Turismo, Sport, Tempo Libero

Caccia e Pesca acque interne

APERTURA AL PUBBLICO PER RITIRO TESSERINO SEGNACATTURA PESCA ACQUE INTERNE

- SOLO SU APPUNTAMENTO -

- PREMUNITI DI VERSAMENTO DI € 5,00 COME INDICATO A PAGINA 30 DEL CALENDARIO PISCATORIO

 

ANCONA - Via Tiziano 44

I CONTATTI SONO INDICATI A PAGINA 31 DEL CALENDARIO PISCATORIO

 

FERMO - Via J. Lussu 13

18 GIUGNO 2020 - orario di apertura 9:00-13:00 - 15:00-17:00

ATTENZIONE CONTATTI VALIDI SOLO PER LA GIORNATA DEL 18 GIUGNO:

contatti:

Umberto Maria Perosino umberto.perosino@regione.marche.it 

Adriano Vagnoni adriano.vagnoni@regione.marche.it

tel. 0734/232403  

 

 

ASCOLI PICENO  - Via Indipendenza 4

17 GIUGNO 2020 - orario di apertura 9:00-13:00

ATTENZIONE CONTATTI VALIDI SOLO PER LA GIORNATA DEL 17 GIUGNO:

contatti:

Nazzareno Ferretti nazzareno.ferretti@regione.marche.it 

Maria Adele Mannocchi - mariaadele.mannocchi@regione.marche.it  

tel. 0736/332974

 

MACERATA - Via Velluti 41

i pescatori della provincia di Macerata per ritirare il tesserino segnacatture  potranno contattare telefonicamente dalle 09:00 alle 13:00 o via mail :

FIPSAS MACERATA-  Compagnucci Enrico 3395749684 - fipsasmc@alice.it

ENALPESCA MACERATA - Cecchini Giancarlo 3383179581 - cecchini.ga@gmail.com

Gabriele Chiariotti  3391389098 - gabriele.chiariotti@regione.marche.it

 

PESARO - ingresso Via Buozzi 6

i pescatori della provincia di Pesaro per ritirare il tesserino segnacatture  potranno contattare telefonicamente dalle 09:00 alle 13:00 o via mail :

Michele Mancini 071/8067096 - michele.mancini@regione.marche.it

FIPSAS  - 337645582

ARCIPESCA FISA - 3356682942

ENALCACCIA E PESCA - 3683260436

AILP - 3683670953

 

ALTRI CONTATTI SONO INDICATI A PAGINA 31 DEL CALENDARIO PISCATORIO

____________________________________________________________

REPERIBILITÀ TRAMITE MAIL / TELEFONO 

SEDE DI PESARO

SEDE DI ANCONA

SEDE DI MACERATA

SEDE DI FERMO

SEDE DI ASCOLI PICENO

 

Autorizzazione per esercizio venatorio da appostamento fisso - Stagione Venatoria 2020-2021

A) - Rinnovo automatico:

- Versamento entro il 31 Luglio 2020

- Invio ricevuta di pagamento entro il 05 Agosto 2020.

B) - Nuove richieste di autorizzazione;

       Richieste di adozione di modifiche all'autorizzazione;

       Rinnovo non eseguito nei tempi e modi stabiliti al punto A):

- Compilare la domanda e inviare, insieme alla ricevuta di pagamento, entro il 10 Agosto 2020.

    link alla pagina della modulistica

 

dalla DGR 975 del 21/07/2020:

“…

2) Modalità di presentazione della domanda di autorizzazione all’esercizio venatorio da appostamento fisso

Posto che gli appostamenti devono avere le caratteristiche strutturali previste dalla normativa vigente, ai fini della richiesta e del rilascio dell’autorizzazione, rispetto alle modalità di utilizzo, vengono identificati come segue:

  • di tipo A)  con l'uso di richiami vivi appartenenti alle specie cacciabili;
  • di tipo B)  senza richiami vivi o con l'uso di richiami non appartenenti alle specie di fauna   selvatica;
  • di tipo C)  per colombacci con con possibilità di uso dei sussidiari;
  • di tipo D)  per acquatici con l'uso di richiami vivi appartenenti alle specie cacciabili, con possibilità di uso dei sussidiari;
  • di tipoE)  per acquatici senza richiami vivi o con l'uso di richiami non appartenenti alla fauna selvatica, con possibilità di uso dei sussidiari;
  • di tipo F)  per ungulati in forma selettiva, con possibilità di uso di n. 3 sussidiari che possono  essere realizzati ad una distanza massima di m. 1.000 dal principale.

