PSR 2014-2020

Programma di sviluppo rurale Regione Marche 2014-2020

Tab Html

Misura 4

La misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali – si articola in quattro sottomisure:

  • 4.1 - Sostegno a investimenti nelle aziende agricole
  • 4.2 - Sostegno a investimenti a favore della trasformazione/commercializzazione e/o dello sviluppo dei prodotti agricoli
  • 4.3Sostegno a investimenti nell'infrastruttura necessaria allo sviluppo, all'ammodernamento e all'adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura
  • 4.4Sostegno a investimenti non produttivi connessi all'adempimento degli obiettivi agro-climatico-ambientali

 

In particolare, la sottomisura 4.2 prevede le operazioni 4.2.A e 4.2.B, che sostengono gli investimenti materiali e immateriali realizzati da imprese agroalimentari (4.2.A) e per la riduzione dei consumi energetici (4.2.B). 

 

La sottomisura 4.3 si articola in due operazioni, finalizzate a sostenere gli investimenti per la viabilità rurale e forestale (4.3.A) e per le infrastrutture irrigue (4.3.B).


Infine, la sottomisura 4.4 prevede due azioni per gli investimenti non produttivi a finalità ambientale:

  • Azione 1 – sostegno per investimenti non produttivi in aree oggetto di accordo agroambientale
  • Azione 2 – misure di attenuazione del conflitto allevatore/lupo

 

 

Approfondimenti
Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020 della regione Marche. In particolare, è possibile consultare il capitolo 8.

Sottomisura 4.1

La sottomisura 4.1 - sostegno a investimenti nelle aziende agricole prevede investimenti materiali e immateriali per le seguenti tipologie di intervento ammissibili:

  • costruzione, ristrutturazione e miglioramento di fabbricati aziendali produttivi di dimensione commisurata alle esigenze dell’azienda agricola e di tipologia costruttiva adeguata alla specifica destinazione d’uso
  • impiantistica legata alle fasi di lavorazione conservazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, a condizione che oltre il 60% della materia lavorata sia di provenienza aziendale e che la stessa materia prima, sia in entrata che in uscita del processo di lavorazione, sia compresa nell’allegato I del Trattato
  • realizzazione di punti vendita extra aziendali nell’ambito di progetti di cooperazione per la filiera corta e i mercati locali per commercializzare i prodotti compresi nell’Allegato I del Trattato e che vengono prodotti dalle aziende che realizzano l’investimento collettivo
  • investimenti, anche collettivi, per ricoveri in alpeggio e per i punti d’acqua in area montana (abbeveratoi, fontanili, microinvasi), destinati a garantire il rifornimento idrico e il ricovero per gli animali allevati al pascolo
  • impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili di capacità proporzionata al fabbisogno energetico aziendale
  • opere di miglioramento fondiario
  • macchine e attrezzature agricole tecnologicamente avanzate e rapportate alle effettive esigenze aziendali
  • contatori per il prelievo di acqua di irrigazione
  • acquisto di terreni entro il limite massimo del 10% del costo totale degli investimenti ammessi all’aiuto, solo per i giovani agricoltori che si insediano per la prima volta, e che presentano domanda di aiuto a questa misura nell’ambito del “pacchetto giovani”

 

beneficiari della sottomisura sono gli imprenditori agricoli, singoli o associati, sia persone fisiche che giuridiche.

Tasso di aiuto:

  • 30% per trattori e macchine, con una maggiorazione del 10% per giovani, aziende montane e per gli investimenti realizzati nell’ambito del Partenariato europeo per l’innovazione (Pei)  o di un Accordo agroambietale d'area (Aaa)
  • 40% per gli investimenti di trasformazione e commercializzazione e la realizzazione di punti vendita
  • 30% per altri investimenti, con una maggiorazione del 10% per giovani, aziende montane e per gli investimenti realizzati nell’ambito del Partenariato europeo per l’innovazione (Pei)  o di un Accordo agroambietale d'area (Aaa)
  • 40% per altri investimenti prioritari, con una maggiorazione del 10% per i giovani e per gli investimenti realizzati nell’ambito del Pei o di un Accordo agroambietale d'area (Aaa) e con una maggiorazione del 20% per le aziende montane

 

Il responsabile di procedimento della sottomisura 4.1 è Andrea Scarponi, cui è possibile rivolgersi per avere maggiori informazioni: andrea.scarponi@regione.marche.it.

