Blog

mercoledì 5 agosto 2020  13:06 

La Regione Marche ha destinato altri due milioni di euro alla dotazione finanziaria di due bandi forestali del Psr (Programma di sviluppo rurale) in corso di scadenza. Il primo riguarda gli investimenti per ridurre il rischio di incendi, il secondo gli ecosistemi boschivi. Complessivamente le due misure vedono risorse per oltre 7 milioni di euro, rispetto alle 5 originali. “L’incremento si rende necessario per le numerose domande già pervenute prima della scadenza, segno del gradimento riscontrato dagli investimenti proposti che intercettano un’esigenza reale manifestata dal territorio”, commenta la vicepresidente Anna Casini, assessore all’Agricoltura. Il bando per la riduzione del rischio di incendi vede un incremento superiore al milione di euro, arrivando a una dotazione di 4,68 milioni. Il secondo registra una crescita di 936 mila euro e una disponibilità finale di 2,376 milioni per ampliare il pregio ambientale degli ecosistemi forestali. Entrambi so ...

   

lunedì 27 luglio 2020  18:25 

Un binomio all’insegna del dialogo tra le culture. Quattro giorni di spettacoli e incontri per scoprire tutti gli approdi delle culture e della storia mediterranea. Ospiti tra gli altri Tosca, Giordano Bruno Guerri, Pino Petruzzelli, Francesca Mannocchi, Branko Galoic. Il dialogo tra le culture come stella polare per viaggiare nel presente e guardare al futuro. È il filo che unisce l’esperienza di Adriatico Mediterraneo Festival e la storia della Dichiarazione di Ancona, che nel 2020 “compie” i suoi primi venti anni. Per questo Adriatico Mediterraneo Festival 2020 è all’insegna proprio della Dichiarazione, fondamento per la nascita dell’Iniziativa Adriatico Ionica e poi della Macroregione. Per quattro intensi giorni, dal 26 al 29 agosto, ad Ancona i ritmi delle musiche mediterranee, i suoni e i profumi delle culture del mare si intrecciano ai temi centrali per la politica dell’Europa che guarda a sud: dai diritti umani troppo spesso violati al ...

   

martedì 21 luglio 2020  19:05 

“E’ un grande progetto di mobilità sostenibile e di interconnessione di tutto il territorio regionale quello delle ciclovie delle Marche. Attraverso questo progetto di qualità abbiamo dato ai cittadini e turisti quell’immagine forte dell’ambiente sano e dei paesaggi bellissimi della nostra regione. Oltre a collegare i tratti ciclabili esistenti, abbiamo voluto anche utilizzare un linguaggio comune fatto di segnaletica e indicazioni che raccontano un progetto unitario con lunghi percorsi e punti di interesse in grado di accompagnare e guidare chi va in biciletta. Inoltre, grazie all’interconnessione con il sistema delle ferrovie è possibile portare sul treno gratuitamente la propria bicicletta e in futuro con i treni più moderni addirittura di ricaricare la batteria delle bici con pedalata assistita”. 

Così il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli insieme con la vicepresidente Anna Casini ha presentato le linee guida per la realizzazione e la segnaletica della rete ciclabile regionale. Queste costituiscono il riferimento regionale per favorire un approccio unitario, omogeneo e condiviso di supporto alla pianificazione e alla programmazione di azioni e interventi volti allo sviluppo della mobilità sostenibile. Un valido supporto tecnico alle strutture regionali e agli Enti locali che promuovono azioni in materia di mobilità ciclistica, quali: viabilità, promozione turistica, strategia sostenibile, aree protette, agricoltura ed educazione ambientale.

“Tutto questo fa parte di un’idea delle Marche completamente diversa a basso impatto ambientale - ha sottolineato Anna Casini - e non a caso abbiamo pensato alle ciclabili come delle vere e proprie infrastrutture andando incontro ad un turismo interessato alle aree interne attraverso le intersezioni con le aree costiere”.

Le linee guida contengono indicazioni sull’articolazione delle ciclovie, segnaletica e attrezzature a corredo delle ciclovie.

La Ciclovia delle Marche prevede un asse costiero (nod-sud) di carattere nazionale, che percorre il litorale adriatico, e 12 direttrici trasversali (est-ovest) che collegano l’adriatica con le aree interno risalendo le principali vallate fluviali: un impianto “a pettine” che consentirà, attraverso la mobilità dolce, il collegamento delle aree interne con la costa con evidenti ritorni non solo in termini di turismo, ma anche di qualità della vita.

La Regione Marche è capofila delle Regioni adriatiche interessate dalla Ciclovia turistica nazionale Adriatica. Alcuni dati sulla Ciclovia Adriatica: 1.127 km totali, 99 Comuni attraversati, 17 Province, 6 Regioni. Costo complessivo dell’opera 250 M€ di cui 16 già assegnati dal MIT. Le Marche sono attraversate per intero dall’infrastruttura (297 km totali). Ad oggi 166 km sono stati finanziati e realizzati/in corso di realizzazione e 131 km sono da finanziare. I finanziamenti regionali attivati negli ultimi 5 anni sono 14,3 M€. Il costo stimato per il completamento dell’Adriatica (parte regionale) ammonta a 53 Mln di euro. 

