai fini socio-sanitari.

NUOVE STRUTTURE OSPEDALIERE IN CORSO DI ESECUZIONE

(aggiornamento: feb 2022)

A) NUOVA STRUTTURA OSPEDALIERA MATERNO INFANTILE “G. SALESI” - ANCONA 
Importo totale investimento finanziario originario= € 56.855.567,27
Importi aggiuntivi:
- € 10.000.000,00 legge regionale n. 39 del 31/12/2021 Bilancio di previsione 2022/2024;
- € 6.000.000,00 bilancio azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Ancona.
Totale aggiornato: € 72.855.567,27
Numero posti letto originari: 119.
Numero posti letto aggiornati: 201 (+ 2 p.l. terapia intensiva pediatrici + 20 p.l. ginecologia, 32 p.l. ostetricia e 28 p.l. terapia intensiva e subintensiva neonatale).
Caratteristiche tecniche:
- Nuovo ospedale pediatrico circa 22.000 mq + un ulteriore piano di circa 5.500 mq
- Nuova Morgue circa 1.500 mq
- Nuova Isola Ecologica circa 260 mq

 

B) NUOVA STRUTTURA OSPEDALIERA A SAN CLAUDIO DI CAMPIGLIONE – FERMO
Importo originario investimento finanziario = € 100.000.000,00 (Art. 20 L.67/1988 di cui Stato Euro 39.056.763,83, Regione Euro 30.943.236,17 e € 30.000.000,00 con risorse regionali di cui alla tabella “C” della L.R. 41/2019).
Importi aggiuntivi:
- € 7.600.000,00 fondi O.C.D.P.C. 675/2020, articolo 2 c.2 e 3;
- € 1.758.000,00 fondi O.C.D.P.C. 780/2021;
- € 2.500.000,00 fondi art. 1 comm. 14 legge n. 160/2019.
Ulteriori € 3.600.000 sono stati messi a disposizione tramite finanziamenti FSC per il collegamento del nuovo ospedale alla viabilità principale.
Totale aggiornato: € 115.458.000,00
Numero posti letto originari in seguito alla DGR Marche n. 2/2018: 362.
Numero posti letto aggiornati in seguito alla DGR Marche n. 751/2020: 372 (+ 10 p.l. terapia intensiva covid).
Caratteristiche tecniche: Consistenza delle opere nuovo ospedale circa 68.000 mq.

 

C) NUOVO INRCA E OSPEDALE DI RETE ZONA SUD ANCONA
Importo originario investimento= € 79.500.000 (Art. 20 L.67/1988 di cui Stato € 39.056.763,84 - Regione €40.443.236,16).
Importi aggiuntivi:
- € 7.000.000,00 legge regionale n. 54 del 31/12/2020 “Bilancio di previsione 2021/2023”;
- € 15.000.000,00 legge regionale n. 39 del 31/12/2021 Bilancio di previsione 2022/2024;
- € 3.110.000,00 fondi art. 1 comm. 14 legge 160/2019;
- € 2.172.500,00 fondi O.C.D.P.C. 780/2021.
Ulteriori € 4.200.000 sono stati messi a disposizione tramite finanziamenti FSC per il collegamento del nuovo ospedale alla viabilità principale.
Totale aggiornato: € 110.972.250,00
Numero posti letto: 255 (conseguenti alle DGR 1780/2018 e DGR 1153/2017: 316)
Caratteristiche tecniche: Consistenza delle opere nuovo ospedale circa 61.000 mq

 

