News

mercoledì 5 luglio 2017  02:29 

Prorogata al 31 dicembre 2017 l’erogazione dell’indennità per i lavoratori dipendenti  delle aziende con sede nell’area del sisma che sono  impossibilitati a prestare attività lavorativa.

Si estendono quindi i termini dell’Intesa siglata il 17 maggio scorso tra la Regione Marche, rappresentata dall’assessore al Lavoro Loretta Bravi, e le rappresentanze regionali di Inps, Confindustria, Confartigianato, Cna, CLAII, Confcommercio, Confesercenti ,Confcooperative, Agci , Confprofessioni, Abi, Confapi, Lega Coop, Uecoop, Cgil, Cisl e Uil.

   

martedì 4 luglio 2017  07:41 

Il rilancio delle zone terremotate partendo dalle piccole attività economiche gestite da donne: una ricostruzione al femminile che vede in prima linea il Club Soroptimist International d’Italia con i primi tre progetti, finanziati dalla solidarietà delle associate, realizzati ad Acquasanta Terme (AP), Montefortino (FM) e Pioraco (MC). L’iniziativa è stata presentata in Regione, alla presenza della presidente nazionale Leila Picco, dell’assessore Angelo Sciapichetti e degli amministratori comunali.  “La rinascita dei territori passa dalla ripresa economica, dalla ricostruzione di quel tessuto produttivo locale che rappresenta l’ossatura imprenditoriale dell’area appenninica – ha evidenziato Sciapichetti – Quando le associazioni e le istituzioni collaborano, i risultati sono immediati e tangibili”.

   

domenica 25 giugno 2017  04:13 

Continua il lavoro della Regione Marche per la delocalizzazione delle attività produttive, economiche e commerciali.

Nella giornata di venerdì chiusa la programmazione delle attività produttive di Camerino.

Complessivamente i Comuni che hanno chiesto di delocalizzare sono 39.

   

mercoledì 14 giugno 2017  06:14 

Il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli nella giornata di oggi è in missione a Mosca. 

In mattinata è stato sottoscritto un accordo tra la Regione Marche e la compagnia petrolifera Rosneft, nella sede centrale della compagnia petrolifera, per la donazione di 5 milioni di euro, la maggiore ricevuta fino a oggi, per contribuire alla ricostruzione post sisma del nuovo ospedale di Amandola. Ha firmato con il presidente il Presidente di Rosnef, Igor Sechin, assistito da Yury Kurilin (vice president - head of executive office), Elena Zavaleeva (head of GR) e P.I.Lazarev (financial director). 

La giunta regionale ha già approvato lo schema di contratto che stabilisce la destinazione della somma e rende effettiva la donazione. 

"La ricostruzione delle strutture sanitarie - ha detto il presidente Luca Ceriscioli - ha carattere prioritario per la ripresa dei luoghi colpiti dal sisma. Grazie alla solidarietà e generosità della compagnia russa potremo partire presto con il progetto e indire il bando. Un ringraziamento va al governo e al premier Gentiloni per avere reso possibile questa donazione". 

Presente a Mosca anche il sindaco di Amandola, Adolfo Marinangeli: "voglio ringraziare la Rosneft a nome della comunità dei Sibillini. Sono questi gesti che ci danno fiducia e speranza nel futuro. Per noi i servizi offerti dall'ospedale sono fondamentali per la nostra comunità e costruire una nuova struttura sicura e idonea ci permetterà di avere anche servizi appropriati e di qualità".

   

mercoledì 14 giugno 2017  06:12 

Avanti con il piano regionale delle macerie. La Regione Marche sta terminando il piano per le macerie pubbliche. 

I comuni ad aver inviato il progetto sono 88. In fase di evoluzione, supportati dalla Regione, ancora quelli per i Comuni di Castelsant'Angelo sul Nera, Visso, Sarnano. 

La stima è di circa 840 mila tonnellate: 287 mila per i comuni della provincia di Macerata, 511 mila per la provincia di Ascoli Piceno e 42 mila per la provincia di Fermo. I comuni con più macerie sono Ussita, stimate 99 mila, Arquata del Tronto, stimate 350 mila. Attualmente il materiale rimosso è di circa 63 mila tonnellate. Il costo per la raccolta, il carico, il trasporto, la cernita, la separazione e il recupero è di 50 euro a tonnellata.

Aggiornamento anche dei fondi erogati agli enti locali. Fino ad ora a Comuni e Provincie sono stati liquidati oltre 16 milioni di euro come anticipazione del 70% dei lavori di somma urgenza effettuati da parte di ditte private per la messa in sicurezza. Questo consentirà agli enti stessi di anticipare i soldi alle ditte che hanno effettuato i lavori in attesa del completamento dell'iter burocratico.

   

martedì 13 giugno 2017  05:02 

Dall’8 giugno ad oggi, martedì 13 giugno, sono stati approvati 10 progetti, per un importo totale di 19.145.983 euro, e sono state avviate le relative procedure di gara  per le opere di urbanizzazione e di fondazione propedeutiche al montaggio. La aree interessate, con relativi importi, sono:

A oggi sono state approvate in totale 47 aree su 72, di cui 31 con inizio lavori e le restanti in fase di aggiudicazione.