PSR 2014-2020

Programma di sviluppo rurale Regione Marche 2014-2020

Tab Html

Misura 6

La misura 6 - sviluppo delle aziende agricole e delle imprese – si articola in tre sottomisure:

  • 6.1 - Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori
  • 6.2 - Aiuti all'avviamento di attività imprenditoriali per attività extra-agricole nelle zone rurali
  • 6.4 - Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra-agricole

 

In particolare, la sottomisura 6.4 si articola in due operazioni, A e B, che, a loro volta, prevedono una serie di Azioni.

La sottomisura 6.4.A - sostegno agli investimenti nelle aziende agricole per lo sviluppo di attività non agricole è articolata in:

  • Azione 1 – agriturismo
  • Azione 2 – agricoltura sociale
  • Azione 3 – produzione di energia
  • Azione 4 – trasformazione e commercializzazione di prodotti di cui all'allegato 1 al Trattato, solo come input

 

Mentre la sottomisura 6.4.B - investimenti strutturali nelle Pmi per lo sviluppo di attività non agricole prevede:

  • Azione 1 - produzione di energia
  • Azione 2 - servizi alla popolazione e alle imprese



Approfondimenti

Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020 della Regione Marche. In particolare, è possibile consultare il capitolo 8.

Sottomisura 6.1

La sottomisura 6.1 - aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori prevede la concessione di un aiuto per l'insediamento di giovani agricoltori che si impegnano a proseguire l’attività agricola, in qualità di capo azienda, per almeno 8 anni. Trattandosi di un aiuto forfettario non si prevede la rendicontazione del premio, ma solo degli investimenti e/o spese relative alle singole misure attivate con il pacchetto giovani e indicate nel piano aziendale.

 

beneficiari della sottomisura sono i giovani agricoltori (età compresa tra i 18 anni compiuti e non superiore a 40 anni al momento della presentazione della domanda), che possiedono adeguate qualifiche e competenze professionali e che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo azienda.

Tasso di aiuto: 100% 

 

Il responsabile di procedimento della sottomisura 6.1 è Andrea Sileoni, cui è possibile rivolgersi per avere maggiori informazioni: andrea.sileoni@regione.marche.it.

 

 

Per rimanere informati sui bandi, oltre alla pagina dedicata ai bandi aperti, è possibile collegarsi ai canali social del PSR Marche 2014-2020: la pagina Facebook e l’account Twitter.

Per maggiori informazioni sui bandi usciti, consultare la pagina dedicata all’avanzamento dei bandi chiusi.

 

Approfondimenti
Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020 della Regione Marche. In particolare, è possibile consultare il capitolo 8.

Sottomisura 6.2

La sottomisura 6.2 - aiuti all'avviamento di attività imprenditoriali per attività extra-agricole nelle zone rurali prevede la concessione di un aiuto per la creazione di nuove imprese di tipo extra-agricolo nelle aree rurali. Trattandosi di aiuto forfettario non si prevede la rendicontazione del premio, ma solo degli investimenti e/o delle spese relative alle singole misure indicate nel piano aziendale.

 

beneficiari della sottomisura sono le microimprese e le piccole imprese delle aree rurali, che si impegnano a esercitare l’attività di impresa indicata nel piano aziendale per almeno cinque anni dalla data di avvio dell’impresa.

Tasso di aiuto: 100% 

 

Il responsabile di procedimento della sottomisura 6.2 è Luciano Neri, cui è possibile rivolgersi per avere maggiori informazioni: luciano.neri@regione.marche.it.

 

 

Per rimanere informati sui bandi, oltre alla pagina dedicata ai bandi aperti, è possibile collegarsi ai canali social del PSR Marche 2014-2020: la pagina Facebook e l’account Twitter.

Per maggiori informazioni sui bandi usciti, consultare la pagina dedicata all’avanzamento dei bandi chiusi.

 

Approfondimenti
Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020 della Regione Marche. In particolare, è possibile consultare il capitolo 8.

Sottomisura 6.4

La sottomisura 6.4 - sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra-agricole prevede due operazioni, A e B.

 

La sottomisura 6.4 operazione A - sostegno agli investimenti nelle aziende agricole per lo sviluppo di attività non agricole - prevede, a sua volta, quattro azioni:

  • Azione 1 - agriturismo
  • Azione 2 - agricoltura sociale
  • Azione 3 - produzione di energia
  • Azione 4 - trasformazione e commercializzazione dei prodotti previsti dall'allegato 1 al Trattato solo come input
  • Azione 5 - realizzazione di punti vendita extra-aziendali dei prodotti previsti dall'allegato 1 al Trattato e dall'allegato 1 solo come input

 

L'Azione 1 - agriturismo - prevede investimenti nell’azienda agricola per qualificare l’offerta turistica con l'obiettivo di ottenere un aumento della qualità dei servizi offerti ed un miglioramento della capacità di aumentare il numero degli ospiti e la loro permanenza.

 I beneficiari sono gli imprenditori agricoli.

    Tasso di aiuto

    • 30% per arredi e attrezzature
    • 35% per investimenti immobili (45%per agricoltori in zona montana)
    • 40% per investimenti immobili con tecniche di bioedilizia (50% per agricoltori in zona montana)

    È prevista una maggiorazione del 10% per gli interventi ricadenti nelle aree del cratere sismico effettuati da aziende del cratere.

     

    L'Azione 2 - agricoltura sociale- prevede: 

    a. Servizi educativi e didattici (agri–asili, agri–nidi, centri per l’infanzia e simili)

    b. Servizi sociali e assistenziali (attività di riabilitazione, ospitalità e integrazione sociale)

    c. Servizi socio–sanitari

    beneficiari sono gli imprenditori agricoli.

