Cultura

Ricerca museo > i musei di MONTALTO DELLE MARCHE > Musei Civici - Pinacoteca – Museo Archeologico – Museo “L’Acqua, la Terra, la Tela” – Antiche Carceri Sistine
Musei Civici - Pinacoteca – Museo Archeologico – Museo “L’Acqua, la Terra, la Tela” – Antiche Carceri Sistine
  • Indirizzo :Palazzo Comunale - Piazza Umberto I,12 (AP) MONTALTO DELLE MARCHE
  • Tel. : 0736828015
    Fax : 0736828002
  • Email : com.montalto@provincia.ap.it   
  • Sito web : http://www.retemusealedeisibillini.it
  • Orario : in inverno sab e dom h15-17 e la matt su richiesta; in estate h 17-19 e 16-24 in occasione di feste
    Note : MUSEO CHIUSO
  • Tipologia : Arte Archeologia
  • Servizi : Area per accoglienza, Fototeca, Sala conferenze, Sala proiezione audio/video, Biglietteria on line

  • La sede e le collezioni
  • I musei sono ubicati nello Storico Palazzo Comunale, edificio del 1587. la pinacoteca raccoglie parametri, arredi sacri e dipinti che provengono da edifici di ordine religioso soppressi nel 1860 e da alcune chiese del territorio circostante. Completano la raccolta numerose fotografie storiche di Montalto e del territorio della fine dell’Ottocento e dei primi del Novecento.

    Il museo archeologico raccoglie reperti provenienti dal territorio a partire dal Neolitico fino al periodo paleocristiano: frammenti ceramici e oggetti in selce del periodo neolitico, grani di collane e punte di lancia del periodo piceno, epigrafi in marmo del periodo romano e paleocristiano e monete in bronzo. Gli ambienti offrono una suggestiva architettura, con volte reali, archi, un antico pozzo per l'acqua nonchè, nel sottosuolo, un piccolo labirinto di grotte con incroci di cunicoli a volta.

    Gli oggetti e gli attrezzi depositati, in perfetto stato di conservazione e restaurati, sono illustrati da pannelli descrittivi a carattere didattico: le pale del mulino, i telai, il carro, gli aratri, i gioghi.

    Nello stabile che ospita il museo è inoltre possibile visitare il percorso delle antiche carceri del Presidato sistino con arredi ricostruiti sulla base di un inventario del 1604 e con un impianto fonico con cui si raccontano le storie autentiche dei carcerati drammatizzate dalla compagnia del Teatro delle Foglie.



  • Stampa