 

Per restituire informazioni in modo omogeneo e completo, la richiesta di autorizzazione deve essere trasmessa alla Regione esclusivamente compilando l’apposito modulo.

 

Nel caso un cacciatore, in data antecedente all’approvazione della presente Deliberazione, abbia presentato domanda alla Regione nel corrente anno per il rilascio di autorizzazione all’esercizio venatorio da appostamento utilizzando modulistica impiegata negli anni passati, il funzionario responsabile valutato che le informazioni rese in tale domanda siano analoghe e sufficienti per istruire la pratica di richiesta autorizzazione potrà comunque accogliere la domanda nel caso con richiesta di integrazione di dati necessari.

 

La domanda di autorizzazione, fatto salvo quella per gli appostamenti di tipo F), dovrà pervenire alla Regione:

  • per il corrente anno entro e non oltre il 10 agosto 2020, affinché gli interessati abbiano un congruo tempo per presentare la richiesta e successivamente le pratiche possano essere istruite per il rilascio dell’autorizzazione prima dell’avvio della stagione venatoria;
  • a partire dal 2021, entro e non oltre il 30 giugno di ogni anno.

La domanda per gli appostamenti per ungulati a partire dal 2021 dovrà essere presentata alla Regione nel termine di 15 giorni dalla data di ammissione all’esercizio del prelievo in una Unità di Gestione o nella zona C per il cinghiale, così come prevista dal R.R. 3/2012.

Le domande pervenute oltre tali termini verranno comunque accolte fatto salvo che agli aventi diritto l’autorizzazione sarà rilasciata entro il termine massimo di 60 giorni successivi al ricevimento della domanda.

 

3) Criteri e modalità di concessione delle autorizzazioni

Per il corrente anno con l’art.6 della L.R. n. 25/2020 viene prorogata l’autorizzazione degli appostamenti fissi sino al termine della stagione venatoria 2020-2021, a condizione che: non vengano adottate modifiche riferite all’atto autorizzativo; venga versata la prevista tassa di concessione entro e non oltre il 31 luglio 2020; venga trasmessa copia della ricevuta di versamento ai competenti uffici della Giunta regionale, anche in modalità telematica, entro il 5 agosto successivo.

Coloro che intendono adottare modifiche all’autorizzazione o che non effettuino versamento nei tempi previsti o che non trasmettano copia di ricevuta del versamento alla Regione, sono tenuti a presentare domanda di autorizzazione secondo le modalità riportate al precedente punto 2).

Sia nei territori non soggetti a limitazione della densità di appostamenti che in quelli in cui il numero di appostamenti è contingentato secondo i valori riportati nelle precedenti tabelle 1 e 2, le autorizzazioni vengono rilasciate a seguito di istruttoria delle domande pervenute entro i termini indicati al precedente punto 2 secondo i seguenti criteri di priorità ai titolari dell'appostamento fisso:

  • già autorizzati per la stagione venatoria 1989/1990,
  • autorizzati nella stagione venatoria precedente l’anno di richiesta,
  • cui tali autorizzazioni sono state trasferite negli anni successivi.

Le ulteriori autorizzazioni disponibili sono rilasciate in via prioritaria agli ultrasessantenni, ai portatori di handicap fisici, ai proprietari e conduttori di fondi che lo richiedano, ai familiari in linea diretta dei titolari degli appostamenti fissi che siano deceduti o abbiano smesso l'attività, a coloro che hanno optato per tale forma di caccia ed a coloro che, per sopravvenuto impedimento fisico, non siano più in condizioni di esercitare la caccia in forma vagante. Nel caso vengano presentate più richieste di autorizzazione che interessano lo stesso sito, viene autorizzata la domanda presentata dal soggetto anagraficamente più anziano.

La concessione di autorizzazioni riferite a domande pervenute oltre i termini indicati al precedente punto 2, non beneficino di alcun livello di priorità e vengono rilasciate laddove sussistono i requisiti per poter concedere autorizzazione, secondo il termine temporale di arrivo delle domande.

