Il passaporto

Informazioni generali

Il passaporto è un documento di viaggio e di identitá ed è rilasciato dalle Questure in Italia e dai Consolati all’estero. 

L'Ufficio Passaporti del Consolato si occupa del rilascio e del rinnovo dei passaporti e dei documenti di viaggio dei cittadini italiani residenti nella circoscrizione o dei non residenti per i quali sia stata acquisita la necessaria delega (nulla osta) da parte dell'Autorità di residenza. 

Presupposto fondamentale per l’ottenimento del passaporto è quello di avere una situazione anagrafica e di stato civile aggiornata. Si suggerisce pertanto di provvedere per tempo a segnalare ogni variazione.

Il nuovo modello di passaporto elettronico

Dal 26 ottobre 2006 gli Uffici Consolari italiani all'estero e le Questure in Italia rilasciano un nuovo modello di passaporto, di tipo elettronico, utilizzando più moderne tecnologie che offrono standard più elevati di sicurezza. 
Il passaporto elettronico è dotato di particolari caratteristiche di stampa anticontraffazione e di un microprocessore che consente la registrazione dei dati, certificati elettronicamente, riguardanti il titolare del documento e l'Autorità che lo ha rilasciato. 
Questo passaporto non è sottoposto alla richiesta del visto per gli USA. 
Il costo del nuovo passaporto, in ragione della sofisticata tecnologia utilizzata, è stato fissato da un decreto emanato dal Ministero dell'Economia: euro 44,66 per il libretto, mentre rimane invariata la tassa annuale di concessione governativa, euro 40,29. 
Per i titolari di passaporto rilasciato o rinnovato fino il 25 ottobre 2005, non è previsto l’obbligo di Visto per l’ingresso negli USA. Tuttavia si consiglia di contattare, prima di intraprendere il viaggio, l’Ambasciata degli Stati Uniti per ulteriori informazioni. 
I titolari di passaporto rilasciato o rinnovato dal 26 ottobre 2005 al 25 ottobre 2006 dovranno chiedere il visto per l’ingresso negli USA. 
Si ricorda che i figli minori possono beneficare del Visa Waiver Program solo se in possesso di un passaporto individuale, non essendo sufficiente l'iscrizione sul passaporto di uno dei genitori. 
Per ulteriori informazioni al riguardo si suggerisce di contattare sempre le competenti Rappresentanze Diplomatiche dei Paesi di destinazione prima di intraprendere il viaggio.

Validità del passaporto

Secondo la nuova normativa, i Passaporti rilasciati dal 04 febbraio 2003 hanno una validitá di 10 anni (e non piú 5 come precedentemente) e non potranno essere rinnovati dopo la data di scadenza. 
I Passaporti con validitá di 5 anni rilasciati prima del 04 febbraio 2003 e ancora in corso di validitá, potranno essere rinnovati, per un periodo non superiore a 10 anni a partire della data del rilascio. 
I Passaporti potranno essere rinnovati non oltre i 6 (sei) mesi dopo la data di scadenza. 
I Passaporti rilasciati a partire dal 26 ottobre 2006, hanno validitá totale di 10 anni, non potendo gli stessi essere rinnovati dopo la data della scadenza.

Casi particolari :

RILASCIO/RINNOVO DI PASSAPORTO A RICHIEDENTI CON FIGLI MINORI DI ANNI 18 
Nel caso in cui il richiedente abbia prole minore di anni 18 è necessario acquisire, l’autorizzazione (assenso) dell’altro genitore a prescindere dello stato civile del richiedente (celibe/nubile, separato o divorziato). In caso di decesso di uno dei genitori, è necessario presentare l’atto di morte dello stesso. 
L’assenso puo’ essere manifestato per iscritto in una delle seguenti forme:

  • personalmente presso il Consolato;
  • personalmente presso un qualsiasi Ufficio dell’Amministrazione Italiana abilitato ad autenticare firme;
  • con atto notarile debitamente legalizzato con Apostille dell’Aja;
  • in caso di cittadini italiani, presentando un’autocertificazione e allegando fotocopia di un documento di identitá italiano in corso di validitá.

