Ufficio Speciale Ricostruzione Marche

 

Ufficio Speciale Ricostruzione Marche

 

L'Uffico speciale per la ricostruzione è stato istituito sulla base dell'Articolo 3 del decreto legge 17 ottobre 2016, n. 189 concernente: "Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto 2016" -Definizione competenze, articolazione territoriale, dotazione di personale dell'Ufficio speciale per la ricosrruzione

 

Che cos'è?

E' l'ufficio istituito a seguito del sisma 2016, per assicurare l'esercizio associato di funzioni, attività e servizi nelle zone colpite.

L'obiettivo dell'ufficio speciale ricostruzione Marche è di garantire, di concerto con il Commissario nazionale, che l'attività di ricostruzione sia efficace e sia improntata a principi di economicità ed efficienza.

Dov'è?

I recapiti delle strutture dell'Ufficio speciale ricostruzione Marche sono disponibili alla sezione Contatti

Cosa fa?

  • Cura la pianificazione urbanistica connessa alla ricostruzione, predisponendo anche gli strumenti urbanistici attuativi, completi dei relativi piani finanziari per i centri storici (art. 3, comma 3 e art. 11 D.L. 189/2016).

  • Cura l'istruttoria per il rilascio delle concessioni di contributi e tutti gli altri adempimenti relativi alla ricostruzione privata (art. 3, comm3 D.L. 189/2016).

  • Provvede alla diretta attuazione degli interventi di ripristino o ricostruzione di opere pubbliche e beni culturali, esercitando il ruolo di soggetti attuatori, assegnato alle Regioni, per gli interventi di cui all'art. 14, comma 1, ricompresi nel territorio di competenza degli enti locali (art. 3 e art. 15 D.L. 189/2016)

  • Provvede alla realizzazione degli interventi di prima emergenza di cui ali 'art. 42, esercitando anche il ruolo di soggetto attuatore, assegnato alla Regione, per tutti gli interventi ricompresi nel proprio territorio di competenza degli enti locali (art. 3, comma 3 D.L. 189/2016).

  • Opera come ufficio di supporto e gestione operativa a servizio dei Comuni anche per i procedimenti relativi ai titoli abilitativi edilizi. Il rilascio dei titoli abilitativi resta di competenza dei singoli Comuni (art. 3, comma 4 D.L. 189/2016).

  • Provvede all'attuazione di ogni altro intervento di competenza degli enti locali necessari ai fini della ricostruzione.).

  • Opera come sportello unico per le attività produttive (SUAP) unitario per tutti i Comuni coinvolti (art. 3, comma 5 D.L. 189/2016).

Competenze e Articolazione territoriale dell'Ufficio Speciale Ricostruzione


Approfondimenti:

La deliberazione della giunta regionale 1491 del 28 novembre 2016 definisce:

UFFICIO SPECIALE PER LA RICOSTRUZIONE

  • Cura la pianificazione urbanistica connessa alla ricostruzione, predisponendo anche gli strumenti urbanistici attuativi, completi dei relativi piani finanziari per i centri storici (art. 3, comma 3 e art. 11 D.L. 189/2016).

  • Cura l'istruttoria per il rilascio delle concessioni di contributi e tutti gli altri adempimenti relativi alla ricostruzione privata (art. 3, comm3 D.L. 189/2016).

  • Provvede alla diretta attuazione degli interventi di ripristino o ricostruzione di opere pubbliche e beni culturali, esercitando il ruolo di soggetti attuatori, assegnato alle Regioni, per gli interventi di cui all'art. 14, comma 1, ricompresi nel territorio di competenza degli enti locali (art. 3 e art. 15 D.L. 189/2016)

  • Provvede alla realizzazione degli interventi di prima emergenza di cui ali 'art. 42, esercitando anche il ruolo di soggetto attuatore, assegnato alla Regione, per tutti gli interventi ricompresi nel proprio territorio di competenza degli enti locali (art. 3, comma 3 D.L. 189/2016).

  • Opera come ufficio di supporto e gestione operativa a servizio dei Comuni anche per i procedimenti relativi ai titoli abilitativi edilizi. Il rilascio dei titoli abilitativi resta di competenza dei singoli Comuni (art. 3, comma 4 D.L. 189/2016).

  • Provvede all'attuazione di ogni altro intervento di competenza degli enti locali necessari ai fini della ricostruzione.).