I criteri di priorità sopra indicati non hanno efficacia per il rilascio di autorizzazioni per appostamenti per Ungulati, per le quali si applicano i seguenti criteri:

  • nelle Unità di Gestione (UG) degli ungulati l’autorizzazione all’esercizio venatorio da appostamento fisso può essere rilasciata esclusivamente ai richiedenti autorizzati ad operare il prelievo nella stessa UG;
  • nel territorio individuato, dal R.R. 3/2012, quale zona C per il prelievo del cinghiale, le autorizzazioni vengono concesse laddove sono state presentate più domande per lo stesso sito, secondo i seguenti criteri di priorità: autorizzati nella stagione venatoria precedente, o a coloro cui tali autorizzazioni sono state trasferite negli anni successivi; soggetti con maggiore età anagrafica.

Coloro che perdono la possibilità di presentare richiesta di autorizzazione per l’appostamento fisso a causa dell’istituzione di aree poste in divieto di caccia, hanno diritto prioritario, prevalente rispetto ai livelli citati in precedenza, ad essere autorizzati nell’ambito del territorio dello stesso ATC, all’interno della stessa area di pianificazione degli appostamenti fissi (ADL – area della Rete Natura 2000 – territorio senza limitazione di densità numerica) in cui era stato autorizzato in precedenza.

L'autorizzazione per la caccia da appostamento fisso ha validità dalla data di concessione sino al termine del periodo di vigenza del piano faunistico venatorio regionale, salvo revoca o nei limiti temporali indicati dal proprietario/conduttore del fondo per la concessione del terreno su cui insiste l’appostamento fisso, salvo revoca. La domanda per il rilascio dell'autorizzazione deve essere corredata da planimetria catastale in scala 1:2.000 e cartografia in scala 1:10.000 indicante l'ubicazione dell'appostamento e dal consenso scritto, con indicazione dei termini temporali, del proprietario o del conduttore del terreno, lago o stagno privato, in quanto l'appostamento comporti preparazione del sito con modificazione ed occupazione stabile del terreno. Nel periodo autorizzativo non è consentito variare per più di due volte il sito di appostamento, né inoltrare richiesta per più di due volte di variazione dell'opzione di caccia in via esclusiva.

I criteri sopra indicati si applicano anche per le autorizzazioni che interessano i territori degli istituti privatistici, fatto salvo quanto previsto dal R.R. 41/95 e ss.ii. e mm.

…”

 

Con Deliberazione amministrativa n. 108 del 18.02.2020 l’Assemblea legislativa ha approvato il Piano Faunistico Venatorio Regionale, pubblicato sul BUR n. 19 del 27.02.2020, e consultabile al seguente link

PIANO FAUNISTICO VENATORIO REGIONALE


APERTURA PESCA

  • Rendiamo noto che, in vista dell'apertura della pesca alla trota nella regione Marche stabilita per domenica 15 marzo p.v., è possibile ritirare l'apposito tesserino segnacatture obbligatorio nelle acque di categoria A e B presso tutti gli uffici territoriale della regione siti in ogni provincia con i seguenti orari 
    • Lun Mar Mer Gio Ven : dalle 8:30 alle 13:00
    • Mar Gio anche dalle 15:30 alle 17:30.

Con D.G.R. n. 903 del 23.07.2019 la Giunta regionale ha adottato la proposta di Piano Faunistico-Venatorio Regionale e avviato il procedimento di consultazione pubblica ai fini della Valutazione Ambientale Strategica (VAS)

Leggi la DGR n. 903 del 27/07/2019 
Consulta news e comunicato stampa

 

  1. PFVR 2019 allegato 1
  2. Rapporto_Ambientale_PFVR_Marche_2019 allegato 2
  3. Sintesi_Non_Tecnica_PFVR_Marche_2019 allegato 3
  4. Studio_di_incidenza_PFVR_Marche_2019 allegato 4


ULTIMO AGGIORNAMENTO

Consultazione pubblica del PFVR - Piano Faunistico-Venatorio Regionale: chiunque può inviare osservazioni, entro il 23 settembre 2019, visionando gli elaborati nella pagina Piano Faunistico e compilando l'apposito modulo tramite la pagina VAS regionali in corso

 

Approvato il calendario venatorio 2020-2021

 

Approvato il calendario venatorio 2019/2020

 

VisualizzaDecreto_Open allegato risultanze esame collettiva san severino 2019.pdf 