Guarda la conferenza stampa di presentazione: https://youtu.be/72SMRJQkWl

Scarica PDF delle slide

   

mercoledì 1 luglio 2020  16:45 
martedì 30 giugno 2020  17:05 

In totale le istanze presentate A OGGI sono 23.059.

 

Si ricorda che apre domani 1 luglio la possibilità per cittadini residenti nella regione Marche di presentare sulla Piattaforma 210 la domanda per la Misura 3, che consente di ottenere buoni vacanze di 50 euro, contributi una tantum a fondo perduto per incentivare il turismo domestico. La dotazione finanziaria della misura è di 1,2 milioni di euro.
Per accedere al contributo bisognerà essere in possesso di credenziali valide per l’accesso al Sistema Pubblico nazionale di Identità Digitale (SPID).

La domanda potrà essere presentata accedendo alla piattaforma dal link https://www.regione.marche.it/Piattaforma210/Turismo. Basterà autocertificare pochi dati e caricare la scansione della  ricevuta fiscale o della fattura comprovante la spesa sostenuta per un soggiorno di almeno due notti in una struttura ricettiva marchigiana in una provincia diversa da quella di residenza. La documentazione fiscale dovrà essere espressamente riconducibile per nominativo e codice fiscale al soggetto che richiede il contributo. E’ possibile richiedere il buono vacanza per un solo soggiorno con decorrenza dal 26 giugno.
Le domande saranno ammesse ad istruttoria in ordine cronologico di arrivo e i buoni vacanza assegnati e liquidati ai richiedenti sino a concorrenza delle risorse stanziate.
L’accesso alla misura di sostegno scade il 4 novembre 2020.

Per poter arrivare alla piattaforma con tutti i dati necessari a portata di mano, si possono consultare le linee guida pubblicate già da oggi sulla pagina Telegram della Regione Marche.

 

E' stata aperta oggi, inoltre, la Misura 18: Intervento straordinario di sostegno per il pagamento dei canoni di locazione destinato alle famiglie che risiedono in abitazioni condotte in locazione e che hanno subito una diminuzione del reddito disponibile a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e alle famiglie con figli studenti residenti nelle Marche iscritti ad ateneo marchigiano con contratto di locazione, anch'esse con una diminuzione del reddito disponibile a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Anche in questo caso le linee guida sono state pubblicate in anticipo sul canale Telegram della Regione Marche.

 

Sulla stessa pagina Telegram sono già disponibili anche le linee guida per accedere alla Misura 33: Stoccaggio vino di qualità (politiche agroalimentari), la cui apertura è prevista per domani.

 

SCARICA IL PDF DEL REPORT

   

mercoledì 24 giugno 2020  15:45 

La Regione Marche partecipa al progetto “Capacity building of blue economy stakeholders to effectively use of crowdfunding” in acronimo “BLUECROWDFUNDING” appartenente all’ambito della Cooperazione transnazionale Interreg Mediterranean del valore complessivo di 2,5 milioni di euro.

   

martedì 17 marzo 2020  12:42 

“Abbiamo posticipato il termine ultimo per la gestione e rendicontazione delle spese effettuate per la liquidazione dei contributi legati ai bandi POR FSE e FESR 2014/20 in scadenza in questi giorni”. Lo ha annunciato Manuela Bora, assessora alle Attività produttive della Regione Marche, spiegando che la nuova scadenza è quella del 25 marzo, ma che “ci sarà un ulteriore rinnovo qualora le misure contenute nel Dpcm dell’11 marzo scorso vengano ulteriormente prorogate”. “Il tempo, mai come in questi giorni, è una variabile decisiva per affrontare il coronavirus e il suo impatto sulla nostra quotidianità – ha aggiunto Bora -: c'è un tempo per correre, velocemente, per mettere al riparo la nostra salute, ci sarà tempo per far fronte alle pur necessarie e importanti richieste di documentazione”.

   

giovedì 23 gennaio 2020  13:26 

L’avvio dei portali DOMUS Sismica e DAP (Derivazioni Acqua Pubblica) sta contribuendo ad una maggiore sostenibilità ambientale grazie alla possibilità di presentare agli uffici regionali di Tutela del Territorio (ex Geni Civili) le istanze di deposito e autorizzazione dei progetti di costruzione in zona sismica o per la derivazione di acqua pubblica (queste ultime acquisite e gestite dalla PF Tutela delle Acque e Difesa del suolo e della Costa nel caso di grandi derivazioni); si tratta di pratiche complesse, comprendenti generalmente parecchi allegati grafici e di calcolo, che da ora non devono più essere presentate direttamente presso gli uffici ma tramite la procedure on-line.