Edilizia e Lavori Pubblici

News ed Eventi

mercoledì 7 novembre 2018  04:25 

Nei comuni colpiti dal terremoto del 2016 sarà possibile condonare al momento della richiesta di contributo fino al 20% della cubatura esistente. È quanto riporta l'articolo 39 ter del decreto Genova ora in Senato. 

Fonte: @neXt quotidiano 

“E’ da un anno - ha commentato il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli - che chiediamo di portare al 20% la quota sanabile senza procedura per togliere le piccole difformità. Noi avevamo già previsto in una legge regionale, emanata ad inizio sisma, questa percentuale, che è la stessa dettata dal “piano casa”, perché per sistemare una piccola difformità ci vogliono anche sei mesi. Questi tempi scoraggiano i cittadini a mettersi in moto, rallentando molto la ricostruzione. Ora la gran parte dei progetti può invece correre."

"L’obiettivo vero non è dare una mano a chi ha fatto abusi ma accelerare il percorso di ricostruzione su questo segmento. Questo è un grosso ostacolo, ma oggi il ritmo di 30 pratiche alla settimana è insufficiente. Deve essere chiaro che questo tipo di semplificazione non inciderà su quel numero perché sta a monte, cioè nella parte che seguono i comuni. E’ necessario che il governo riprenda il dialogo con le Regioni. La voce dei territori deve essere ascoltata perché è inutile prevedere questa misura se non si risolvono anche altri colli di bottiglia con il contributo di tutti i soggetti locali coinvolti nel sisma."

"Bisogna comunque tener conto che la ricostruzione nelle Marche parla di 45mila edifici da mettere a posto, un numero importante di interventi da fare. In un patrimonio edilizio che per la sua gran parte ha più di 40 anni è possibile che l’edificio realizzato sia differente rispetto a quello approvato allora sulla carta. Negli 87 comuni del cratere marchigiano gran parte delle aree è in montagna dove i valori al metro quadro sono di 600-700 euro. Il valore di mercato dell’immobile è quasi sempre inferiore al costo di costruzione per realizzare lo stesso metro quadro. Esclusi i centri più grossi come Ascoli o Macerata la gran parte dei centri del cratere è fatta di piccole realtà dell’entroterra in difficoltà da prima del terremoto. Non c’è nessuna speculazione ma solo il desiderio di semplificare la procedura”.