News

lunedì 22 febbraio 2021  12:59 

 

Da 30 anni il "112",  numero unico dell'UE per le comunicazioni di emergenza, salva vite umane, aiutando gli europei a viaggiare in sicurezza e a contattare i servizi di emergenza in qualsiasi paese dell'UE

 

 Nel 2019 gli europei hanno chiamato il "112" quasi 150 milioni di volte, pari al 56% di tutte le chiamate di emergenza, mentre negli ultimi 10 anni il numero ha ricevuto circa 1,5 miliardi di chiamate.

 

La Commissione continua a sostenere l'aggiornamento tecnologico delle comunicazioni di emergenza per permettere agli operatori e ai sistemi dei centri di raccolta delle chiamate di emergenza nazionali di garantire una comunicazione efficace e di qualità

 

Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno, ha dichiarato: "Il 112 garantisce la sicurezza degli europei, consentendo loro di contattare facilmente i servizi di emergenza ovunque si trovino nell'UE. Tutti i cittadini dovrebbero conoscere il numero unico dell'UE e gli Stati membri dovrebbero far sì che le più recenti tecnologie siano utilizzate per rispondere in modo efficiente a coloro che chiamano perché hanno bisogno soccorso".

 

In 10 anni la localizzazione avanzata di emergenza potrebbe infatti salvare più di 10 000 vite umane nell'UE, permettendo di individuare con maggiore precisione la localizzazione del chiamante.

 

Informazioni: https://ec.europa.eu

 

 

Numero unico di emergenza europeo (Nue) 112. Il 9 marzo il via nelle Province di Ascoli e Fermo 

Sulla base della convenzione sottoscritta fra le due Regioni, a partire dal 9 marzo 2021 il Numero di Emergenza Unico Europeo ‘Nue 112 Marche-Umbria’, già operativo nelle province di Ancona e Macerata, arriverà nelle province di Ascoli e Fermo. Dal 30 marzo 2021, seguire la Provincia di Pesaro e Urbino 

 

Il numero emergenziale sarà gestito da una Centrale unica di risposta (Cur) con sede ad Ancona e consentirà una maggiore organizzazione delle richieste. La centrale Nue 112 di Ancona, infatti, smisterà le chiamate a seconda delle necessità, mettendo in contatto l’interlocutore con il soccorso sanitario (118), i vigili del fuoco (113), carabinieri (112) o la polizia (113)

 

Sarà possibile effettuare la chiamata sia da rete fissa che mobile, sms, app, alert automatici ed eCall. In più, oltre a garantire un'assistenza plurilingue ed inclusiva, Nue sarà dotato di un app, la “112 Where areU”, scaricabile gratuitamente da App Store e Google play, e che permetterà un'immediata geolocalizzazione della richiesta d'emergenza 

 

 

Guarda l'INFOGRAFICA sul NUE 112

Per saperne di più:  https://www.regione.marche.it