PSR 2014-2020

Programma di sviluppo rurale Regione Marche 2014-2020

News

lunedì 11 dicembre 2017  11:58 

Barbara Alfei è la vincitrice del contest #marcherurali per il mese di novembre.

Il contest fotografico è stato lanciato il 1 aprile 2017 dal Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020 della Regione Marche e da Yallers Marche per raccontare, attraverso le immagini, la ruralità delle terre marchigiane, le persone che la vivono, i valori che la animano e che sono al centro degli investimenti del nuovo PSR.

Barbara, oltre a essere una appassionata di fotografia, lavora per Assam e collabora con la Regione Marche anche per il PSR Marche. Le abbiamo rivolto alcune domande sul suo modo di intendere il legame con il territorio, quale sia il carattere distintivo e unico delle Marche rurali e il ruolo del PSR Marche nel migliorare questa terra. 

Conoscevi già il Programma di sviluppo rurale delle Marche? 

 

Pensi che sia utile per lo sviluppo delle aree rurali marchigiane? 

Sicuramente sì; sostenere e finanziare interventi nel settore agricolo stimola le aziende ad aumentare la professionalità, innovarsi, confrontarsi, acquisire competitività, migliorando la redditività dell’impresa.

 

Tra questo elenco di obiettivi del PSR quale secondo te sono i più importanti per lo sviluppo della ruralità marchigiana? E perché?
1.innovazione e conoscenza;
2.competitività e sviluppo;
3.filiere;
4.ecosistemi;
5. uso efficiente delle risorse (es. rinnovabili);
6.inclusione sociale e sviluppo economico.

Tutti sono sicuramente importanti e collegati tra di loro.

Conoscenza, professionalità degli operatori, spirito imprenditoriale e di innovazione, nel rispetto della tradizione, con particolare attenzione a prodotti di qualità e certificati e all’ambiente che ci circonda, sono alla base di una maggiore competitività delle imprese e dello sviluppo economico.

 

Cosa rende uniche le Marche rurali?

Il grande patrimonio di biodiversità che contraddistingue la nostra regione, il legame indissolubile tra prodotto e territorio, il forte attaccamento alle tradizioni agricole, l’amore per la terra e il proprio lavoro.

 

Ci sono sempre più giovani che scelgono di costruirsi un futuro con il lavoro della terra. Secondo te perché?

Una gestione dell’agricoltura sempre più professionale e innovativa, meno tradizionale, consente di produrre reddito dall’agricoltura marchigiana. I giovani hanno voglia di ricostruirsi un futuro, tornando ai valori del passato.

 

Quando è stata scattata la foto vincitrice? Ricordi a che ora e dove? 

Osimo, domenica 12 novembre, intorno alle 11 di mattina.

 

Per quale motivo ti trovavi in quel posto?

Per fotografare i colori dell’autunno sulle vigne del Conero, in una bella giornata di sole … avevo voglia di catturare immagini in un periodo in cui i vigneti fotograficamente esprimono il massimo.

 

Hai qualche legame affettivo con il posto fotografato? 

Vicinanza a casa e alla sede di lavoro; la stagionalità dei vigneti del Conero regala ogni volta colori ed emozioni, con i paesi sullo sfondo, Osimo da un lato e Camerano dall’altro.

 

Quali emozioni hai provato a realizzare questo scatto?

I colori dell’autunno uniti a perfette geometrie … è impressionante vedere come disegna bene la natura, guidata dalla mano dell’uomo.

 

Lo scatto ha richiesto preparazione o è stato fatto d’istinto?

Nessuna preparazione particolare; camminando lungo la strada, sono rimasta colpita dall’immagine che gli occhi hanno focalizzato … perfette geometrie disegnate dai filari di vite, rese particolarmente gioiose dai colori dell’autunno illuminati dal sole; quindi con la macchina fotografica ho cercato lo scatto che consentisse di rendere partecipi gli altri delle emozioni che provavo io.

 

Fai fotografie per passione o è il tuo lavoro? 

Per passione, da un paio di anni; ho partecipato a un corso di “Fotografia di gusto” con il maestro Giorgio Tassi; mi piace cercare scatti che possano catturare le mie emozioni e il mio stato d’animo, in quel preciso momento …. “hic et nunc”.

 

Qual è il tuo rapporto con i social? 

Posto su Facebook e su Instagram le foto che mi piacciono di più, per provare a trasmettere agli amici le mie emozioni.

Utilizzo Fb anche per divulgare iniziative di lavoro, tramite il profilo personale e le pagine che gestisco.

 

Quali emozioni vuoi trasmettere con le tue foto? 

Emozioni a colori …..vivere a colori, cercare i colori nella realtà che ci circonda, cogliere le sfumature di colore nella stagionalità della nostra terra.

 

Grazie Barbara! Vi diamo appuntamento a dicembre e vi ricordiamo di inserire l’hashtag #marcherurali nelle vostre foto per partecipare al nostro contest.

PSR_Marche1 fedele@culturalavoro.it PSR_Marche1