  • Opera come sportello unico per le attività produttive (SUAP) unitario per tutti i Comuni coinvolti (art. 3, comma 5 D.L. 189/2016).


relativamente agli interventi sui centri storici:

  • Cura, assicurando un ampio coinvolgimento delle popolazioni interessate, la pianificazione urbanistica dei centri e nuclei di particolare interesse, o parti di essi, che risultano maggiormente colpiti, predisponendo strumenti urbanistici attuativi completi dei relativi piani finanziari al fine di programmare in maniera integrata gli interventi di:

    1. ricostruzione con adeguamento sismico o ripristino con miglioramento sismico degli edifici pubblici o di uso pubblico, con priorità per gli edifici scolastici, compresi i beni ecclesiastici e degli enti religiosi, dell'edilizia residenziale pubblica e privata e delle opere di urbanizzazione secondaria, distrutti o danneggiati dal sisma;

    2. ricostruzione con adeguamento sismico o ripristino con miglioramento sismico degli edifici privati residenziali e degli immobili utilizzati per le attività produttive distrutti o danneggiati dal sisma;

    3. ripristino e realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria connesse agli interventi da realizzare nell'area interessata dagli strumenti urbanistici attuativi, ivi compresa la rete di connessione dati (art. I I, comma 1 D.L. 189/2016).


relativamente alla ricostruzione privata:

  • Riceve le istanze di concessione dei contributi da parte dei soggetti legittimati unitamente alla richiesta del titolo abilitativo necessario per la tipologia di intervento (art. 12, comma l D.L. 189/2016). »> Verifica, anche avvalendosi delle schede AeDES, la presenza delle condizioni per l'ammissibilità a contributo (art. IO, comma 2 D.L. 189/2016).

  • Effettua l'istruttoria sulla compatibilità urbanistica degli interventi richiesti a norma della vigente legislazione (art. 12, comma 2 D.L. 189/2016).

  • Verifica la spettanza del contributo e il relativo importo e trasmette al vice commissario territorialmente competente la proposta di concessione del contributo medesimo, comprensivo delle spese tecniche (art. 12, comma 3 D.L. 189/2016).

  • Richiede il DURC per le imprese affidatarie o esecutrici dei laVOI; sugli edifici privati, con riferimento ai lavori eseguiti e al periodo di esecuzione degli stessi (art. 35, comma 2 D.L. 189/2016).

 

relativamente alla ricostruzione pubblica:

Predispone e invia, in qualità di soggetto attuatore degli interventi relativi alle opere pubbliche e ai beni culturali, i progetti degli interventi al Commissario straordinario (art. 14, c. I e 4 e art. 15, com~a I D.L. 18912016). In particolare tali interventi consistono nella riparazione, ripristino con miglioramento sismico o ricostruzione:

 

  • degli immobili adibiti ad uso scolastico o educativo pubblici o paritari per la prima infanzia e delle strutture edilizie universitarie, nonché degli edifici municipali, delle caserme in uso all'amministrazione della difesa e degli immobili demaniali o di proprietà di enti ecclesiastici ci vilmente riconosciuti, formalmente dichiarati di interesse storico-artistico ai sensi del codice dei beni culturali e del paesaggio;

  • delle opere di difesa del suolo e delle infrastrutture e degli impianti pubblici di bonifica per la difesa idraulica e per l'irrigazione;

  • degli edifici pubblici ad uso pubblico, ivi compresi archivi, musei , biblioteche e chiese;

  • degli edifici privati inclusi nelle aree cimiteriali e individuati come cappelle private, al fine di consentire il pieno utilizzo delle strutture cimiteriali.

 

relativamente agli interventi di immediata ricostruzione:

  • ricevono notizia dai soggetti interessati dell'avvio dei lavori edilizi di riparazione o ripristino, nonché dei contenuti generali della pianificazione territoriale e urbanistica, ivi inclusa quella paesaggist'ca, e ne danno comunicazione agli uffici comunali competenti; ricevono altresì la documentazione da presentare entro 30 giorni dall'inizio dei lavori (art. 8, comma3 D.L. 189/2016);

  • ricevono dai soggetti che hanno avviato i lavori, entro sessanta giorni dalla data di adozione dell'ordinanza del Commissario straordinario che disciplina la concessione dei contrlbuti, la documentazione richiesta secondo le modalità ed i termini ivi indicati (art. 8, comma 4 D.L. 189/~016).

  • ricevono periodicamente dai Comuni gli elenchi delle certificazioni di agibilità sismica depOSitate dai titolari di attività produttive, in qualità di responsabili della sicurezza sui luoghi di lavoro, svolte in edifici danneggiati a seguito degli eventi sismici. (Le asseverazioni di cui al presente cOia sono considerate, in caso di successiva richiesta di contributo, ai fini dell'accertamento dei danni (art. 3, comma 5, D.L. 205/2016)

ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DELL'UFFICIO SPECIALE PER LA RICOSTRUZIONE E DEFINZIONE STRUTTURE DIRIGENZIALI

Sede Centrale Ancona
Via Gentile Da Fabriano n. 2/4, Palazzo Li Madou


Sedi periferiche

  1. Ascoli Piceno, località Marino del Tronto, edificio Piceno Consind con bacino di utenza provincia di Ascoli Piceno;

  2. Sportello front-office ad Amandola per la Provincia di Fermo, come sede distaccata di Ascoli Piceno;

  3. Macerata in via provvisoria. Subentrerà a Macerata un'ulteriore sede da localizzarsi in zona baricentrica rispetto ai Comuni danneggiati, con bacino di utenza provincia di Macerata;