Nell’eventualitá che l’altro genitore si rifiutasse di firmare l’atto di assenso, è necessario presentare una dichiarazione attestante le motivazioni del rifiuto. Detta dichiarazione deve riportare le generalitá complete del genitore che rifiuta di dare il proprio assenso, corredata dall’indirizzo aggiornato ed eventuali recapiti telefonici, per consentire a questo Consolato Generale di contattarlo. 
Nel caso in cui la documentazione presentata e le motivazioni addotte non giustificassero il mancato assenso, il Console Generale, nella sua veste di Giudice Tutelare, potrá eventualmente con apposito Decreto Consolare, autorizzare il rilascio o rinnovo del Passaporto.

RILASCIO/RINNOVO DI PASSAPORTO A MINORI DI ANNI 18

Per il rilascio/rinnovo di Passaporti a minori di anni 18, è necessario l’assenso di entrambi genitori espresso in una delle forme elencate al punto precedente. 
E’ sempre necessaria la presenza personale del minorenne per il quale si richiede il Passaporto, munito di:

  • Documento di identità valido con domicilio aggiornato;
  • 2 fotografie uguali (solo per il rilascio), tipo tessera, di fronte, fondo bianco, a colori, a media distanza (non si accettano foto digitali).

ISCRIZIONE DI FIGLI MINORI DI ANNI 16 SUL PASSAPORTO DEI GENITORI

E’ possibile l’iscrizione dei figli minori di anni 16 sul Passaporto di uno dei genitori o di entrambi. Si suggerisce comunque di dotare i figli minori di anni 16 di un passaporto individuale, in quanto alcuni Paesi lo richiedono (ad esempio gli Stati Uniti). 
Per l’iscrizione dei minori sul passaporto dei genitori è necessario presentare la seguente documentazione:

  • documento di identità con domicilio aggiornato;
  • 2 fotografie uguali (solo per il rilascio), tipo tessera, di fronte, fondo bianco, a colori, a media distanza (non si accettano foto digitali).
  • Assenso di entrambi i genitori

AVVERTENZE 
Il passaporto elettronico non viene rilasciato in giornata. Si suggerisce altresì di presentare la richiesta con congruo anticipo rispetto alla data di un eventuale viaggio, anche al fine di dare al Consolato, ove necessario, il tempo per l’ottenimento del nulla osta da parte di Questure o di altri Consolati.

Chi richiede il passaporto ed e’ residente presso questa Circoscrizione Consolare, viene automaticamente iscritto nell’Anagrafe degli Italiani residenti all’estero.

Se non vi ha giá provveduto, il richiedente deve regolarizzare la propria posizione di stato civile, consegnando al Consolato gli atti di nascita di figli minori di anni 18, atti di matrimonio, atti di morte ed eventuali sentenze di divorzio.

Con il secondo decreto, pubblicato oggi sulla Gazzetta ufficiale, il primo é del 2 novembre scorso, dalla Farnesina vengono fissate le "istruzioni operative" per il rilascio del passaporto elettronico. In esso sono memorizzate in un microprocessore di 64 kb, installato nella copertina l'immagine del volto, le impronte digitali del dito indice di ogni mano e i codici informatici per la protezione dei dati.

La domanda va presentata personalmente dall'interessato, nel luogo di residenza, "alla questura o all'ufficio locale distaccato di pubblica sicurezza, ovvero, in mancanza di questi, al comando locale dei carabinieri o al comune". Alla domanda devono essere allegate due foto identiche frontali e a volto scoperto. Al momento della presentazione della domanda "deve essere acquisita a mezzo scansione elettronica l'impronta del dito indice delle mani dell'interessato": laddove, "a causa di mutilazioni, le impronte siano inesistenti, o per lo stato dell'epidermide le stesse non fossero leggibili", se ne omettera' l'acquisizione. Il passaporto elettronico assume come dati biometrici, in coerenza con quanto deciso dall'Unione europea, "l'immagine del volto e le impronte digitali in formato interoperativo".