Terremoto Marche

News

mercoledì 26 aprile 2017  01:00 

Il bando si riferisce alla selezione di complessivi 1.298 volontari per l'attuazione di progetti di servizio civile nazionale nelle quattro regioni colpite dal sisma (Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria) di cui 616 nella regione Marche.
   

mercoledì 19 aprile 2017  05:47 

La Giunta regionale ha esteso l’operatività del Fondo regionale di garanzia alle imprese danneggiate dalle scosse dell’ottobre 2016 e a quelle coinvolte nella ricostruzione.

A disposizione ci sono 1,83 milioni di euro, inizialmente destinati al sisma del 24 agosto, in quanto attivati subito dopo il primo terremoto.

“I successivi eventi del 26 e 30 ottobre richiedono un ampliamento della funzionalità del Fondo, per garantite i finanziamenti necessari alla ripresa delle attività produttive – afferma l’assessora Manuela Bora – Assicuriamo a tutte le piccole e medie imprese danneggiate un sostegno al credito per fronteggiare la situazione di emergenza, contando sulla garanzia pubblica nei finanziamenti richiesti”.

Il Fondo è gestito dalla Società regionale di garanzia Marche ed è stato aperto in occasione di precedenti calamità naturali.

L’operatività è stata estesa al terremoto, prevedendo ora l’ammissibilità dei finanziamenti fino al 31 dicembre 2018.

Dovranno riguardare il ripristino immobiliare, mobiliare, delle scorte, delle condizioni di agibilità e operatività o per le esigenze di capitale circolante delle imprese coinvolte nella ricostruzione.

   

venerdì 14 aprile 2017  01:38 

In riferimento alla piattaforma per la segnalazione dei danni alle opere pubbliche di cui al sito del Commissario Straordinario per la ricostruzione sisma 2016 (https://sisma2016.gov.it/2017/04/07/ricostruzione-pubblica-piattaforma-rilevamento-danni/), si comunica che la scadenza del 18 aprile NON riguarda gli Enti pubblici della Regione Marche, in quanto gli stessi hanno già ottemperato inserendo i dati all’interno della piattaforma regionale.   

venerdì 14 aprile 2017  07:51 

(ASCOLI) - Sono 4.317 i terremotati della provincia di Ascoli Piceno che hanno ricevuto i contributi per l’autonoma sistemazione, mentre 623 quelli ospitati nelle strutture ricettive. Sono, invece 39 le aziende e 913 i lavoratori autonomi ascolani che hanno chiesto i contributi per il sostegno al reddito a seguito della sospensione dell’attività produttiva dovuta al sisma, nell’area del cratere. Il Piano delle opere pubbliche segnala 328 interventi da realizzare, per un importo complessivo superiore a 301 milioni di euro (su oltre 1.550 milioni a livello regionale). Sono alcuni dati emersi nel corso dell’incontro della vicepresidente Anna Casini con i sindaci dell’Ascolano. All’ordine del giorno, la rendicontazione sulle attività legate al sisma e la normativa in vigore, compresa la nuova ordinanza sulla ricostruzione pesante appena emanata dal commissario straordinario Vasco Errani. “La Regione è impegnata a sostenere le c ...

   

giovedì 13 aprile 2017  05:12 

Liquidate somme per un totale di 81.074.155 milioni di euro grazie alla disponibilità dei trasferimenti dallo Stato per 51.200.000 di euro e ai 30 milioni anticipati dalla Regione. Alla luce dell’ordinanza 19, approvata l’altro ieri dal Commissario straordinario Vasco Errani per il ripristino e la ricostruzione di immobili ad uso abitativo gravemente danneggiati o distrutti dagli eventi sismici che si sono verificati dal 24 agosto in poi e del decreto legge 8 convertito in legge 45/2017 per i nuovi interventi urgenti, prosegue senza sosta l’impegno della Regione Marche per garantire la sistemazione di chi è rimasto senza casa e per procedere alla ricostruzione.   

