Categorie

venerdì 26 agosto 2016  09:30 

Relativamente alla gestione dell’emergenza sanitaria risulta ormai definito ilnumero di feriti ricoverati: 34 all’ospedale di Ascoli Piceno, 19 in quello di San Benedetto, 11 in strutture private convenzionate dopo essere stati curati negli ospedali di Ascoli e San Benedetto, 11 ad Ancona.

E’ attivo un ambulatorio ad Arquata del Tronto, mentre i medici di medicina generale offrono assistenza dalle 8 alle 20 Ai residenti.

Oggi è entrata in funzione l’ambulanza con medico per garantire assistenza h24mentre si sta perfezionando l’attivazione di un secondo ambulatorio e della piattaforma per il servizio di telemedicina in collegamento con l’Inrca che permetterà le funzioni sanitarie di cardiologia, diabetologia e dermatologia. Presente anche un pulmino dedicato ai disabili. Per quanto riguarda i servizi dipediatria, per ora sembra sufficiente l’attività garantita dal pediatra di libera scelta operante ad Arquata, considerata la maggioranza di persone anziane abitanti nelle zone colpite dal terremoto. Grazie al provvedimento della Giunta regionale, poi, è garantita l’assistenza gratuita da parte dei medici di medicina generale di comuni non interessati dal terremoto nei confronti di pazienti provenienti dalle zone terremotate. Sono inoltre in distribuzione gratuita i farmaci anche in fascia C. Prosegue, perché molto richiesta, l’attività di assistenza psicologica alla popolazione anche grazie all’Asur che ha attivato un coordinamento specifico. Da domani parte la distribuzione di pasti per celiaci.

E’ in corso di definizione la localizzazione di un punto di presidio veterinariocongiuntamente con l’Istituto zooprofilattico di Marche e Umbria e l’Università di Camerino.

Al numero verde d’emergenza 840 001111 è possibile rivolgersi anche per i problemi relativi ai ricongiungimenti familiari. Ulteriori aggiornamenti sul sito della Protezione civile regionale: http://protezionecivile.regione.marche.it/