Contatti

Servizio Protezione Civile 
Direttore: geol. David Piccinini

Via Gentile da Fabriano, 3 
60125 Ancona 
Tel. 071 806 4006 
Fax 071 806 2419 

EMAIL: servizio.protezionecivile@regione.marche.it 
PEC:  regione.marche.protciv@emarche.it

Il Servizio Regionale

Il sistema regionale

Nel 2001 la Regione Marche ha approvato la propria legge regionale  (L.R. 32/01) che, in linea con la normativa nazionale, disciplina il sistema regionale di protezione civile, attribuendo compiti e funzioni agli enti locali e alle autorità competenti anche attraverso la predisposizione di indirizzi regionali, linee guida e procedure operative per la gestione di situazioni di emergenza.

La struttura regionale di protezione civile, svolge attività di programmazione, previsione e prevenzione dai rischi, al fine di salvaguardare la pubblica e privata incolumità nonchè per sviluppare una diffusione capillare della "cultura di protezione civile".

Durante i periodi di emergenza, le competenze del servizio regionale sono quelle relative al coordinamento e alla definizione delle modalità di partecipazione della Regione Marche e degli Enti Locali, Province, Comuni e Comunità Montane in concorso con gli enti e le strutture facenti parte sistema regionale.

Il sistema protezione civile è la struttura della Regione Marche che si occupa delle tematiche della protezione civile negli ambiti di previsione, prevenzione e soccorso; di recente sono state affidate al sistema anche le competenze regionali in materia di sicurezza locale, per rispondere alle esigenze delle politiche della sicurezza integrata; all’interno della Regione dipende funzionalmente dal Gabinetto del Presidente ed è inserita per quanto riguarda la parte più propriamente amministrativa alle dipendenze della Presidenza della Giunta Regionale.

Attività Servizio di Protezione Civile

Le principali attività svolte dal sistema, sono:

La previsione: il sistema si occupa di tutte quelle attività volte allo studio ed alla determinazione delle cause dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi nonchè alla individuazione delle zone del territorio soggette ai rischi medesimi

La prevenzione: nell'ambito delle azioni di prevenzione il servizio svolge attività dirette ad evitare danni a persone o cose. si ricollega inoltre in maniere particolare alla dettagliata conoscenza del territorio e alle varie ipotesi di rischio del territorio creando le basi per la predisposizione di linee guida e indirizzi per piani e programmi di protezione civile.

La pianificazione: il sistema oltre alla redazione della pianificazione regionale (piano di emergenza, piano regionale per la lotta agli incendi boschivi, piani per il soccorso agli automobilisti in difficoltà in occasione degli esodi estivi e delle conseguenze di neve e ghiaccio), supporta le amministrazioni per la redazione dei piani di propria competenza, anche con la diretta collaborazione del proprio personale e con l’assegnazione di risorse finanziarie che i Comuni possono utilizzare per incentivare il proprio personale per la redazione dei piani stessi. Importante è anche l’attività relativa alla cosiddetta pianificazione speciale: i piani di massimo afflusso feriti e di evacuazione per le strutture sanitarie, i piani di emergenza di aeroporto, ferrovie per citarne solo alcuni vedono il personale del servizio direttamente impegnato.

La formazione e l’informazione per gli addetti al sistema e per la popolazione: vengono realizzate attività formative per le scuole, dirette ad insegnati, personale ATI e, naturalmente i ragazzi. Si cerca di incentivare gli istituti scolastici ad occuparsi della protezione civile attraverso un concorso regionale, si realizzano strumenti didattici ed opuscoli informativi rivolti alle diverse fasce di età. Particolare cura viene posta nella formazione degli addetti al sistema con la progettazione e realizzazione di attività formative teorico pratiche rivolte alle componenti istituzionali  del sistema, ma anche al volontariato, ai tecnici ed alla Polizia Municipale dei Comuni. Sono state avviate iniziative di parternariato con l’Università per la realizzazione di corsi di laurea in protezione civile e per consentire agli studenti di effettuare stages e percorsi formativi all’interno del servizio.

Il supporto giuridico amministrativo: meno visibile forse, ma altrettanto importante è il supporto che viene fornito agli Enti Locali in materia giuruidico – amministrativa. La corretta utilizzazione e rendicontazione delle risorse, ma anche i suggerimenti rispetto all’organizzazione, alle dotazioni, all’adozione degli atti fondamentali sono di notevole aiuto al sistema.

Le attività di studio e ricerca: afferiscono all’ambito di previsione e prevenzione. In maniera autonoma o in sinergia con Università e servizi tecnici nazionali si opera per una più approfondita conoscenza dei rischi che incombono sulla regione e sulle modalità per mitigarne gli effetti. Fra tutti si citano le attività rivolte alla microzonazione sismica del territorio ed il convenzionamento con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia che ha portato alla unificazione e gestione comune della rete sismometrica nazionale e regionale.

La organizzazione e gestione del volontariato di protezione civile: le attività sono molteplici e vanno dalla redazione di indirizzi e linee guida alle consulenze tecniche, alla realizzazione di attività formative specifiche, di esercitazioni e manifestazioni su tutto il territorio della regione. A supporto del volontariato il servizio provvede inoltre alla assicurazione dei volontari per morte ed infortuni ed al rimborso delle spese sostenute per assicurazioni e tasse di possesso dei mezzi in dotazione alle organizzazioni di volontariato. E’ stato realizzato il data base del volontariato regionale e si è operato per avere rappresentanze elettive del volontariato stesso.

Gli interventi in emergenza: il personale del sistema, in stretta collaborazione con le altre componenti della protezione civile, garantisce l’effettuazione degli interventi in emergenza sul territorio della regione e, in accordo con il Dipartimento della Protezione Civile e delle regioni volta per volta interessate, sul territorio di altre Regioni e, in caso di necessità all’estero.

Polizia locale e Politiche integrate per la sicurezza

Responsabile 

Leopoldo Barra - Email 

Personale assegnato 
Federica Gatto - Email 


Svolge compiti di coordinamento e supporto alle polizie locali,  municipali e provinciali.

Organizza, in collaborazione con la scuola di formazione del personale regionale, e su proposta del comitato tecnico regionale per le attività di polizia locale, corsi di prima formazione per i nuovi assunti in polizia locale, corsi e seminari di studio e aggiornamento per comandanti, ufficiali e operatori di polizia locale.

Cura la pubblicazione di una specifica rivista su temi di grande interesse della polizia locale e predispone da diversi anni il calendario della polizia locale.

Svolge inoltre attività di studio ed approfondimento in materia di sicurezza locale ed attualmente lavora alla modifica e l'adeguamento della normativa regionale in materia di polizia locale ad opera della Legge Regionale N. 1 Del 17 Febbraio 2014.

Il sito web dedicato è WWW.MARCHESICURE.IT