      Tasso di aiuto:

      • 30% per arredi e attrezzature
      • 35% per investimenti immobili (45%per agricoltori in zona montana)
      • 40% per investimenti immobili con tecniche di bioedilizia (50% per agricoltori in zona montana)

      È prevista una maggiorazione del 10% per gli interventi ricadenti nelle aree del cratere sismico effettuati da aziende del cratere. 

       

      L'Azione 3  - produzione di energia - prevede investimenti finalizzati alla creazione e lo sviluppo delle seguenti attività di produzione di energia da fonte rinnovabile finalizzata alla vendita.

      beneficiari sono gli imprenditori agricoli e loro coadiuvanti familiari (singoli e associati).

        Tasso di aiuto: 40% per investimenti immobili con tecniche di bioedilizia. È prevista una maggiorazione del 10% per le aziende in zone montane.

         

        L'Azione 4 - trasformazione e commercializzazione dei prodotti previsti dall'allegato 1 al Trattato solo come input - prevede investimenti realizzati dall’imprenditore agricolo, anche in area non agricola, finalizzati alla creazione ed allo sviluppo di attività produttive nell’ambito della multifunzionalità aziendale che prevedono la trasformazione e commercializzazione dei prodotti  il cui prodotto finale della lavorazione non è ricompreso nell’allegato I del Trattato.

        beneficiari sono gli imprenditori agricoli e loro coadiuvanti familiari singoli o associati rientranti per dimensione nella definizione di micro e piccola impresa.

          Tasso di aiuto

          • 30% per arredi e attrezzature
          • 35% per investimenti immobili (45% per agricoltori in zona montana)
          • 40% per investimenti immobili con tecniche di bioedilizia (50% per gli agricoltori in zona montana)

          È prevista una maggiorazione del 10% per gli interventi ricadenti nelle aree del cratere sismico effettuati da aziende del cratere. 

           

          L'azione 5realizzazione di punti vendita extra-aziendali dei prodotti previsti dall'allegato 1 al Trattato e dall'allegato 1 solo come input - prevede investimenti a favore dell'azienda agricola finalizzati alla creazione di punti vendita extra-aziendali nell'ambito della multifunzionalità aziendale. 

          I beneficiari sono gli imprenditori agricoli singoli o associati

          Tasso di aiuto:

          • 30% per arredi e attrezzature
          • 35% per investimenti immobili (45% per agricoltori in zona montana)
          • 40% per investimenti immobili con tecniche di bioedilizia (50% per gli agricoltori in zona montana)

          È prevista una maggiorazione del 10% per per gli interventi ricadenti nelle aree del cratere sismico effettuati da aziende del cratere. 


          La sottomisura 6.4 operazione B - investimenti strutturali nelle Pmi per lo sviluppo di attività non agricole - prevede, invece, due azioni:

           

          • Azione 1produzione di energia
          • Azione 2 - servizi alla popolazione e alle imprese

           

          L'Azione 1 - produzione di energia -sostiene gli investimenti materiali ed immateriali finalizzati alla creazione di nuove attività di produzione di energia da biomassa forestale, da parte di imprenditori forestali singoli o associati nell’ambito di filiere legno energia.

          beneficiari sono piccole e micro imprese (definite secondo l’allegato I del regolamento (UE) n. 702 del 25 giugno 2014 ABER, ai sensi della raccomandazione della Commissione 2003/361/CE del 6 maggio 2003), da costituire o già attivate nel settore della produzione di energia, rappresentate da società costituite esclusivamente da imprenditori forestali o agricolo-forestali, singoli o associati, produttori della materia prima utilizzata per la produzione di energia.

            Tasso di aiuto40% per investimenti immobili con tecniche di bioedilizia. È prevista una maggiorazione del 10% per le aziende in zone montane.


            L'Azione 2 - servizi alla popolazione e alle imprese -  prevede investimenti strutturali nelle Pmi per lo sviluppo delle seguenti attività non agricole:

            a. servizi nel settore dell’accoglienza e del turismo

            b. servizi di guida e informazione

            c. servizi di guida e accompagnamento

            d. servizi di digitalizzazione e informatizzazione

            e. servizi per allestimenti di esposizioni e performances

            f. servizi sociali e assistenziali

            g. servizi educativi e didattici

            h. servizi innovativi inerenti le attività informatiche e le tecnologie di informazione e comunicazione

             

            beneficiari sono micro imprese (definite secondo l’allegato I del regolamento (UE) n. 702 del 25 giugno 2014 ABER, ai sensi della raccomandazione della Commissione 2003/361/CE del 6 maggio 2003), da costituire o già attive nei settori di cui alla descrizione delle tipologie degli interventi.

              Tasso di aiuto

              • 40% per arredi e attrezzature
              • 50% per investimenti immobili

               


               

              responsabili di procedimento della sottomisura 6.4 operazione A) sono: 

               

              I responsabili di procedimento della sottomisura 6.4 operazione B) sono:

               

              Per rimanere informati sui bandi, oltre alla pagina dedicata ai bandi aperti, è possibile collegarsi ai canali social del PSR Marche 2014-2020: la pagina Facebook e l’account Twitter.

              Per maggiori informazioni sui bandi usciti, consultare la pagina dedicata all’avanzamento dei bandi chiusi.

               

              Approfondimenti
              Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020 della regione Marche. In particolare, è possibile consultare il capitolo 8.