Cultura

Ricerca museo > i musei di CASTELBELLINO > Museo Comunale di Villa Coppetti
Museo Comunale di Villa Coppetti


  • Indirizzo : - Via Guglielmo Marconi,30 (AN) CASTELBELLINO
  • Tel. : 0731 77881
    Fax : 0731 7788223
  • Email : costarelli@castelbellino.pannet.it   
  • Orario : aperto su richiesta, orari d’ufficio
  • Ingresso : ingresso gratuito
  • Tipologia : Arte Archeologia
  • Servizi : visite guidate

  • La sede e le collezioni
  • Attualmente ubicato al piano terra del Palazzo Comunale, ex palazzo Berarducci, edificio signorile risalente al XVII secolo, il museo verrà al piu' presto trasferito presso palazzo Coppetti, della prima metà dell'ottocento, ex dimora gentilizia dei marchesi Pianetti di Jesi. Si tratta di una piccola ma significativa raccolta che comprende tele provenienti dalla Chiesa di Santa Maria del Capoluogo - da cui il nome del museo - e reperti archeologici rinvenuti presso la Cappella del cimitero. Di particolare interesse sono "La Madonna del Rosario" di Benedetto Nucci (1515 - 1587) e due tele di Ernst van Schayck (1567-dopo 1631): "Il Crocifisso tra San Girolamo, Santa Maria Maddalena, San Francesco" e "La Vergine col Bambino, San Michele Arcangelo, San Carlo e San Bernardino da Siena". Accanto al museo e di fronte alle mura si apre, su di un ampio panorama belvedere, un'elegante loggetta della fine del cinquecento. Nell'attuale unica sala messa a disposizione nel Palazzo Comunale sono conservati, inoltre, antichi materiali provenienti probabilmente da Sant'Apollinare di Montegiorgio. In due bacheche ed in un ripiano sono esposti reperti archeologici provenienti dal territorio; si tratta di materiale di epoca romana, in gran parte frammentario, raccolto nel sito di una villa romana in località Mattonato. Nell'area, scavi settecenteschi rinvennero un rilievo in bronzo con scena di sacrificio alla dea Iside, donato poi ad un antiquario francese, oltre ad una serie di ambienti con pavimenti a mosaico e resti di colonne con intonaco rosso. Tra i materiali raccolti in epoca recente, si riconoscono frammenti laterizi, di mosaico pavimentale, di decorazioni architettoniche, insieme a frammenti di anfore e ceramiche varie di epoca romana, approssimativamente databili tra la fine dell'età repubblicana e il I sec. d.C. (ceramica a vernice nera, terra sigillata).

    Recentemente la collezione del museo si è accresciuta di altri importanti documenti provenienti dalle donazioni Annita Garibaldi Jannet (foto fotografie e testimonianze scritte riguardanti le famiglie Garibaldi e Canzio) e Romiti – Mosullani (fotografie e documenti riguardanti Giuseppe e Annita Garibaldi e ricordi di Garibalda Canzio).



  • Stampa