Categorie

Tag

News

venerdì 24 agosto 2018  04:04 

Un recente articolo di StartupItalia cita il progetto europeo Crowd4Roads (C4Rs), le iniziative di cittadinanza attiva per preservare l'infrastruttura stradale e l'app gratuita SmartRoadSense, che permette di monitorare la qualità delle condizioni stradali sfruttando solo lo smartphone degli automobilisti.

“Le strade sono un bene comune" racconta il professore Alessandro Bogliolo, coordinatore del progetto C4Rs per l'Università di Urbino "e dovrebbe essere interesse di tutti partecipare al loro monitoraggio per fare in modo che siano sempre in buono stato di salute.”

Gli archivi con le informazioni raccolte nell'ambito del progetto C4Rs (aggiornate ogni 6 ore e geograficamente localizzate) sono pubblici e consultabili da tutti in forma di open data (dati aperti). Ad oggi la mappatura ha consentito di monitorare circa 50.000 chilometri di rete stradale. Tutti i dati di SmartRoadSense sono ospitati in cloud da Regione Marche e lo storico che vanno a comporre permette anche di analizzare la progressiva usura nel tempo delle strade più a rischio. Ovviamente la raccolta dei dati è del tutto anonima: non traccia in alcun modo gli spostamenti di chi la usa.

Ulteriori informazioni sul progetto C4rs e sul ruolo di Regione Marche