lunedì 10 aprile 2017  09:55 

“Le Marche sono orgogliose di avere un progettista di talento per accompagnarle nel percorso di ricostruzione che hanno davanti. Scelta professionale di valore su cui contare in un momento delicatissimo della nostra storia”. Lo ha detto il presidente della Regione, Luca Ceriscioli a Camerino nel corso dell’incontro del 7 aprile per la presentazione dell’urbanista Mario Cucinella, chiamato dal sindaco Gianluca Pasqui a promuovere un modello di ricostruzione per la città ducale.

”Un laboratorio di idee – ha aggiunto Ceriscioli – per proporre Camerino e le Marche come un nuovo esempio di ricostruzione che sa legare memoria storica, comunità e futuro. Dal dramma dobbiamo ripartire per delineare una pianificazione strategica non solo tecnica ma di recupero della normalità: il dramma del terremoto come occasione per ripartire insieme senza perdere l’identità e l’unità dei territori”.

   

venerdì 7 aprile 2017  06:39 

il 6 aprile è stato illustrato dall’ANAS il secondo stralcio del Programma di ripristino e messa in sicurezza della rete stradale interessata dagli eventi sismici del 24 agosto e del 26 e 30 ottobre 2016.

Alla riunione, tenutasi nella sede del Consiglio provinciale di Ascoli Piceno, hanno partecipato i rappresentanti di tutti gli enti coinvolti che hanno espresso apprezzamento per il lavoro svolto.

L’ANAS si è riservata di tener conto delle ulteriori segnalazioni emerse e di inserirle nel successivo piano stralcio. Inoltre, nel corso dell’incontro, i Comuni e le Province hanno formalmente espresso la propria volontà di provvedere direttamente all’esecuzione degli interventi o di affidarli all’ANAS.

“Massima disponibilità da parte della Regione alla collaborazione con ANAS” ha commentato la vicepresidente Anna Casini aggiungendo che “la Regione Marche è stata la prima Regione in Italia ad affidare 800 km di strade ad ANAS” e ha riaffermato il principio della stretta collaborazione tra i servizi regionali e gli enti locali.

   

venerdì 7 aprile 2017  10:00 

La Campagna Rai, realizzata in collaborazione con il Commissario Straordinario per la Ricostruzione e che prevede spot, trasmissioni dedicate e approfondimenti per sostenere la ripresa dell’ospitalità turistica nei territori colpiti dal sisma, sarà trasmessa in tutte le principali trasmissioni e in tutti i notiziari.

   

mercoledì 5 aprile 2017  04:05 

Garantita massima collaborazione tra la Regione e le parti sociali del settore edile delle Marche nell’incontro che si è tenuto questa mattina sul tema ricostruzione post terremoto e ripartenza dei territori colpititi dal sisma. A partire dalla costituzione di un tavolo tecnico permanente di confronto come richiesto dalle organizzazioni.   

martedì 4 aprile 2017  01:15 

Sono 162 le proposte arrivate finora all’Erap Marche per rispondere all’avviso pubblico di manifestazione di interesse per l’acquisto di unità immobiliari invendute da utilizzare per l’emergenza abitativa legata al sisma.

Le offerte - avanzate da persone fisiche, imprese di costruzione o cooperative - vedono una settantina di Comuni coinvolti e, ancora in queste ore, si attendono ulteriri offerte inviate per posta. Si stimano quindi un migliaio di alloggi da mettere a disposizione.
L’acquisto  di questi alloggi evita le SAE, prevedendo l’uso di immobili già costruiti e nuovi e, quindi, per i cittadini, vere e proprie case. Edifici che, poi, una volta finita l’emergenza, resteranno utilizzabili dai singoli Comuni come edilizia residenziale pubblica, sempre in favore della popolazione.

Ceriscioli: “Soluzione che agevola il rientro delle persone”