 

modello rendicontazione.doc

contributo eventi venatori annualità 2019_decreto 66-CPS-2019.pdf

modello domanda.19.docmodello

  

CensimentiMC.pdf

DECRETO RISULTANZE ESAMI MACERATA 28 GENNAIO CENSITORE e SELECACCIATORE

cane Limiere MC.pdf

DECRETO RISULTANZE ESAMI MACERATA 30 GENNAIO 2019 Conduttore Cane Limiere

 

DECRETO RISULTANZE ESAME PIEDIRIPA IL 21 GENNAIO 2019

pdf Idonei Caccia ungulati con Metodi Selettivi Piediripa di Macerata 21/01/2019

  

 SOSPENSIONE DELLA CACCIA IN SIC E ZPS

Il Consiglio di stato con la sentenza 5165 del 22 ottobre con la quale ha sospeso, con effetto immediato, la caccia di tutte le specie cacciabili nei Siti Natura 2000 (SIC – Siti di Importanza Comunitaria, ZPS – Zone di Protezione Speciale, ZSC – Zone Speciali di Conservazione)

Mappa aree SIC Italia File KMZ per Google Earth 75Mb

Mappa aree ZPS Italia File KMZ per Google Earth 75Mb

Elenco aree Natura 2000 e link a mappe dei relativi perimetri

Elenco aree Natura 2000 per Comune


Calendario venatorio regionale 2018/2019

Delibera della Giunta regionale 1068 del 30 Luglio 2018

Ulteriori informazioni: date calendario e delibera

 


 

L'apertura della Stagione Piscatoria 2020 è posticipata  al 10 MAGGIO salvo nuovi provvedimenti.

________________________________________________________________________

 

APERTURA AL PUBBLICO PER RITIRO TESSERINO SEGNACATTURA PESCA ACQUE INTERNE

- SOLO SU APPUNTAMENTO -

APPROVAZIONE CALENDARIO REGIONALE DI PESCA - ANNO 2020

MODULISTICA CACCIA

 

Nuovi Moduli per l'appostamento fisso 2020:

Alla luce di approfondimenti, la DGR 1234 del 05/08/2020 apporta delle modifiche a "CRITERI E INDIRIZZI UNIFORMI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER L’ESERCIZIO VENATORIO DA APPOSTAMENTO FISSO NEL TERRITORIO DELLA REGIONE MARCHE"

Ne consegue una nuova modulistica da utilizzare per gli appostamenti fissi in ambito venatorio.

ATTENZIONE:

Nel caso un cacciatore, abbia presentato domanda alla Regione nel corrente anno per il rilascio di autorizzazione all’esercizio venatorio da appostamento utilizzando modulistica impiegata PRECEDENTEMENTE A QUELLA ATTUALE i, il funzionario responsabile valutato che le informazioni rese in tale domanda siano analoghe e sufficienti per istruire la pratica di richiesta autorizzazione potrà comunque accogliere la domanda nel caso con richiesta di integrazione di dati necessari.

 

In PDF: 

Richiesta autorizzazione all’esercizio venatorio da appostamento fisso di caccia, ai sensi dell'art. 5 della L. 157/92 e dell'art. 31 della L.R. 7 del 5/01/1995 e ss. mm. ii.​

Modulo di concessione del terreno all’impianto di appostamento fisso

 

In Word:

Richiesta autorizzazione all’esercizio venatorio da appostamento fisso di caccia, ai sensi dell'art. 5 della L. 157/92 e dell'art. 31 della L.R. 7 del 5/01/1995 e ss. mm. ii.​

Modulo di concessione del terreno all’impianto di appostamento fisso

 

 

Comunicazione opzione per l'esercizio dell'attività venatoria
Dichiarazione sostituiva dell'atto di notorietà
Corso di preparazione ed abilitazione per operatore faunistico
Richiesta esame di caccia
Richiesta esame di caccia - assenso per minori

Censimento richiami vivi
Detenzione e uso di richiami vivi dell'ordine degli Anseriformi e Caradriformi
Richiesta inanellamento a fini venatori di animali feriti
Richiesta autorizzazione all'esercizio dell'attività di tassidermia e imbalsamazione

 

Manifestazioni di gare e prove cinofile per cani da caccia:


ZAC - Domanda di istituzione e gestione
ZAC - Domanda di rinnovo
ZAC - Dichiarazioni catastali
ZAC - Dichiarazione di consenso