RICOSTRUZIONE POST SISMA (Interventi E, F, G, H, I, J)
Con l’Ordinanza Commissariale n. 37 dell’8 settembre 2017 è stato approvato “ .. il primo programma degli interventi di ricostruzione, riparazione e ripristino delle opere pubbliche nei territori delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria interessati dagli eventi sismici a far data dal 24 agosto 2016 “.
La medesima O.C., dispone un elenco di Opere Pubbliche che, di importo complessivo pari ad €128.942.000,00 per la Regione Marche, include i seguenti interventi per l’edilizia sanitaria:
- n. 79: Sarnano – Distretto sanitario;
- n. 84: Tolentino – Ospedale civile, Distretto;
- n. 91: Offida – Poliambulatorio;
- n. 92: Amandola – Ospedale;
- n. 93: Fabriano – Ospedale, DH;
- n. 94: Macerata – Ospedale Civile, Anatomia patologica, 118;
- n. 95: Macerata – ex CRAS, Padiglione Centrale, Distretto;
- n. 96: Matelica – Ospedale Civile;
- n. 97: San Ginesio - Distretto Sanitario;
- n. 98: San Severino Marche – Ospedale Civile, Distretto.
Con D.G.R. n. 599 del 18 maggio 2018 è stato approvato lo schema l’accordo per la realizzazione degli interventi di ricostruzione post sisma degli immobili inerenti all’edilizia sanitaria tra la Regione Marche e l’Azienda Sanitaria Unica Regionale.
In data 29 maggio 2018, Reg. Int. digitale n. 347/18, è stato siglato l’accordo per la realizzazione degli interventi di ricostruzione post sisma degli immobili inerenti all’edilizia sanitaria per lo svolgimento dei ruoli tecnici previsti dal codice dei contratti pubblici. Compito della struttura regionale competente è quello di sovraintendere all’attuazione del programma di ricostruzione delle opere pubbliche, per la parte inerente all’edilizia socio-sanitaria. 
In particolare:
- coordina la realizzazione degli interventi nel suo complesso;
- mantiene i rapporti con l’USR, per quanto riguarda il finanziamento delle opere, la gestione delle banche dati per la ricostruzione pubblica e quanto altro necessario al compimento delle opere medesime;
- mantiene i rapporti con l’ASUR, per quanto riguarda in particolare il coordinamento dei RUP individuati dall’ASUR medesima;
- mantiene i rapporti con la SUAM per quanto attiene allo svolgimento delle procedure di affidamento, sia dei servizi tecnici sia di lavori, di competenza della SUAM medesima, e relative a tutte le opere dell’accordo.

 

POR FESR 2014-2020

Il Programma Operativo Regionale con il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014 - 2020 può contare su 248 milioni aggiuntivi, di cui 124 milioni di cofinanziamento statale, destinati a sostenere il percorso di ricostruzione economico – sociale, oltre ad interventi di prevenzione sismica, idrogeologica e di miglioramento dell’efficienza energetica. Ulteriori 160 milioni provengono dalla riprogrammazione solidale delle risorse dei (Psr) Programmi di sviluppo rurale di tutte le regioni italiane per offrire un aiuto concreto alle aziende agricole.

Nel dettaglio, le nuove risorse FESR vengono rese disponibili attraverso una nuova programmazione del POR in un ulteriore asse prioritario che si aggiunge ai 7 precedenti: Asse 8 “Prevenzione sismica e idrogeologica, il miglioramento dell’efficienza energetica e il sostegno alla ripresa socioeconomica delle aree colpite dal sisma”.