 

 

Per rimanere informati sui bandi, oltre alla pagina dedicata ai bandi aperti, è possibile collegarsi ai canali social del PSR Marche 2014-2020: la pagina Facebook e l’account Twitter.

Per maggiori informazioni sui bandi usciti, consultare la pagina dedicata all’avanzamento dei bandi chiusi.

 

Approfondimenti
Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020 della regione Marche. In particolare, è possibile consultare il capitolo 8.

Sottomisura 4.2

La sottomisura 4.2 - sostegno a investimenti a favore della trasformazione/commercializzazione e/o dello sviluppo dei prodotti agricoli prevede due operazioni: 4.2.A e 4.2.B.

 

La 4.2.A - investimenti materiali e immateriali realizzati da imprese agroalimentari - prevede un sostegno per le imprese agroalimentari che realizzano investimenti materiali e immateriali, per il raggiungimento di almeno uno degli obiettivi ambientali specifici del Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020 della Regione Marche.

 

beneficiari della sottomisura sono le imprese che operano nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, di cui all’Allegato I del Trattato, come input.

Tasso di aiuto:

  • 60% per investimenti realizzati nell’ambito del Partenariato europeo per l’innovazione (Pei) 
  • 60% per investimenti realizzati nell’ambito di organizzazioni di produttori
  • 40% per altri investimenti

 

La 4.2.B - investimenti materiali e immateriali per la riduzione dei consumi energetici - sostiene le imprese agroalimentari che realizzano investimenti materiali e immateriali per la riduzione dei consumi energetici, grazie alla maggiore efficienza degli impianti e delle strutture produttive.

La sottomisura 4.2.B è attivabile solo tramite investimenti integrati con la sottomisura 4.2.A.

 

beneficiari della sottomisura sono le imprese che operano nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, di cui all’Allegato I del Trattato, come input.

Tasso di aiuto:

  • 60% per investimenti realizzati nell’ambito del Partenariato europeo per l’innovazione (Pei) 
  • 60% per investimenti realizzati nell’ambito di organizzazioni di produttori
  • 40% per altri investimenti

 

 

Il responsabile di procedimento della sottomisura 4.2, operazioni A e B, è Andrea Albanesi, cui è possibile rivolgersi per avere maggiori informazioni: andrea.albanesi@regione.marche.it.

 

Per rimanere informati sui bandi, oltre alla pagina dedicata ai bandi aperti, è possibile collegarsi ai canali social del PSR Marche 2014-2020: la pagina Facebook e l’account Twitter.

Per maggiori informazioni sui bandi usciti, consultare la pagina dedicata all’avanzamento dei bandi chiusi.

 

 

Approfondimenti
Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020 della regione Marche. In particolare, è possibile consultare il capitolo 8.

Sottomisura 4.3

La sottomisura 4.3 - sostegno a investimenti nell'infrastruttura necessaria allo sviluppo, all'ammodernamento e all'adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura prevede due operazioni: 4.3.A e 4.3.B.

 

La 4.3.A - viabilità rurale e forestale - sostiene il miglioramento e il potenziamento delle infrastrutture di accesso ai terreni a servizio delle imprese agricole, nonché alle superfici forestali, per consentire attività produttive economicamente sostenibili.