  4. Sportello di front office a Fabriano per la Provincia di Ancona, come sede distaccata di Macerata.


DIREZIONE UFFICIO SPECIALE PER LA RICOSTRUZIONE

  • Coordinamento delle attività di pianificazione urbanistica connessa alla ricostruzione

  • Coordinamento delle attività finalizzate al rilascio delle concessioni di contributi e di tuni gli altri adempimenti relativi alla ricostruzione privata

  • Coordinamento degli interventi di ripristino o ricostruzione di opere pubbliche e beni culturali, esercitando il ruolo di soggetti attuatori, assegnato alle Regioni, per gli interventi di cui all'art. 14, comma l , ricompresi nel territorio di competenza degli enti locali

  • Coordinamento degli interventi di prima emergenza esercitando anche il ruolo di soggeno attuatore, assegnato alla Regione, per tutti gli interventi ricompresi nel proprio territorio di competenza degli enti locali

  • Coordinamento di ogni altro intervento di competenza degli enti locali necessari ai fini della ricostruzione.

 

POSIZIONE DI FUNZIONE ATTIVITA' TECNICHE PER LA RICOSTRUZIONE AREE DI MACERATA E ANCONA

  • Cura, con il coordinamento della Direzione, la pianificazione urbanistica connessa alla ricostruzione, predisponendo anche gli strumenti urbanistici attuativi, completi dei relativi piani finanziari per i centri storici

  • Provvede alla direna attuazione degli interventi di ripristino o ricostruzione di opere pubbliche e beni culturali, in anuazione delle direttive del Direttore, per gli interventi di cui all'art. 14, comma l, ricompresi nel territorio di competenza degli enti locali

  • Cura gli adempimenti tecnici per la ricostruzione privata

  • Provvede agli adempimenti di rilievo del danno e di valutazione di agibilità delle costruzioni in attuazione delle ordinanze del Capo Dipartimento della Protezione Civile

  • Opera come ufficio di supporto e gestione operativa a servizio dei Comuni anche per i procedimenti relativi ai titoli abilitativi edilizi

  • Cura l'istruttoria per il rilascio delle concessioni di contributi e tutti gli altri adempimenti relativi alla ricostruzione privata

  • Svolge tuni gli adempimenti dello sportello unico per le attività produttive (SUAP) unitario per tutti i Comuni coinvolti, anche mediante l' indivjduazione per ciascuna sede periferica e di front office di un punto di informazione e raccol ta dati

  • Provvede, sulla base delle direttive del Direttore, all'attuazione di ogni altro intervento di competenza degli enti locali necessari ai fini della ricostruzione

 

POSIZIONE DI FUNZIONE ATTIVITA' TECNICHE PER LA RICOSTRUZIONE AREE DI ASCOLI PICENO E FERMO

  • Cura, con il coordinamento della Direzione, la pianificazione urbanistica connessa alla ricostruzione, predisponendo anche gli strumenti urbanistici attuativi, completi dei relativi piani finanziari per i centri storici

  • Provvede alla diretta attuazione degli interventi di ripristino o ricostruzione di opere pubbliche e beni culturali, in attuazione delle direttive del Direttore, per gli interventi di cui all'art. 14, comma l, ricompresi nel territorio di competenza degli enti locali

  • Cura gli adempimenti tecnici per la ricostruzione pri vata

  • Provvede agli adempimenti di rilievo del danno e di valutazione di agibilità delle costruzioni In attuazione delle ordinanze del Capo Dipartimento della Protezione Civile

  • Opera come ufficio di supporto e gestione operativa a servizio dei Comuni anche per i procedimenti relativi ai titoli abilitativi edilizi

  • Cura l'istruttoria per il rilascio delle concessioni di contributi e tutti gli altri adempimenti relativi alla ricostruzione privata

  • Svolge tutti gli adempimenti dello sportello unico per le attività produttive (SUAP) unitario per tutti i Comuni coinvolti, anche mediante l' individuazione per ciascuna sede periferica e di front offi~e di un punto di informazione e raccolta dati I

  • Provvede, sulla base delle direttive del Direttore, all 'attuazione di ogni altro intervento di competenza degli enti locali necessari ai fini della ricostruzione

 

POSIZIONE DI FUNZIONE ATTIVITA' AMMINISTRATIVA DELLA DIREZIONE

  • Cura tutti gli adempimenti amministrativi e contabili dell'Ufficio speciale per la ricostruzione

  • Cura il coordinamento delle attività e l'omogeneità delle procedure per il rilascio delle conce sioni di contributi e per l'assolvimento di tutti gli adempimenti anmlinistrativi relativi alla ricostruzione p ivata

  • Cura il coordinamento delle attività e l'omogeneità delle procedure per gli adempimenti conce nenti lo sportello unico per le attività produttive (SUAP) unitario per tutti i Comuni coinvolti

  • Svolge gli adempimenti connessi ali 'affidamento di servizi e forniture