Con deliberazione di Giunta n. 475 del 16/04/2018 è stato approvato il terzo volume con le schede di attuazione delle MAPO del Programma Operativo Regionale (POR) Marche - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) - 2014-2020. Il terzo volume è stato inserito per la definizione degli interventi a valere sui 248 milioni di euro aggiuntivi. Per tali risorse sono state definite le schede di dettaglio degli interventi e l'allocazione finanziaria per ciascun intervento oltre che, ove mancanti, l'individuazione dei criteri di selezione dei progetti. La DGR 475/2018 approva inoltre le schede inerenti il nuovo Asse 8 “Prevenzione sismica e idrogeologica, miglioramento dell'efficienza energetica e sostegno alla ripresa socioeconomica delle aree colpite dal sisma” all'interno del Volume 3 e modificato il Volume 2 delle MAPO.
In particolare tale terzo volume individua le seguenti schede di attuazione:
-    25.1.4 “Interventi di efficienza energetica negli edifici pubblici - Edilizia sanitaria”; 
-    28.1.4 “Interventi di natura strutturale, o opere strettamente connesse, di adeguamento o miglioramento sismico – Edilizia sanitaria”.
Per l’azione n. 25.1.4 "Interventi di efficienza energetica negli edifici pubblici -Edilizia sanitaria" la priorità di investimento è quella di sostenere l'efficienza energetica, la gestione intelligente dell'energia e l'uso dell'energia rinnovabile nelle infrastrutture pubbliche, compresi gli edifici pubblici, e nel settore dell'edilizia abitativa. Ha come obiettivo specifico la riduzione dei consumi energetici negli edifici e nelle strutture pubbliche o ad uso pubblico, residenziali e non residenziali e integrazione di fonti rinnovabili. La dotazione finanziaria è pari ad € 12.961.314,52. 
Per l’azione n. 28.1.4 “Interventi di natura strutturale, o opere strettamente connesse, di adeguamento o miglioramento sismico – Edilizia sanitaria” la priorità di investimento è quella di promuovere investimenti destinati a far fronte a rischi specifici, garantire la resilienza alle catastrofi e sviluppare sistemi di gestione delle catastrofi. Ha come obiettivo specifico la riduzione del rischio incendi e del rischio sismico. La dotazione finanziaria è pari ad € 14.825.000,00.
Con DGR n. 159 del 18/02/2019 è stato approvato l’elenco degli interventi da finanziare nell’ambito del POR FESR Marche relativamente all’attuazione dell’asse 8 azione n. 25.1.4 e azione n. 28.1.4.
In tale elenco risultano i seguenti beneficiari:
a) ASUR Marche € 15.550.000,00 con importi così suddivisi:
-    25.1.4 “Interventi di efficienza energetica negli edifici pubblici - Edilizia sanitaria”: € 8.530.000,00;
-    28.1.4 “Interventi di natura strutturale, o opere strettamente connesse, di adeguamento o miglioramento sismico – Edilizia sanitaria”: € 7.020.000,00.
b) Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona (Umberto I, G.M. Lancisi, G. Salesi) € 12.236.314,52 con importi così suddivisi:
-    25.1.4 “Interventi di efficienza energetica negli edifici pubblici - Edilizia sanitaria”: € 4.431.314,52;
-    28.1.4 “Interventi di natura strutturale, o opere strettamente connesse, di adeguamento o miglioramento sismico – Edilizia sanitaria”: € 7.805.000,00.

 

PNRR Missione 6

Le risorse del "Piano Nazionale di Ricrescita e Resilienza (PNRR) sono destinate alla realizzazione di interventi a regia del Ministero della Salute e dei Soggetti Attuatori, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano.

La Missione 6 Salute mira a potenziare e riorientare il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) per migliorarne l’efficacia nel rispondere ai bisogni di cura delle persone, anche alla luce delle criticità emerse nel corso dell’emergenza pandemica, ed è articolata in due Componenti: 
• Componente 1: Reti di prossimità, strutture intermedie e telemedicina per l’assistenza territoriale;
• Componente 2: Innovazione, ricerca e digitalizzazione del Servizio Sanitario Nazionale.
La Componente 1 ha l’obiettivo di rafforzare le prestazioni erogate sul territorio grazie all’attivazione e al potenziamento di strutture e presidi territoriali (come le Case della Comunità e gli Ospedali di Comunità), rafforzando l'assistenza domiciliare, lo sviluppo della telemedicina e una più efficace integrazione con tutti i servizi sociosanitari.
La Componente 2 comprende, invece, misure volte al rinnovamento e all'ammodernamento delle strutture tecnologiche e digitali esistenti, al potenziamento e alla diffusione del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) ed una migliore capacità di erogazione e monitoraggio dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) da realizzare anche attraverso il potenziamento dei flussi informativi sanitari.
Inoltre, rilevanti risorse sono destinate anche alla ricerca scientifica e a rafforzare le competenze e il capitale umano del Servizio Sanitario Nazionale (SSN).