 

beneficiari sono:

  • enti pubblici non economici aventi titolo, anche in forma associata
  • organismi pubblico – privati di gestione associata dei beni agro-silvo-pastorali
  • consorzi di bonifica
  • consorzi stradali obbligatori o volontari (costituiti ai sensi del decreto legislativo luogotenenziale - Dll - n. 1446 del 1918)
  • organismi pubblico-privati di gestione associata delle foreste (per le sole infrastrutture forestali)
  • consorzi forestali (per le sole infrastrutture forestali)

Tasso di aiuto:

  • 60% per la viabilità rurale, con una maggiorazione del 20% per le aree montane
  • 100% per la viabilità forestale

 

 

La 4.3.B - infrastrutture irrigue - sostiene gli investimenti per:

  • costruire, ammodernare, potenziare, risanare le opere di captazione, invaso, sollevamento, adduzione e distribuzione dell’acqua
  • realizzare e migliorare opere, attrezzature e sistemi per l’automazione, la misurazione, il monitoraggio e il telecontrollo degli impianti

 

Il beneficiario è il Consorzio di bonifica unico regionale (Asbuc).

    Tasso di aiuto: 100%.

     

     

    Il responsabile di procedimento della sottomisura 4.3, operazioni A e B, è Gianni Fermanelli, cui è possibile rivolgersi per maggiori informazioni: gianni.fermanelli@regione.marche.it.

     

     

    Per rimanere informati sui bandi, oltre alla pagina dedicata ai bandi aperti, è possibile collegarsi ai canali social del PSR Marche 2014-2020: la pagina Facebook e l’account Twitter.

    Per maggiori informazioni sui bandi usciti, consultare la pagina dedicata all’avanzamento dei bandi chiusi.

     

     

    Approfondimenti
    Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020 della regione Marche. In particolare, è possibile consultare il capitolo 8.

    Sottomisura 4.4

    La sottomisura 4.4 - sostegno a investimenti non produttivi connessi all'adempimento degli obiettivi agro-climatico-ambientali prevede due azioni.

     

    L'Azione 1 - sostegno per investimenti non produttivi in aree oggetto di accordo agroambientale - prevede investimenti non produttivi a finalità ambientale attraverso:

    • interventi finanziabili solo nell'ambito di Accordi agro ambientali d'area (Aaa)
    • concessione di aiuti per investimenti finalizzati alla tutela e al ripristino degli habitat e dei paesaggi, alla riduzione del rischio di dissesto idrogeologico, alla protezione del suolo e delle acque

     

    beneficiari sono:

    • agricoltori, singoli o associati
    • comunanze, università agrarie e il Consorzio di bonifica unico regionale (Asbuc)
    • organismi pubblico-privati di gestione associata dei beni agro-silvo-pastorali
    • organismi deputati alla gestione dei siti della Rete Natura 2000 (ai sensi della legge regionale n. 6 del 2007 e successive modificazioni e integrazioni) e i gestori di demanio pubblico

    Tasso di aiuto: 100%

     

     

    L'Azione 2 - misure di attenuazione del conflitto allevatore/lupo - sostiene gli investimenti non produttivi, nelle aziende zootecniche, che utilizzano i pascoli e i prati-pascoli in tutte le aree montane e nelle aree non montane, limitatamente ai siti Natura 2000 e alle aree protette. Tali investimenti servono per attenuare il conflitto tra i predatori selvatici di interesse conservazionistico, il lupo, e gli allevatori, riducendo la possibilità di accesso a prede domestiche.

     

    beneficiari sono gli agricoltori, singoli o associati.

      Tasso di aiuto: 100%.

       

      I responsabili di procedimento della sottomisura 4.4, cui è possibile rivolgersi per avere maggiori informazioni, sono:

       

      Per rimanere informati sui bandi, oltre alla pagina dedicata ai bandi aperti, è possibile collegarsi ai canali social del PSR Marche 2014-2020: la pagina Facebook e l’account Twitter.

      Per maggiori informazioni sui bandi usciti, consultare la pagina dedicata all’avanzamento dei bandi chiusi.

       

       

      Approfondimenti
      Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020 della regione Marche. In particolare, è possibile consultare il capitolo 8.