Categorie

Tag

News

lunedì 12 novembre 2018  11:57 
La Giunta Regionale, con delibera n. 1241 del 24.09.2018 ha costituito il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici di cui all’art. 1 della legge n. 144/1999 e all’art. 19, commi 5 e 6, della L.R.L n. 20/2001 secondo cui è prevista la costituzione, a livello centrale e regionale, di appositi Nuclei di valutazione e verifica degli investimenti pubblici.
Ai detti Nuclei di valutazione e verifica è affidato il ruolo di garantire il supporto tecnico nelle fasi di programmazione, valutazione, attuazione e verifica di piani, programmi e politiche di interventi promossi e attuati da ciascuna amministrazione, al fine di migliorare e dare maggiore qualità ed efficienza al processo di programmazione delle politiche di sviluppo regionale.
Con deliberazione n. 508 del 16/04/2018 della Giunta regionale è stato approvato l’avviso pubblico per la costituzione del Nucleo di valutazione e verifica, nonché la costituzione di un gruppo di lavoro cui far predisporre una relazione istruttoria all’esito dell’esame dei curricula pervenuti e provvedere alla conseguente nomina dei componenti.
Il ridetto Gruppo di lavoro per l’esame dei curricula pervenuti, composto dal Segretario generale, dal Dirigente del Servizio Tutela, gestione e assetto del territorio e dal Dirigente della Posizione di funzione Performance e sistema, ha esaminato le 13 manifestazioni di interesse pervenute e, all’esito dell’attività valutativa, ha nominato come componenti del nucleo i Sigg.ri Vanessa Sperati, Francesco Delfino e Raniero De Angelis. 
L’incarico conferito decorre dal 01.10.2018 per la durata della legislatura ai sensi dell’art. 19, comma 6, L.R. 20/2001 e termina alla data di insediamento del Presidente della Giunta, in seguito al rinnovo dell’Assemblea legislativa regionale.
Il Nucleo, entro il 30 ottobre di ogni anno, deve predisporre una relazione sulle attività svolte, sulla spesa sostenuta e sul piano delle attività future, contenente la valutazione di impatto della propria attività sugli atti programmatori ed opererà presso il Servizio Tutela, assetto e gestione del territorio per esigenze organizzative e maggiore attinenza alle competenze e necessità del ridetto servizio.