Categorie

Tag

News

venerdì 3 maggio 2019  01:06 

Il prossimo 6/7 maggio la Regione Marche, in qualità di capofila, ospiterà il Meeting di lancio e primo incontro di coordinamento del progetto europeo “MADE IN-LAND - MAnagement and DEvelopment of INLANDs" (MADE IN-LAND - Gestione e Sviluppo delle aree interne). 

Il progetto MADE IN-LAND è finanziato dal Programma Europeo Interreg V-A Italia - Croazia 2014 - 2020. Il valore totale del progetto ammonta a €  2.814.830,00 EUR ed è confinziato per l'85% dal Fondo europeo per lo Sviluppo regionale (€ 2.392.605,5) e per il 15 % dai fondi pubblici nazionali. 

All’incontro parteciperà il dott. Sciapichetti, in qualità di assessore regionale con delega alle aree interne, e l’ing. Pellei , dirigente delle struttura regionale titolare del progetto .

All'evento prenderanno parte, inoltre, i rappresentanti delle altre istituzioni partner del progetto di seguito elencate:
1. Università di Camerino (IT);
2. Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Regione Marche (IT);
3. Comune di San Leo (IT);
4. Comune di Riccia (IT);
5. Molise verso il 2000 (IT);
6. Università di Zara (HR);
7. ZADRA NOVA - Agenzia per lo sviluppo della contea di Zara (HR);
8. Autorità per la gestione dei parchi e della biodiversità della Romagna (IT);
9. AZZRI - Agenzia per lo sviluppo rurale dell'Istria (HR);

Saranno infine  presenti i referenti del Segretariato Tecnico del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Croazia 2014 - 2020. 

Il progetto è iniziato il 1 ° gennaio 2019 e durerà fino al 30 giugno 2021.  L'obiettivo principale è migliorare la protezione e la valorizzazione del capitale naturale e culturale delle aree interne attraverso lo sviluppo turistico e sostenibile delle aree stesse. In particolare le azioni del progetto mirano a promuovere la fruizione del patrimonio culturale e naturale delle aree interne migliorandone l’accessibilità, sviluppando ed applicando modelli innovativi per la gestione dei paesaggi dell'entroterra e, soprattutto, adottando una strategia più ampia che includa interventi in sinergia con le aree costiere per ridurre le crescenti pressioni, anche di tipo turistico, su quest’ultime. Nello specifico tre sono gli obiettivi che verranno perseguiti:

1. Sostenere e migliorare l'accessibilità del patrimonio culturale e naturale delle zone interne
2. Collegare la valorizzazione delle risorse dell'entroterra con la salvaguardia delle comunità locali
3. Sviluppare modelli innovativi per la gestione delle aree interne
In sinergia con la  Strategia Nazionale per le Aree Interne, MADE IN-LAND arriverà così alla definizione di  una Strategia transfrontaliera italo-croata per la gestione e lo sviluppo delle aree interne che punti sulla valorizzazione congiunta del patrimonio naturalistico e culturale dei due Paesi.

Il territorio delle Marche vedrà coinvolti 3 partner locali (Regione Marche, Università di Camerino e Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio regionale) per un budget complessivo di 766.693,00 € da spendere nella realizzazione delle attività di progetto. La Regione Marche, nello specifico, coordinerà le attività di sviluppo dell'azione pilota  denominata  One-Stop Information Center (OSIC), ovvero l’attivazione di un hub turistico nel quale, grazie all’installazione di supporti informatici e tecnologici innovativi, sarà possibile accedere ai contenuti e ai servizi/prodotti offerti dai territori interni, relativamente ai propri punti di interesse naturali e culturali, costruendo così un “percorso esperienziale” capace di far vivere appieno tali territori.
Il progetto è stato elaborato con la collaborazione scientifica dell’Università di Camerino – sotto la guida del prof. Massimo Sargolini - e con il supporto Tecnico di Camera Work, di Jesi.