Richiesta autorizzazione allevamento a scopo alimentare
Richiesta autorizzazione allevamento a scopo di richiamo
Richiesta autorizzazione allevamento a scopo di ripopolamento
Richiesta autorizzazione allevamento a scopo ornamentale - amatoriale
Richiesta autorizzazione allevamento a scopo ornamentale - amatoriale: Fringillidi
Comunicazione allevamento a scopo alimentare
Comunicazione allevamento a scopo di richiamo
Comunicazione allevamento a scopo di ripopolamento
Comunicazione allevamento a scopo ornamentale - amatoriale
Comunicazione allevamento a scopo ornamentale - amatoriale: Fringillidi

Richiesta autorizzazione allevamento di cani da caccia
Comunicazione impianto di allevamento cani da caccia
Richiesta sottrazione fondo

Comunicazione fondo chiuso

Richiesta di accesso ai documenti amministrativi
 

NORMATIVA CACCIA



Normativa Comunitaria

DIRETTIVA 2009/147/CE - Conservazione degli uccelli selvatici
DIRETTIVA 1992/42/CEE - Conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatica


Normativa Nazionale

D.P.R. n.357/97 - Regolamento di attuazione della DIRETTIVA 2009/147/CE
Legge n.157/92 - Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio
Legge n.394/91 - Legge quadro sulle aree protette


Normativa Regionale

Leggi Regionali

Legge Regionale n.10/97 - Norme in materia di animali da affezione e prevenzione del randagismo
Legge Regionale n.7/95 - Norme per la protezione della fauna selvatica e per la tutela dell'equilibrio ambientale e disciplina dell'attività venatoria
Legge Regionale n.15/94 - Norme per l'istituzione e gestione delle aree protette naturali

Regolamenti Regionali

Regolamento Regionale n.1/2013 - Risarcimento dei danni prodotti dalla fauna selvatica e nell'esercizio dell'attività venatoria
Regolamento Regionale n.3/2012 - Disciplina per la gestione degli ungulati nel territorio regionale
Regolamento Regionale n.2/2001 - Attuazione della L.R. n.10/97 "Norme in materia di animali da affezione e prevenzione del randagismo" e successive modificazioni
Regolamento Regionale n.42/96 - Disciplina degli allevamenti di fauna selvatica, dei cani da caccia e della detenzione e l'uso dei richiami vivi, in attuazione degli artt. 23 e 32 della L.R. n.7/95
Regolamento Regionale n.41/95 - Disciplina delle aziende faunistico-venatorie e delle aziende agri-turistico venatorie

Deliberazioni di Giunta Regionale

D.G.R. n.1226/2016 - Approvazione del Disciplinare venatorio regionale per il prelievo del cinghiale in forma collettiva, braccata e girata, per la stagione venatoria 2016/2017
D.G.R. n.903/2016 - Approvazione dei piani di gestione dei cervidi presentati dagli Ambiti Territoriali di Caccia e dalle Aziende Faunistico Venatorie e approvazione del Disciplinare venatorio regionale per il prelievo dei cervidi in forma selettiva per la stagione venatoria 2016/2017
D.G.R. n.583/2016 - Approvazione dei piani di gestione del cinghiale presentati dagli Ambiti Territoriali di Caccia e dalle Aziende Faunistico Venatorie ed Agri-Turistico Venatorie e del Disciplinare venatorio regionale per il prelievo del cinghiale in forma selettiva per la stagione venatoria 2016/2017
D.G.R. n.583/2016 All.1-2 D.G.R. n.583/2016 All.3 D.G.R. n.583/2016 All.4a D.G.R. n.583/2016 All.4b D.G.R. n.583/2016 All.5-12 D.G.R. n.583/2016 All.13-28 D.G.R. n.583/2016 All.29-52

D.G.R. n.673/2015 - Modalità di gestione delle Aree di Rispetto
D.G.R. n.1244/2013 - Direttive per il rilascio delle abilitazioni relative alla gestione degli ungulati
D.G.R. n.242/2013 - Criteri e modalità di istituzione e gestione delle zone addestramento cani
D.G.R. n.5/2010 - Criteri ed indirizzi per la pianificazione faunistico-venatoria 2010/2015
D.G.R. n.1471/2008 - Misure di conservazione dei siti Rete Natura 2000
D.G.R. n.315/96 - Modalità di delimitazione degli istituti faunistici